F1 | Pirelli, Isola promuove il comportamento delle gomme a Spielberg

"Nonostante il caldo torrido, le prestazioni dei pneumatici sono state molto buone", ha affermato

Leclerc ha chiuso al comando le FP2, segnando il miglior tempo con gomme soft
F1 | Pirelli, Isola promuove il comportamento delle gomme a Spielberg

Al termine delle prime due sessioni di libere valide per il Gran Premio d’Austria, ottavo appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1, Mario Isola ha promosso il comportamento dei pneumatici Pirelli a Spielberg, sottolineando come le mescole siano riuscite a gestire alla perfezione le altissime temperature presenti in Austria.

Nonostante i 55 gradi sull’asfalto, infatti, lo soft è apparsa una mescola abbastanza valida in ottica gara, aspetto che potrebbe variare le strategie per quello che riguarda la gara di domenica.

L’obiettivo, ovviamente, sarà quello di effettuare un solo stop, così da ridurre al massimo il tempo in pin lane, ma attenzione a possibili sorprese, soprattutto se le temperature dovessero alzarsi nel corso della giornata di oggi.

“Oggi la temperatura asfalto è stata tra le più elevate mai registrate in F1, con 55° di massima, e si prevedono condizioni meteo simili per tutto il fine settimana”, ha affermato Mario Isola. “Nonostante il caldo torrido, le prestazioni dei pneumatici sono state molto buone”.

“È stata una giornata piuttosto difficile per i piloti, con il vento che cambiava frequentemente direzione in FP2, oltre alle diverse interruzioni per bandiera rossa in entrambe le sessioni”, ha proseguito. “Su un tracciato così impegnativo, con i distacchi tra i piloti ridotti al minimo, ogni singolo miglioramento in termini di set-up e strategia risulta determinante”.

“Domani in FP3 i Team cercheranno di recuperare il tempo perso oggi, prima di affrontare una qualifica che si preannuncia estremamente combattuta”, ha concluso.

F1 | Pirelli, Isola promuove il comportamento delle gomme a Spielberg
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati