Ericsson: “Avevo un potenziale da top ten”

Lo svedese della Sauber ha chiuso la gara a Sakhir 12°. Più indietro Nasr

Ericsson: “Avevo un potenziale da top ten”

I mal di pancia della Sauber dovuti perlopiù dalla mancanza di fondi per lo sviluppo dell’auto sono proseguiti anche a Sakhir dove non è riuscita a staccarsi dalle posizioni di fondo gruppo.

“Mi sono divertito nei diversi ruota a ruota e credo di aver tirato fuori il massimo dal pacchetto a disposizione – il commento di Marcus Ericsson, 12° – Peccato solo per la partenza quando ho accusato un calo di potenza e ho perso posizioni. Successivamente sono rimasto bloccato dietro ad alcune auto ma una volta superate il passo si è rivelato discreto. Avrei potuto concludere in top ten non fossi stato costretto a salvare carburante. Da quel momento è stata dura difendermi”.

“Partire indietro non mi ha aiutato, quindi di positivo c’è che almeno ho recuperato qualche piazza. Nel complesso la C35 non ha risposto come avrei voluto. Dovremo analizzare nel dettaglio le informazioni per non trovarci nella stessa situazione in Cina”- il racconto di Felipe Nasr, 14°.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

1 commento
  1. Marco Livio

    5 Aprile 2016 at 09:18

    La Sauber in gara non si è comportata male, è stata costantemente vicino alla zona punti. Poi forse non hanno adottato la strategia migliore montando le medium per finire la gara. Se fossero stati più aggressivi in zona punti Ericsson ci poteva arrivare benissimo. Hanno un grosso problema in qualifica e il sistema attuale non aiuta chi ha qualche difficoltà iniziale.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati