F1 | Raikkonen delude, Leclerc incanta, e la Ferrari deve correre con due piloti

La stagione di Kimi ha preso una piega preoccupante, con il giovane monegasco che scalpita alle sue spalle....

F1 | Raikkonen delude, Leclerc incanta, e la Ferrari deve correre con due piloti

Qualcosa si è rotto, qualcosa è cambiato. Del Kimi Raikkonen tonico e motivato di inizio anno, incollato a Vettel nelle performance, è rimasta solo una malinconica ombra che si trascina sui circuiti.

Difficile capire cosa sia successo di preciso, ma il rendimento del campione del mondo 2007 è improvvisamente crollato e le qualifiche del Paul Ricard assomigliano tanto ad un punto di non ritorno. Sfortunato nei primi appuntamenti, assente non pervenuto negli ultimi, Kimi volente o nolente non sembra in grado di poter dare una concreta mano per il mondiale a Sebastian Vettel, limitandosi a correre nelle “ultime” posizioni del gruppetto dei primi sei, ovvero di quello che fa corsa a se.

Chissà se il finlandese non abbia patito un repentino calo di motivazioni, una volta compreso che anche quest’anno avrebbe recitato il ruolo di spalla. Chissà che non abbia altresì mollato la presa, atteso l’imminente ritiro a fine anno, come se il mancato rinnovo fosse stato un piccolo interruttore spento definitivamente.

Alle spalle del veterano ferrarista incombe sempre più minacciosa l’ombra di un giovane predestinato, quel Charles Leclerc di diciotto anni più giovane e capace di compiere piccole imprese al volante della Sauber. La quarta fila nel GP di Francia, due sole posizioni dietro al “titolare” Kimi, è un piccolo capolavoro di guida e carattere. Proprio nei giorni in cui si parla incessantemente del futuro del monegasco a Maranello, il ragazzo ha dimostrato di non soffrire minimamente la pressione della fatidica tuta rossa, rispondendo alle voci di mercato in modo piuttosto convincente.

L’ottavo posto in qualifica al Paul Ricard è un urlo liberatorio, una prestazione dirimente, che probabilmente segnerà un prima e un dopo nella recente storia del Cavallino. Raikkonen, sia chiaro a tutti, non è quello delle ultime gare, è ben altro. Leclerc, sia ancora più chiaro, è già pronto, perché è una forza della natura, è freschezza ed entusiasmo, e poi i fuoriclasse maneggiano lo spazio e il tempo in modo diverso, plasmandolo a loro piacimento.

In mezzo c’è una Ferrari in piena corsa per il mondiale, che però non dovrebbe concedersi il lusso di correre con una solo alfiere, lasciando l’altro abbandonato al proprio mesto destino di controfigura del campione che fu. Kimi ha diritto di lasciare un grande ricordo di se, quello di un pilota dalle traiettorie impeccabili e dalla velocità innata, sensibile, tecnico, chirurgico. La Ferrari ha il dovere di essere concreta, ancorché impopolare. Leclerc…non serve aggiungere altro, intelligenti pauca.

Antonino Rendina


F1 | Raikkonen delude, Leclerc incanta, e la Ferrari deve correre con due piloti
4.4 (88.97%) 58 votes
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati