F1 | Brawn sulle minacce d’addio della Ferrari: “Sono sorpreso, ma vogliamo che rimanga”

Il direttore generale di Liberty Media dice la sua: "Eravamo tutti d'accordo sugli obiettivi da raggiungere con i nuovi motori; restare con le attuali PU non è un'opzione plausibile"

F1 | Brawn sulle minacce d’addio della Ferrari: “Sono sorpreso, ma vogliamo che rimanga”

Le minacce d’addio di Ferrari e Mercedes hanno colto alla sprovvista Liberty Media. La nuova proprietà statunitense, per voce del direttore generale Ross Brawn, ha palesato il proprio stupore per il disappunto esternato dai top team in seguito all’annuncio delle normative sui motori che entreranno in vigore dal 2021: Sono rimasto piuttosto sorpreso da queste reazioni. Sono stato ad alcuni incontri e pensavo che la direzione fosse chiara: tutti erano d’accordo in modo unanime sui nuovi obiettivi che i motori avrebbero dovuto raggiungere e, sulla base di questa direzione, abbiamo stabilito le nuove regole” – ha dichiarato Brown ad Auto Bild.

Per quanto i margini di trattativa siano ancora ampi, non sono ammessi stravolgimenti: “È come un ristorante dove alcuni amano l’antipasto ma non il piatto principale, e viceversa” – ha spiegato l’inglese. “Ecco perché adesso ci sono delle nuove discussioni in corso: se i produttori offrono soluzioni migliori, siamo aperti, ma restare con le attuali Power Unit non è un’opzione plausibile.

Brawn, comunque, non vuole nemmeno immaginare una Formula 1 senza Ferrari: Ovviamente non vogliamo perdere la Ferrari. La Ferrari trae vantaggio dalla Formula 1 e la Formula 1 trae benefici della Ferrari, ma ogni collaborazione è basata su dei limiti. Quindi è una questione di ciò che la Ferrari può accettare e di ciò che noi possiamo accettare. Vogliamo trovare soluzioni che permettano a tutti di restare in Formula 1 e, soprattutto, non vogliamo perdere team iconici. Sono una parte importante della Formula 1, dobbiamo rispettarli ed ascoltarli”.

Federico Martino

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati