La Ferrari risponde alla polemica scatenata dalla frase pronunciata da Rob Smedley durante il Gran Premio di Singapore

La Ferrari risponde alla polemica scatenata dalla frase pronunciata da Rob Smedley durante il Gran Premio di Singapore

Parole, parole, parole… Al Grillo Rampante – ma non soltanto a lui, a leggere anche certi quotidiani inglesi – è venuto in mente William Shakespeare quando si è imbattuto nella polemica artefatta scatenata dalla frase pronunciata da Rob Smedley durante il Gran Premio di Singapore.

Se è vero che l’ingegnere di pista di Felipe Massa si è lasciato prendere dalla foga del momento e ha usato una parola (“destroy”) non certamente felice ma comunque priva di qualsiasi intento malizioso – ogni tanto si stenta a credere che Rob sia nato a Middlesbrough … – è altrettanto vero che quella frase è stata detta a Felipe quando si trovava all’uscita della curva 5 nel corso del giro 11 della gara, quello che si sarebbe concluso con il pit-stop simultaneo del ferrarista e di Hamilton: nulla quindi a che vedere con il contatto avvenuto fra lo stesso Felipe e Lewis nel corso del giro successivo.

Non ci sarebbe voluto molto per evitare un simile fraintendimento ma sono cose che succedono in un mondo frenetico come la Formula 1. Alla fin fine, come direbbe il Grande Bardo, molto rumore per nulla.

Ferrari

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

53 commenti
  1. lettore

    4 Ottobre 2011 at 21:18

    carissimi… non vi piacciono gli articoli? bene fate un favore a voi stessi andate a postare da latre parti perchè fino a poco fa esaltavate gli articoli soprattutto quando criticavano lew

  2. MARIO

    4 Ottobre 2011 at 22:18

    ASTRON.O LADRONSO w lEWIS

  3. jack

    4 Ottobre 2011 at 23:30

    assolti perche il fatto non sussiste
    voltiamo pagina please XD

    • Elena (Mclaren)

      5 Ottobre 2011 at 12:46

      ..mi ricorda qualcosa di recente questa frase…hihiih

  4. Zardoz

    5 Ottobre 2011 at 11:00

    Certo che siete bravi a girare la frittata, ribadisco che il comportamento più antisportivo è quello tenuto da Hamilton che per superare è disposto a rovinare le gare degli altri, salvo poi mettere la faccina da Whinnie the Pooh e chedere scusa, non di sua iniziativa ma dietro richiesta del team. E vi stupite pure che nessuno lo rispetta, bah!!

    • Roman

      5 Ottobre 2011 at 12:24

      Peccato che se non ci fosse lui ci sarebbe una bella fila di taxisti in colonna.

      • Frenk

        5 Ottobre 2011 at 13:48

        Sì,ma con lui c’è sempre l’ingorgo per incidente 😉

  5. sandro

    5 Ottobre 2011 at 12:04

    l’unico problema è che Smedley non sa usare le parole, ovvero ne dice troppe, vedi anche il famoso “Nando è più veloce di te” e dopo il sorpasso “Scusa”

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati