F1 | Sainz: “Fossi in Vettel, mi preoccuperei”

Su Hamilton: "Ha qualcosa che è difficile da spiegare"

F1 | Sainz: “Fossi in Vettel, mi preoccuperei”

Il pilota della McLaren, Carlos Sainz, ha espresso la sua opinione sui suoi avversari in campionato,  a cominciare da Lewis Hamilton:

“A Lewis darei un 9 o un 10 -ha dichiarato lo spagnolo a Movistar- da quando si è ritirato Rosberg, il suo livello si è alzato in quanto ha meno pressione. Verstappen forse è meglio di lui, ma a Spa ha commesso un errore. Bottas è sempre lì, ma non concretizza. E’ a un livello alto, ma Hamilton ha qualcosa che è difficile da spiegare. E’ così rilassato, come se stesse fumando un sigaro”. 

In merito all’ingaggio di Esteban Ocon alla Renault, Sainz ha ammesso di non essere rimasto sorpreso:

“L’anno scorso se ne parlava già alla Renault. Volevano firmare con lui,  volevano un francese come bonus. Però mi ha sorpreso il fatto che non hanno tenuto Hulkenberg. Non è riuscito a trarre vantaggio dalle prime gare al fianco di Ricciardo”. 

Riguardo alla situazione in casa Ferrari, Sainz ritiene che Sebastian Vettel dovrebbe incominciare a guardarsi le spalle:

“Se fossi in lui, mi preoccuperei soprattutto delle domeniche. Il sabato, uno giovane come Leclerc può batterlo, ma se Charles mostra quel passo anche in gara, allora è una grande preoccupazione”. 

Lo spagnolo ha poi criticato le riprese FOM, sostenendo di non essere spesso inquadrato dalle telecamere:

“Mi arrabbio abbastanza perché quando guardo le gare a casa non mi vedo. Hanno perso completamente momenti importanti, come l’Austria quando sono passato dal 20 ° all’ottavo posto e non hanno mostrato nulla”.

Infine, il 25 enne, ha ribadito di non avere nessun rimpianto in merito al fatto di aver lasciato la Red Bull:

“Sto facendo bene, non mi manca la Red Bull. Ero nel posto sbagliato al momento sbagliato”. 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Zac

    4 Settembre 2019 at 12:18

    In pratica sta dicendo che ha anticipato di un anno il commiato dalla Renault, perché aveva già capito che, alla prima occasione, erano pronti a sostituirlo con Ocon.
    Perspicace e fortunato, ma con la lingua sciolta è molto difficile trovare porte aperte (come Alonso).
    Taci. Il nemico ti ascolta.

  2. Susan

    13 Settembre 2019 at 14:26

    Ma perché nn vi fate i ka…i vs?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati