F1 | Renault, Abiteboul: “Sarà difficile eguagliare Red Bull e McLaren prima del 2019”

Il Managing Director riconosce il gap presente tra la scuderia transalpina e i suoi due clienti

F1 | Renault, Abiteboul: “Sarà difficile eguagliare Red Bull e McLaren prima del 2019”

Red Bull e McLaren, nel 2018, saranno il metro di paragone della Renault. La casa francese, reduce da un discreto 6° posto raggiunto nell’ultimo campionato costruttori, entro la fine di quest’anno punta a ridurre il gap presente con i suoi clienti: “Sappiamo di avere un deficit da colmare rispetto alla Red Bull in termini di telaio, di aerodinamica e di meccanica” – ha spiegato il Managing Director Cyril Abiteboul a Motorsport.com. “Conosciamo molto bene la Red Bull e per noi è un punto di riferimento fantastico. Penso che abbiano uno dei migliori telai, se non il migliore in circolazione in questo momento. Vedremo cosa riusciranno ad ottenere”.

Il potenziale della McLaren, invece, è ancora da definire: gli ultimi tre anni con Honda, difatti, hanno mascherato il reale livello del telaio della vettura di Woking. “La McLaren è un po’ più un’incognita per noi – ha proseguito Abiteboul – perché avevano un telaio ed un motore diversi, quindi è molto difficile fare un confronto: sarà un altro metro di paragone interessante. Penso che in termini di capacità complessive, nel corso di quest’anno dovremmo essere in grado di raggiungerli”.

Entro il 2019, dunque, l’obiettivo sarà quello di avvicinarsi quanto più possibile alle performance di Red Bull e McLaren: “Sono organizzazioni molto stabili, molto ben strutturate, ben organizzate e ben finanziate. Noi siamo ancora in fase di sviluppo, stiamo ancora crescendo e sviluppando la nostra squadra. Penso che prima del 2019 non sarà possibile eguagliarli completamente, anche se mi piacerebbe vedere un gap sempre più ridotto nel corso di quest’anno”.

Federico Martino

F1 | Renault, Abiteboul: “Sarà difficile eguagliare Red Bull e McLaren prima del 2019”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati