Ferrari, Raikkonen: “Sono fiducioso, il tempo ci dirà se saremo all’altezza della Mercedes”

Kimi rilancia con prudenza le ambizioni iridate in chiave 2016

Ferrari, Raikkonen: “Sono fiducioso, il tempo ci dirà se saremo all’altezza della Mercedes”

I sogni iridati sono il pensiero fisso della Ferrari, che non conquista una delle due ambite corone dall’ormai lontano 2008. Allora come oggi, il segno della continuità è rappresentato dal veterano Kimi Raikkonen, l’uomo delle due epoche, uno dei piloti più legati a Maranello e uno di quelli che ha vissuto i fasti, la caduta e la risalita. Raikkonen ammette che la Ferrari vuole già l’anno prossimo contrastare il dominio Mercedes.

Il pilota finlandese si è detto fiducioso e soddisfatto del lavoro della squadra, senza però sbilanciarsi più di tanto. Nessuna sfera di cristallo, ma tanta curiosità di vedere se la Rossa sarà capace di battere le frecce d’argento già nella prossima stagione. Raikkonen, due podi quest’anno nei GP di Bahrein e Singapore, sogna di poter tornare ad avere una vettura in grado di fare l’andatura su ogni pista.

“Sono ormai da un po’ nel giro e vi assicuro che nessuna squadra vi dirà mai che sta progettando una monoposto peggiore dell’attuale. Al contempo sono certo che i ragazzi del team abbiano fatto al meglio il loro dovere – ha assicurato Kimi –  Il nostro obiettivo è quello di fare un ulteriore passo avanti, ma il risultato finale dipende da tanti fattori, anche da quello che faranno le altre squadre. I nostri miglioramenti saranno sufficienti per battere la Mercedes? A questa domanda potremo rispondere soltanto la prossima stagione. Sono certo che avremo una monoposto ancora più veloce, ma sarà abbastanza forte da vincere? Solo il tempo ce lo dirà. Io sono molto contento di come stiamo facendo le cose, e confido che l’anno prossimo possiamo lottare per la vittoria ogni fine settimana. L’obiettivo è essere noi il punto di riferimento per gli altri”

Antonino Rendina

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati