F1 | Alfa Romeo, Antonio Giovinazzi: “Felici di questo risultato”

"In gara può accadere di tutto, la strategia sarà fondamentale" ha aggiunto l'italiano

F1 | Alfa Romeo, Antonio Giovinazzi: “Felici di questo risultato”

Giornata complicata per Antonio Giovinazzi, che ha rischiato, e non poco, durante l’ultima sessione di prove libere. Prima un unsafe release nei confronti di Stroll, poi per impeding nei confronti di Pierre Gasly. Due errori pesanti, che avrebbero potuto tramutarsi in altrettante pesanti penalità, da imputare comunque al team e non alla distrazione del pilota: è anche per questo che la direzione gara ha optato per una reprimenda per l’italiano. Anche la qualifica si rivela più complicata del previsto, con Giovinazzi che porta la sua C41 in Q2 piazzandola in quattordicesima posizione – dietro di lui solo la Ferrari di Carlos Sainz, a muro poco prima – ma stavolta c’è anche Kimi tra i primi quindici, per la precisione in tredicesima posizione, con diciannove millesimi di vantaggio.

E’ stata sicuramente la migliore sessione del weekend per noi, dopo le difficoltà del venerdì e nelle FP3. Il team ha fatto un grande lavoro e abbiamo fatto un bel passo in avanti stamattina: abbiamo piazzato entrambe le vetture in Q2, dobbiamo essere felici di questo risultato – ha detto Giovinazzi – la tredicesima e quattordicesima posizione sono forse il massimo a cui potessimo aspirare, specialmente in una giornata così calda e ventosa, che ha reso le condizioni in pista molto complicate. Da questa posizione può accadere di tutto: non è facile sorpassare su questo tracciato, ma una buona partenza e una buona strategia possono portarci lontano. Ci aspettiamo che il degrado gomme giochi un grande ruolo in gara, specialmente con queste temperature, per cui sarà fondamentale fare le scelte giuste per conquistare un buon risultato“.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati