Ferrari, Massa: “Spero di non avere brutte sorprese anche in Giappone”

Ferrari, Massa: “Spero di non avere brutte sorprese anche in Giappone”

Come ho già detto la scorsa settimana, il Gran Premio di Singapore è ormai archiviato e non ci sono motivi per parlare ancora di un fine settimana che non è certo stato positivo per me. Meglio concentrarsi sul prossimo weekend di gara, quello del Giappone, sperando che inizi bene e finisca senza brutte sorprese. Ah, solo una cosa prima di voltare davvero pagina.

Mi hanno detto che c’è stato un po’ di polverone in seguito ad una frase detta dal mio ingegnere di pista alla radio durante la gara. A parte il fatto che non mi ricordavo proprio di quanto aveva detto Rob, penso che non serva a niente adesso fare polemiche e tentare di collegare questo episodio con il successivo contatto con Hamilton: sono due fatti separati e non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro. Sono sicuro che con Lewis avremo modo di chiarirci e mettere una pietra sopra su tutta questa storia, com’è giusto che sia fra due piloti. Quello che succede in pista deve rimanere lì.

Mi piace molto la pista di Suzuka e, in termini di divertimento, è alla pari con Spa, soprattutto perché ci sono molte curve veloci che sono impegnative e danno davvero soddisfazione quando si affrontano nella giusta maniera. In realtà c’è un bel mix di curve in questo tracciato, come le Esse dopo la prima: lì ci vuole una macchina molto buona nei veloci cambi di direzione altrimenti si rischia di perdere tanto tempo prezioso. Nel secondo settore c’è il tornantino e poi la curva del Cucchiaio, un punto molto interessante. Si parla molto della 130R ma, sinceramente, una volta che è stata modificata per ragioni di sicurezza è diventata un po’ come l’Eau Rouge a Spa e si percorre praticamente in pieno.

Il 2006 fu un anno molto buono per me a Suzuka: conquistai la pole position e finii la gara al secondo posto. Certo sarebbe bello ripetersi ma dobbiamo essere realisti: abbiamo degli avversari fortissimi… Per capire quali potrebbero essere le nostre vere possibilità dovremo aspettare fino alla prima giornata di prove, quando cominceremo a farci un’idea di dove saremo rispetto agli altri: quest’anno abbiamo visto che le attese della vigilia sono state più di una volta smentite e magari siamo andati forte su piste dove in teoria non doveva essere così e viceversa. Spero che potremo essere in grado di lottare per le posizioni di vertice anche se, a questo punto della stagione, non ci saranno molte novità in termini di sviluppi aerodinamici e di altro genere. Anche se a noi piloti la pista piace molto è vero che spesso la corsa è stata un po’ frustrante perché i sorpassi non sono mai stati facili ma stavolta, fra DRS, KERS e ruolo delle gomme Pirelli, credo che la situazione cambierà. Credo che ci sia l’intenzione di avere due zone per usare l’ala posteriore mobile in gara, il che sarebbe un grande aiuto.

Sono contento di andare in Giappone. Ho sentito dire che alcuni dei piloti di Moto GP pensavano di boicottare il loro Gran Premio del Giappone, che si svolge su un circuito più vicino alla centrale nucleare di Fukushima, ma noi corriamo a Suzuka, situata in una parte totalmente diversa del Paese. Non ho alcuna preoccupazione ad andare in Giappone e penso che sia un bene che la Formula 1 offra il consueto spettacolo in una nazione che ha sempre apprezzato il nostro sport. Mi piace il Giappone, non soltanto la pista dove corriamo, e sono felice di poter fare anche lì il mio lavoro, sperando di vedere le persone contente e sorridenti. A Suzuka si sente la passione che hanno per la Formula 1 e non vedo l’ora di arrivarci.

E’ arrivato anche il momento di cominciare a pensare all’evento di kart che ormai da diversi anni organizziamo a Florianopolis, in Brasile, nel mese di dicembre. E’ bello che tanti piloti di Formula 1 abbiamo già deciso di parteciparvi. L’organizzazione è in larga parte nelle mani di mio padre, mio fratello e un amico ma anch’io sono coinvolto, soprattutto nell’invitare i miei colleghi. E’ un’avventura iniziata un po’ come un divertimento ma adesso è diventata un vero evento, che cresce ogni anno di più. Vi chiedete perché un pilota voglia passare un altro weekend in una pista di kart al termine di una stagione già lunga e faticosa? Si guida su un tracciato piccolo quindi la velocità è molto elevata, il che avvicina la gara ad una di Formula 1 in un certo modo. Inoltre, è l’opportunità per competere finalmente tutti alla pari, con lo stesso mezzo: prima di ognuna delle due gare ogni pilota riceve un telaio e un motore completamente nuovo, stabilito da un sorteggio.

Venerdì scorso sono stato ad un evento del nostro sponsor primario, Philip Morris, a Belgrado, e ieri sono partito alla volta di Tokyo, dove trascorrerò u paio di giorni prima di andare a Suzuka giovedì mattina. Mancano cinque gare alla fine di questo campionato e spero tanto di avere delle chance di chiuderlo con qualche bel risultato.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

156 commenti
  1. Beppe (tifoso Redbull)

    4 Ottobre 2011 at 17:12

    Sostengo comunque che un pilota con l’ingaggio che percepisce annualmente dovrebbe offrire qualche prestazione positiva per rispetto della scuderia in cui corre e soprattutto per il rispetto dei tifosi Ferrari.
    Basta con le solite e banali scusanti:
    – l’anno scorso il problema erano la temperatura delle gomme;
    – quest’anno sono le nuove gomme Pirelli e gli assetti, il traffico in pista, le strategie errate, ecc… (aggiungete Voi altro)

    Beppe

    • Originalibero

      4 Ottobre 2011 at 17:58

      …cambio sgranato, toccate di Webber e Hamilton, ruote montate in NON velocità, risultati “deludenti” di Ferrari, arrivando MASSA 4o e ALONSO 8o…
      Poi vabbè, ci sono anche soventi pratiche nel mondo della Formula 1 per rendere NON prestazionale un auto di questo o l’altro pilota.
      Un esempio? La ruota dimenticata nel 1999 di Irvine ai box (dalla serie, Schumy che era quasi 4 anni, strapagato abbondantemente, cercando di diventare campione del mondo…arriva lui….etc etc), pressioni di gonfiaggio inferiori alla norma, aggiornamenti scadenti per il compagno di squadra..(queste ultime due pratiche si facevano alla Jordan di Pantano e alla Benetton, gestione Briatore…)
      Se non vado made con la mia memoria, ricordo anche la mancata vincita del mondiale di Riccardo Patrese, poichè le politiche britanniche di Williams non consentirono, in quanto il preferito era Mansell….
      Vabbè…

    • michele

      4 Ottobre 2011 at 17:58

      A me pare che il suo odiato avversario Ham va come un treno sia sull’asciutto sia sul bagnato e senza raccomandazioni…. anzi come dice qualcuno…”il potere logora chi non ce l’ha” e lo stanno proprio logorando compreso il caro massa che ha pensato bene di organizzare riunioni (se è stato lui).. per farlo fuori.
      Speriamo piova a suzuka…così vedremo massa alle prese con …..il pattinaggio a rotelle!

  2. Federico Barone

    4 Ottobre 2011 at 20:08

    Secondo me Massa ha perso l’occasione della vita, nel 2008.
    Ma questo non è un buon motivo per continuare a deliziarci con scuse maledizioni alla sfortuna. Alla fine ognuno ha quello che si merita.
    Alcuni un po’ di più altri un po’ di meno. Ma la ripartizione è generalmente abbastanza giusta.

  3. alonsoferrari

    4 Ottobre 2011 at 21:10

    SPERIAMO VERAMENTE DI AVERE BELLE SORPRESE IN GIAPPONE DOPO LA TANTA SFORTUNA.DAI FELIPE!

  4. Ale

    4 Ottobre 2011 at 23:03

    E IO RIPARTO E RINFORZO:

    GRANDE FELIPE IO SONO CON TE TORNERAI QUELLO DI UN TEMPO E FARA IL CU.O A TUTTIIIII

  5. Ale

    4 Ottobre 2011 at 23:06

    GRANDE FELIPE FATTI LA MACCHINA DA SOLO, ANZI CORRI CON IL TUO GO-KART ALMENO NON TI BOICOTTANO LA MACCHINAAA

  6. misteriusman

    5 Ottobre 2011 at 01:19

    Spero che nel 2012 nel team Ferrari la fortuna faccia un inversione di persona, passi da Culonso che seppur assistito da sfacciata fortuna è stato capace di perdere un mondiale gia vinto all’ultima gara del 2010(nonostante la vergognosa frase alla radio “questo è ridicolo”),e passi su Massa che pur essendo sfortunatissimo a pareggiato un mondiale gia perso nel 2008 (perso poi solo per conteggio delle vittorie a lui sfavorevole) pur vincendo la gara!!!!!!!!!

    Forza Massa tira fuori gli attributi e schiaccia quell’ipocrita di Culonso.

    Saluti a tutti

  7. JDM

    5 Ottobre 2011 at 10:07

    Troppi tifosetti da stadio…

  8. Antonio

    6 Ottobre 2011 at 19:12

    Caro Felipe, dipende. Ormai avrai capito che se avrai la “sfortuna” di trovarti davanti a Luigino Hamilton significherebbe essere prima o poi tamponato , … e sentirti poi dire da certi pseudo intenditori di F1 (hamiltoniani, mclarenisti)che è colpa tua, perchè Re Luigino Hamilton e mcladren non possono permettere di essere ostacolati da un Massa su Ferrari!
    Facci un gran piacere caro Felipe, … se dovessi trovarti Luigino Hamilton a tiro sbattilo fuori senza complimenti, come Senna fece nel 90 con Prost.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati