F1 | Norbert Haug: “Insensata la lotta tra Vettel e Leclerc in Ungheria”

"Hanno perso decimi importanti: Charles deve prendersi delle responsabilità sulle sue azioni in pista", ha aggiunto

Norbert Haug commenta il periodo difficile della Ferrari e del rapporto tra Vettel e Leclerc
F1 | Norbert Haug: “Insensata la lotta tra Vettel e Leclerc in Ungheria”

Una delle fasi più calde di una gara non certo spettacolare come quella di Budapest ha riguardato il momento in cui Vettel e Leclerc si sono ritrovati in pista su strategie diverse. Assolutamente più veloce del compagno di squadra per via di gomme più idonee al momento, il tedesco non è stato subito agevolato nel sorpassare il compagno di squadra. Una situazione che probabilmente ha fatto perdere del tempo importante sia all’uno che all’altro. Norbert Haug, ex vicepresidente della Mercedes ha parlato di questa situazione su Sky Sport.

“Ho visto la lotta insensata tra Leclerc e Vettel in Ungheria – ha detto Haug. Ogni decimo di secondo che il tuo compagno di squadra ti toglie quando sei al sesto/settimo posto, con una strategia diversa, è importantissimo. Il capo del team deve ragionare tatticamente e dire chiaramente cosa accade in pista. Se gareggi per la vittoria, allora ci sono più margini di manovra, ma se lotti per alcuni punti, ogni posizione guadagnata è importante, e due compagni di squadra non dovrebbero togliersi decimi a vicenda. Leclerc dovrebbe assumersi la responsabilità delle sue azioni in pista: in quel caso è stato lui, giovane e acclamata superstar e di estrema bravura ad avere un comportamento non ideale”.

Haug ha parlato anche del futuro di Sebastian Vettel: “Aveva il sogno di diventare campione del mondo con la Ferrari, ma rimarrà tale. Sarebbe interessante se andasse in Aston Martin, il modo in cui la Racing Point si sta muovendo è positivo, tutto procede verso la giusta direzione, sono davvero la seconda forza dietro la Mercedes. Non so esattamente cosa stia pensando Sebastian, ma spero che continui”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati