Hamilton: “Presto per giudicare il valore degli aggiornamenti, ma la MP4/27 è migliorata”

L'inglese della McLaren attende le Qualifiche per capire il vero potenziale della sua vettura aggiornata

Hamilton: “Presto per giudicare il valore degli aggiornamenti, ma la MP4/27 è migliorata”

Lewis Hamilton non è in grado di trarre conclusioni definitive sulla qualità delle nuove parti che hanno aggiornato la MP4-27 al GP di Germania. La pioggia ha impedito valutazioni concrete, ma è fiducioso che la McLaren abbia fatto un passo avanti.

I due alfieri della McLaren sono scesi in pista a Hockenheim venerdì mattina con fiancate nuove, una versione aggiornata dell’ala posteriore e una serie di aggiornamenti “sotto la superficie”. Tuttavia, anche se il team ha chiuso in testa con entrambe le vetture nella FP1, la seconda sessione non ha visto lo stesso livello di prestazioni. Ed è per questo che Hamilton è reticente a dare qualsiasi tipo di giudizio sul nuovo pacchetto tecnico. “Abbiamo avuto solo un paio di giri sull’asciutto e non siamo riusciti a lavorarci in modo da verificare i miglioramenti rispetto alla vettura avuta a Silverstone”, ha commentato l’inglese. “Ma la macchina è stata abbastanza competitiva per tutto il giorno, quindi posso dire che è stato davvero un buon lavoro e mi complimento coi ragazzi”.

La pioggia ha impedito alla McLaren di comprendere se sono riusciti a chiudere il gap con Red Bull, Ferrari e Lotus. “Non sapremo la loro posizione fino a domani, e se è bagnato in Qualifica allora potremmo non saperlo fino al momento della gara, ma è sicuramente un passo avanti. Quanto sia grande, non posso davvero dirlo”, ha aggiunto Hamilton. “La pioggia è un problema: nell’ultima gara, ho preparato la vettura per una gara bagnata perché hanno detto che sarebbe piovuto e poi è stata una gara asciutta, così ho intenzione di preparare la macchina per le Qualifiche e quello che sarà, sarà”, ha chiuso un Hamilton insolitamente fatalista.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati