Force India, Paul Di Resta: “Il team ha sbagliato la strategia in qualifica”

Force India, Paul Di Resta: “Il team ha sbagliato la strategia in qualifica”

Paul di Resta ha accusato il suo team Force India per l’errore per la sua uscita in Q1 nel Gran Premio del Belgio.

Con il suo 18 ° posto a Spa nelle qualifiche per la prima volta Di Resta e’ stato eliminato in Q1 nella sua carriera in Formula 1, e lo scozzese è stato irremovibile sul fatto di essere stato abbastanza veloce ma la squadra non lo ha chiamato nel momento giusto.

“Ho fatto un piccolo errore nel primo giro, e durante questo giro sono stato un po’ più veloce e il team ha scelto di portare in me”, di Resta ha detto alla televisione BBC.

“Mi hanno detto che dovevo rientrare ai box e quando sono tornato ai box hanno detto ‘Odio dire questo, ma qualcuno è andato più veloce’. Così mi hanno richiamato ai box. Non sono a conoscenza della situazione in corso intorno a me, mi basta fare come mi hanno ordinato.”

“Abbiamo scelto di saltare la parte centrale della sessione e uscire quando le condizioni sarebbero state migliori alla fine.”

Di Resta ha detto che la Force India era capace di un risultato di gran lunga migliore. Il suo compagno di squadra Adrian Sutil è stato 15mo dopo un incidente in Q2.

Dovremmo essere molto più in alto e questo non è successo “, ha detto
Di Resta.” C’è [prestazioni della macchina] molto di più, è solo la chiamata che è stata sbagliata. Sicuramente la chiamata è stata sbagliata “.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

4 commenti
  1. Toro Rosso

    27 Agosto 2011 at 18:43

    ma vai at home

  2. Cosimo (tifoso Toro Rosso, simpatizzante Ferrari) [[ a tutela della F1 fuori: Mike Coughlan e Briatore]]

    27 Agosto 2011 at 19:39

    domani a lottare con il kaiser a chi raggiunge prima le monoposto di centro classifica!

  3. Amos (Tifoso Sutil e Force India)

    27 Agosto 2011 at 21:18

    Domani abbiamo la vettura per andare a Punti, questo è sicuro, amen per l’errore Adrian, peccato per Paul, ma animo!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati