F1 | Tost: “L’emergenza Covid19 ci ha permesso di intervenire sui budget per il 2021”

"Solitamente le squadre di Formula 1 non riescono a lavorare bene insieme", ha proseguito il Manager austriaco

Tost soddisfatto delle regolamentazioni economiche per la stagione 2021
F1 | Tost: “L’emergenza Covid19 ci ha permesso di intervenire sui budget per il 2021”

In una lunga intervista concessa ai microfoni di Autosport, Franz Tost ha parlato di numerosi retroscena legati alle riunioni che hanno portato le squadre a imporre il budget cap già a partire dal mondiale 2021, evidenziando come l’emergenza Coronavirus, unita alla crisi che sta colpendo il mondo dell’automotive, abbia portato molti top team a rivalutare la propria posizione per quello che riguarda l’abbassamento del tetto spese a 145 milioni di dollari.

Secondo il Team Principal della Scuderia AlphaTauri, diverse squadre si sono trovare a fronteggiare una situazione di profonda crisi finanziaria, aspetto che ha portato l’intero sistema, probabilmente per la prima volta dopo tanti anni, a lavorare per il bene comune. Un’unità di intenti che ha aiutato la Formula 1 non solo a superare indenne il 2020, ma anche a salvaguardare alcune strutture da un clamoroso fallimento.

“L’emergenza Coronavirus ha cambiato le carte in tavola e ha portato i top team a ridurre la quantità di denaro per il primo anno di budget cap”, ha affermato Franz Tost. “Senza questa situazione sarebbe stato impossibile portare il tetto spese a 145 milioni di dollari già al primo anno della nuova regolamentazione. La crisi ha portato tutti quanti a capire attentamente quanto questa situazione poteva complicare le cose per il futuro”.

“Solitamente le squadre di Formula 1 non riescono a lavorare bene insieme”, ha proseguito. “Ognuno pensa al proprio interesse e purtroppo nessuno guarda al quadro generale. La situazione, attuale, ha spinto tutti quanti ad aprire gli occhi. Ci sono meno soldi sul tavolo e questo ha influenzato le scelte di tutti i partecipanti al gioco. Budget minori porta a spendere di meno. Questo ragionamento ha portato alcuni dei miei colleghi a cambiare un pò idea”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati