Gran Premio d’Italia 2016: Anteprima e Orari del Weekend

Quattordicesimo Appuntamento del Mondiale

Gran Premio d’Italia 2016: Anteprima e Orari del Weekend

Orari

Venerdì 2 Settembre

Libere 1: 10:00-11:30 (Sky Sport F1 HD – RaiSport)

Libere 2: 14:00-15:30 (Sky Sport F1 HD – RaiSport)

Sabato 3 Settembre

Libere 3: 11:00-12:00 (Sky Sport F1 HD – RaiSport)

Qualifiche: 14:00 (Sky Sport F1 HD – Rai 2)

Domenica 4 Settembre

Gara:14:00  ̶  53 giri  ̶  306,720km (Sky Sport F1 HD – Rai 1)

Gara Precedente

Dopo la lunga pausa estiva ben poco è cambiato nelle gerarchie della Formula 1 e la gara di Spa ci ha ancora una volta confermato quello che già si stava delineando prima delle vacanze. La Mercedes, nonostante le difficoltà incontrate nel weekend belga è comunque riuscita a cogliere una vittoria ed un terzo posto, occupando ben due posti sul podio sebbene il suo pilota di punta, Hamilton, partisse dall’ultima fila. La RedBull si conferma ancora una volta più veloce della Ferrari, o meglio riesce alla fine a raccogliere di più da quello che semina nell’arco dei tre giorni di gara. La Ferrari butta alle ortiche un’altra occasione per raddrizzare questa stagione ormai sempre più sulla via del fallimento. Ancora nessuna vittoria, e lo spettro del 2014 aleggia sempre di più in quel di Maranelllo. Non riuscire a vincere neanche una gara significa di certo non avere avuto fortuna, ma anche aver dato in mano ai piloti una macchina non vincente. In gran forma anche le Force India, che chiudono al quarto e quinto posto lì dove della velocità di punta si fa un’arma vincente.

Pronostici di F1GrandPrix.it

Una pista di motore come Monza non può che vedere prevalere le Mercedes. A Spa Lewis ha voluto mandare comunque un segnale forte a Nico facendo segnare il miglior crono proprio verso la fine della corsa, per cui l’uomo da battere rimane sempre lui. Dietro troviamo una ritrovata Ferrari, che nonostante il fattaccio della partenza aveva di fatto un passo davvero interessante, oltre alle Red Bull che si riconfermano anche dopo la pausa estiva. Occhio poi alle Force India: in una pista così veloce potrebbero essere l’incognita (ma non troppo) capace di inserirsi nella lotta tra i due Team precedentemente citati.

Circuito

Nome: Autodromo di Monza.

Luogo: Monza/Biassono/Vedano/Lesmo, Monza e Brianza, Lombardia, Italia.

Costruzione: L’Autodromo di Monza venne costruito nel 1922 in soli 110 giorni, e comprendeva un tracciato costituito dalle strade già esistenti nel parco più un anello dell’alta velocità a formare un circuito a otto. Allora poteva vantare di essere il terzo circuito permanente al mondo. Nel corso degli anni il tracciato ha subito numerosi interventi e modifiche, l’anello dell’alta velocità è stato abbattuto e ricostruito nel 1954, e sono state aggiunte le chicane che esistono ancora oggi. Precisamente nel 1976, per abbattere le velocità altissime che si raggiungevano su questo tracciato vennero realizzate le chicane permanenti della Roggia, la Variante Ascari e la prima Variante. Nel 1994, 1995 e 2000 vennero modificate la prima Variante, venne asfaltata la via di fuga della Roggia e venne modernizzata tutta la struttura dei box. Negli ultimi anni è stata parzialmente asfaltata anche la via di fuga della prima variante e quella della parabolica. Nonostante questi accorgimenti per rallentare le vetture e dare ai piloti più sicurezza, Monza rimane il tracciato più veloce del campionato, dove si toccano picchi di velocità elevatissime, e non raramente si assiste ad incidenti pericolosi anche in pieno rettilineo.

Distanza a giro: 5,793km.

Numero di curve: 11, sette a destra, quattro a sinistra.

Senso di marcia: orario.

Dati Tecnici:

Carico Aerodinamico: Basso Medio Alto
Apertura del Gas: 74% del giro.
Consumo di Carburante al Giro: 1,88 kg/giro
Velocità Massima: 360 km/h
Possibilità di Safety Car: 30%
Tempo di percorrenza della pit lane con sosta: 24 secondi.
Possibilità di Sorpasso: Facile Medio Difficile
Vincitori dalla Pole Position: 23 su 65 edizioni in questo tracciato.
Peggior Posizione di Partenza per un Vincitore: undicesimo (Gethin 1971)

Particolarità del Tracciato: Monza rimane una pista a vecchio stampo e conserva sempre un fascino inconfondibile. Il motore viene mantenuto al massimo dei giri per circa il 67% del giro e questo tracciato ha la media oraria più alta di tutto il campionato che si aggira attorno ai 245 Km/h. i cicli del motore lungo tutta la durata del Gp sono oltre 800.000. I cambi di marcia ad ogni giro sono circa 51, 3.213 per l’intera gara.

Freni:

Categoria di Circuito: Light Medium Hard
Numero di Frenate: 6
Tempo Speso in Frenata: 13% del giro.
Energia Dissipata in Frenata Durante il Gp: 117 kWh
Carico Totale sul Pedale del Freno durante il Gp: 40.969 kg
Frenata più Impegnativa: la prima staccata alla prima variante.

Gomme:

Gomme 2015: Ultrasoft Supersoft Soft Medium Hard
Stress per le Gomme 1 2 3 4 5
Sollecitazioni Laterali 1 2 3 4 5
Abrasività Asfalto 1 2 3 4 5
Grip Asfalto 1 2 3 4 5
Numero totale di Pit 2015: 26
Strategia Vincente 2015: Soft -> Pit Lap 26 Medium
Stint più Lunghi 2015:

Zona DRS: Sul rettilineo principale, tra la curva 11 e la curva 1, con detection point pria della curva 11; dal Serraglio alla variante Ascari, tra la curva 7 e la curva 8, con detection point prima della curva 8.

Edizioni Precedenti

Ultime 3 Edizioni:

Edizione 2013: la Red Bull Racing, in seguito all’annuncio di Mark Webber di abbandonare la Formula Uno a fine stagione, ingaggia Daniel Ricciardo della Toro Rosso per la stagione 2014. Prove libere: nella prima sessione del venerdì il più veloce è Lewis Hamilton su Mercedes, mentre nelle due seguenti sessioni Sebastian Vettel (RBR – Renault) ha fatto registrare i tempi più bassi. Il tedesco bissa anche la pole position davanti al compagno di squadra con il tempo di 1’24”319, terzo è Nico Hülkenberg (Sauber – Ferrari), seguono le due Ferrari con Massa a precedere Alonso. La domenica mattina la scuderia italiana decide per precauzione di sostituire il propulsore sulla vettura del brasiliano, che non incombe in sanzioni essendo uno degli otto consentiti dal regolamento. Gara: scatta bene Vettel che è subito inseguito da Massa, mentre Alonso non riesce ad avere la meglio su Webber, quinto è Hülkenberg seguito da Rosberg e Ricciardo. Ruolino personale per Alonso che in sette giri si sbarazza prima di Webber e poi del compagno di squadra alla Chicane. Davanti Vettel comanda con largo vantaggio su tutti. Dopo il cambio gomme tra 24º e 28º passaggio aumenta il divario tra il leader della corsa ed il pilota Ferrari, mentre Massa è passato da Webber. Molto più indietro è da segnalare la rimonta di Hamilton: colpito da una foratura ad inizio corsa, riuscirà a rimontare fino al nono posto al termine. Il podio è invece composto da Vettel, al trentaduesimo centro mondiale seguito da Alonso e Webber, che non riesce a rimontare lo spagnolo nel finale di gara pur girando molto veloce.

Edizione 2014: viene annunciata l’entrata del team Haas per la stagione 2016, mentre la Williams conferma il duo Bottas – Massa anche per la seguente stagione. Prove libere del venerdì: nella prima sessione Lewis Hamilton (Mercedes) precede Jenson Button (McLaren – Mercedes) ed il compagno di squadra Nico Rosberg. Nella seconda sessione è invece il tedesco ad essere il più veloce precedendo di 60 millesimi l’anglo-caraibico e la Ferrari di Kimi Rӓikkӧnen. Nelle terze prove libere del sabato mattina, infine, è ancora Hamilton il più veloce davanti a Fernando Alonso e Valtteri Bottas. Qualifiche: le prime tre file sono occupate interamente dai motorizzati Mercedes, con Lewis Hamilton che agguanta l’ennesima pole battendo di 2 decimi di secondo Rosberg , seconda fila per Bottas e Massa su Williams, rispettivamente settima e dodicesima le Ferrari di Alonso e Rӓikkӧnen. Gara: brutto start per il poleman che viene subito infilato da Rosberg, Magnussen e Massa. Il giovane pilota McLaren cede però al quinto giro la sua posizione prima al brasiliano e poi all’inglese. Al nono giro lungo di Rosberg alla Prima Variante, Hamilton da dietro recupera passando anche Massa e si porta sotto al compagno di squadra, leader della corsa. Da dietro intanto Bottas, autore anch’egli di un via non proprio brillante, ha invece un ottimo passo gara ed al 18° passaggio è quinto, dietro a Magnussen – lo sorpasserà dopo altri tre giri. Lotta intanto dietro tra Button ed Alonso, con l’inglese che ritardando il pit stop di un giro riesce a mantenersi davanti all’asturiano. Cambia la leadership alla 29a tornata: Rosberg va nuovamente lungo alla prima staccata e stavolta è passato da Hamilton, il quale non mollerà più il comando della corsa. Nello stesso giro Alonso è costretto al ritiro per un problema elettrico al motore. Lotta accesa di nuovo tra Magnussen e Bottas, con il finlandese che ha ancora una volta la meglio e mantiene la quarta piazza. Nel finale bella rimonta di Ricciardo che riesce ad arrivare fino al quinto posto (era partito nono). Dopo 53 giri Lewis Hamilton va a vincere per la ventottesima volta in carriera, secondo giunge Nico Rosberg e terzo Felipe Massa, a podio dopo quasi un anno e mezzo.

Edizione 2015: nelle FP1 del venerdì Lewis Hamilton (Mercedes) ha ottenuto il miglior crono staccando di mezzo secondo il compagno di squadra Nico Rosberg, terzo è Sebastian Vettel con la Ferrari. È curioso notare come i tempi siano di un secondo più alti rispetto all’annata precedente, con vetture meno performanti. Anche nelle FP2 le prime tre posizioni non cambiano, con Nico però staccato di soli pochi millesimi. Sabato: nella notte scende qualche goccia di pioggia ed alla mattina i piloti optano per gomme intermedie, con Hamilton a precedere Vettel e Rosberg. Diversi piloti inoltre subiscono posizioni di arretramento per il cambio di diverse componenti (Alonso, Sainz Jr., Ricciardo, Kvyat, Verstappen e Button). Qualifiche: Lewis Hamilton guadagna la quarantanovesima pole in carriera davanti alle due Ferrari di Räikkönen e Vettel, poi Rosberg, Massa, Bottas, Pérez, Grosjean Hülkenberg ed Ericsson. Gara: Alla partenza Räikkönen ha un problema con la sua vettura e procede molto lentamente, venendo sfilato da tutto il gruppo di monoposto. Lewis Hamilton mantiene il comando della gara, davanti a Sebastian Vettel, che precede, a sua volta, le due Williams. Nico Rosberg, penalizzato dalla vettura di Räikkönen rimasta ferma, davanti a lui, è solo sesto. L’inglese mantiene saldamente la testa della corsa, mentre dietro Iceman si lancia in una interminabile rimonta facendo anche un lungo, senza conseguenze. Rosberg intanto è dietro alle due Williams e decide di rientrare per primo ai box, seguito pian piano da tutti gli altri: guadagnerà due posizioni proprio su Massa e Bottas. Al giro 29 rientra anche Kimi, che riprende la sua corda passando Ericsson, Hülkenberg e poi Ricciardo (anche lui autore di una splendida gara), infine Pérez per la quinta posizione. Al giro 50 invece Rosberg deve ritirarsi dopo che il suo propulsore prende fuoco, “liberando” così Vettel. Va quindi a vincere Hamilton (Grand Chelem per lui) davanti a Vettel e Felipe Massa, che ripete lo stesso risultato dell’anno precedente.

Migliore Edizione Per Gli Autori:

Edizione 1988: in una stagione dominata dalle McLaren motorizzate Honda e con al volante Ayrton Senna ed Alain Prost, unici due piloti a poter contendersi il titolo grazie all’enorme vantaggio accumulato sul resto del gruppo, accade l’impensabile. Durante le qualifiche del sabato ovviamente non ci fu storia: l’uomo delle pole, ovvero il brasiliano, diede tre decimi al compagno di scuderia conquistando la decima stagionale su dodici, poi a distanza seguirono le due Ferrari di Gerhard Berger (unico oltre a Prost a prendere meno di un secondo) e dell’indimenticato Michele Alboreto, terza fila per le due Arrows di Cheever e Warwick. Gara: Senna mantiene saldamente il comando davanti al francese ed al duo rosso, nulla sembra poter cambiare le sorti della gara. Ma al 35º passaggio il primo colpo di scena con Prost che deve dire addio alla gara per problemi al propulsore giapponese. I due della Ferrari continuano senza intoppi la loro corsa dietro ad un imprendibile Senna. Ma ecco arrivare come un fulmine a ciel sereno il ritiro del secondo pilota McLaren: durante la fase di doppiaggio di Schlesser (il quale sostituiva l’infortunato Mansell alla Williams) vi fu un incomprensione ed i due vennero a contatto, con impossibilità di ripartire. Ciò accadde a soli due giri dal termine e consentì alle due Ferrari di conseguire un’inaspettata doppietta che mandò in visibilio il pubblico accorso per vedere le monoposto del cavallino rampante. Il tutto accadde a meno di un mese dalla morte di Enzo Ferrari. Forse un ultimo regalo da parte del Drake, ci piace pensarla così.

Migliore Edizione Per I Lettori:

Edizione 1996: alla vigilia del Gran Premio Frank Williams dichiarò la fine del rapporto con Damon Hill al termine della stagione, causa l’incomprensibilità tra le due parti ed il notevole aumento di stipendio voluto dal pilota; sarebbe stato sostituito da Heinz-Harald Frentzen. Venerdì: forse anche grazie ad un nuovo cambio a 7 rapporti la Ferrari con Schumacher fece segnare il giro più veloce nelle prove libere con un tempo di 1’24’’399, seguito da Mika Hӓkkinen (McLaren Mercedes) a +0.068 e Gerhard Berger (Benetton – Renault) a +0.430. Il sabato al termine delle qualifiche dominarono, come in quasi tutta la stagione, le due Williams – Renault con Hill in pole davanti al compagno di squadra Jacques Villeneuve (+0.317), terzo è Schumacher affiancato da Hӓkkinen, poi Coulthard con l’altra McLaren, Alesi, Irvine, Berger, Brundle e Barrichello a chiudere la top ten. Gara: al via le due Williams ebbero un pessimo scatto ma Villeneuve riuscì comunque ad affiancare Hill, che in tutta risposta lo portò all’esterno facendo assaggiare l’erba alla sua monoposto. Da tutto ciò ne trasse vantaggio Jean Alesi che, partito 6°, ebbe invece un ottimo spunto e riuscì a prendere la leadership, sebbene durò pochissimo tempo. Infatti Hill dopo un giro e mezzo lo riprese e lo sorpassò alla seconda curva Lesmo, nel frattempo Hӓkkinen guadagnò la terza posizione ai danni di Villeneuve. Al secondo passaggio il canadese si rese protagonista di un incidente contro le barriere poste lungo la seconda chicane che compromisero irrimediabilmente la sua gara e lo relegarono settimo a fine corsa. Alcuni copertoni di tali barriere inoltre rimbalzano in pista colpendo la monoposto dell’incolpevole Coulthard, costretto poi al ritiro. Due giri più tardi fu Alesi a commettere lo stesso errore uscendone però con la vettura illesa, mentre a farne i danni fu l’altra McLaren che dovette rientrare ai box per la sostituzione del muso. Al giro 6 fu infine Hill a commettere l’errore di tagliare troppo la chicane finendo contro le suddette e dovendosi ritirare dopo un rovinoso testacoda.  In mezzo a tutto questo parapiglia Alesi si trovò primo con Schumacher secondo, il tedesco cominciò il suo ruolino personale diminuendo progressivamente lo svantaggio e portandosi in scia al francese, senza tuttavia riuscire a superarlo per mancanza di velocità lungo i rettilinei. Almeno non fino alla 30a tornata, quando il francese entrò ai box per il rifornimento e Schumacher spinse al massimo facendo segnare, tra l’altro, il giro veloce. Il vantaggio accumulato consentì al tedesco di effettuare la sosta ai box ed uscire con ancora un largo vantaggio, che mantenne sino al termine dei 53 giri previsti mandando in visibilio gli oltre 100.000 tifosi accorsi quando tagliò la linea del traguardo. Fu la seconda vittoria di fila in quella stagione e la prima a Monza per la Ferrari dal 1988.

RECORD

Giro prova: 1:20.089 – R Barrichello – Ferrari – 2004
Giro gara: 1:21.046 – R Barrichello – Ferrari – 2004
Distanza: 1h14:19.838 – M Schumacher – Ferrari – 2003
Vittorie pilota: 5 – M Schumacher
Vittorie team: 18 – Ferrari
Pole pilota: 5 – J Fangio, A Senna
Pole team: 19 – Ferrari
Migliori giri pilota: 4 – L Hamilton
Migliori giri team: 19 – Ferrari
Podi pilota: 8 – M Schumacher
Podi team: 65 – Ferrari

Albo d’oro

  1. 1921 J Goux – Ballot
  2. 1922 P Bordino – FIAT
  3. 1923 C Salamano – FIAT
  4. 1924 A Ascari – Alfa Romeo
  5. 1925 G Brilli-Peri – Alfa Romeo
  6. 1926 L Charavel – Bugatti
  7. 1927 R Benoist – Delage
  8. 1928 L Chiron – Bugatti
  9. 1931 G Campari, T Nuvolari – Alfa Romeo
  10. 1932 T Nuvolari – Alfa Romeo
  11. 1933 L Fagioli – Alfa Romeo
  12. 1934 L Fagioli, R Caracciola – Mercedes
  13. 1935 H Stuck – Auto Union
  14. 1936 B Rosemeyer – Auto Union
  15. 1937 R Caracciola – Mercedes
  16. 1938 T Nuvolari – Auto Union
  17. 1947 C Trossi – Alfa Romeo
  18. 1948 J Wimille – Alfa Romeo
  19. 1949 A Ascari – Ferrari
  20. 1950 N Farina – Alfa Romeo
  21. 1951 A Ascari – Ferrari
  22. 1952 A Ascari – Ferrari
  23. 1953 J Fangio – Maserati
  24. 1954 J Fangio – Mercedes
  25. 1955 J Fangio – Mercedes
  26. 1956 S Moss – Maserati
  27. 1957 S Moss – Vanwall
  28. 1958 T Brooks – Vanwall
  29. 1959 S Moss – Cooper Climax
  30. 1960 P Hill – Ferrari
  31. 1961 P Hill – Ferrari
  32. 1962 G Hill – BRM
  33. 1963 J Clark – Lotus Climax
  34. 1964 J Surtees – Ferrari
  35. 1965 J Stewart – BRM
  36. 1966 L Scarfiotti – Ferrari
  37. 1967 J Surtees – Honda
  38. 1968 D Hulme – McLaren Ford
  39. 1969 J Stewart – Matra Ford
  40. 1970 C Regazzoni – Ferrari
  41. 1971 P Gethin – BRM
  42. 1972 E Fittipaldi – Lotus Ford
  43. 1973 R Peterson – Lotus Ford
  44. 1974 R Peterson – Lotus Ford
  45. 1975 C Regazzoni – Ferrari
  46. 1976 R Peterson – March Ford
  47. 1977 M Andretti – Lotus Ford
  48. 1978 N Lauda – Brabham Alfa Romeo
  49. 1979 J Scheckter – Ferrari
  50. 1980 N Piquet – Brabham Ford
  51. 1981 A Prost – Renault
  52. 1982 R Arnoux – Renault
  53. 1983 N Piquet – Brabham BMW
  54. 1984 N Lauda – McLaren TAG
  55. 1985 A Prost – McLaren TAG
  56. 1986 N Piquet – Williams Honda
  57. 1987 N Piquet – Williams Honda
  58. 1988 G Berger – Ferrari
  59. 1989 A Prost – McLaren Honda
  60. 1990 A Senna – McLaren Honda
  61. 1991 N Mansell – Williams Renault
  62. 1992 A Senna – McLaren Honda
  63. 1993 D Hill – Williams Renault
  64. 1994 D Hill – Williams Renault
  65. 1995 J Herbert – Benetton Renault
  66. 1996 M Schumacher – Ferrari
  67. 1997 D Coulthard – McLaren Mercedes
  68. 1998 M Schumacher – Ferrari
  69. 1999 H Frentzen – Jordan Mugen Honda
  70. 2000 M Schumacher – Ferrari
  71. 2001 J Montoya – Williams BMW
  72. 2002 R Barrichello – Ferrari
  73. 2003 M Schumacher – Ferrari
  74. 2004 R Barrichello – Ferrari
  75. 2005 J Montoya – McLaren Mercedes
  76. 2006 M Schumacher – Ferrari
  77. 2007 F Alonso – McLaren Mercedes
  78. 2008 S Vettel – Toro Rosso Ferrari
  79. 2009 R Barrichello – Brawn GP Mercedes
  80. 2010 F Alonso – Ferrari
  81. 2011 S Vettel – Red Bull Renault
  82. 2012 L Hamilton – McLaren Mercedes
  83. 2013 S Vettel – Red Bull Renault
  84. 2014 L Hamilton – Mercedes
  85. 2015 L Hamilton – Mercedes

 

Andrea Villa, Matteo Bramati.

Fonti: Brembo, Pirelli.

 

 

Gran Premio d’Italia 2016: Anteprima e Orari del Weekend
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anteprima

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati