F1 | Ferrari, Charles Leclerc: “Dobbiamo migliorare il passo gara”

"Dobbiamo essere il più competitivi possibile, non possiamo aspettarci molto dalle qualifiche" ha dichiarato Leclerc, nono nelle FP2

F1 | Ferrari, Charles Leclerc: “Dobbiamo migliorare il passo gara”

L’ultima volta che Charles Leclerc ha guidato sullo storico circuito di Monza, è sceso dalla monoposto come re indiscusso dell’autodromo brianzolo. E’ ancora viva l’emozione di molti tifosi, presenti in circuito e non, che hanno assistito al trionfo della Ferrari nel gran premio di casa, esattamente nove anni dopo l’ultima volta con Fernando Alonso al suo primo anno col cavallino. L’atmosfera, oggi, è totalmente diversa: non ci sono, per ovvie ragioni, i tifosi (ma grazie a Vettel c’è tutta la squadra della rossa in tribuna, piloti compresi), mas non c’è neanche la Ferrari che ci aspettavamo. Leclerc deve accontentarsi, durante la prima sessione di libere, solo della undicesima posizione, testando però solo le mescole hard e medie. Nel pomeriggio, invece, l’ultimo re di Monza si porta in nona posizione, con un gap di 1.3s dall’inarrivabile Lewis Hamilton.

Sensazioni contrastanti, quelle del monegasco, che si ritiene sorpreso, sia in positivo sia in negativo, dalla SF1000.

È stata una giornata difficile. Da una parte sono stato positivamente sorpreso dal nostro ritmo in configurazione da qualifica, dall’altra mi aspettavo una performance migliore con carico di carburante. Questo significa che dobbiamo trovare il modo di migliorare il nostro passo gara” ha spiegato Leclerc.

Nel long run la vettura era molto complicata da guidare: non siamo ancora a posto dal punto di vista del bilanciamento né sotto il profilo dell’usura gomme. Dobbiamo fare in modo di essere più competitivi possibile in entrambe le configurazioni. Dubito che dalla qualifica ci possiamo aspettare qualcosa di più rispetto alla posizione odierna, mentre sono convinto che ci sia la possibilità di migliorare per quanto riguarda la gara”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati