Ecclestone non parlerà più di questioni legali

Ecclestone non parlerà più di questioni legali

Durante un’intervista per un giornale tedesco rilasciata lunedì, Bernie Ecclestone si è rifiutato di parlare delle accuse di corruzione a suo carico.

Altre fonti tedesche affermano infatti sia stato lui a pagare, cinque anni fa, al banchiere Gerhard Gribkowsky una tangente da 50 milioni di dollari, nel corso della vendita dei diritti commerciali della F1.
“Su consiglio dei miei legali, non intendo dire più nulla su questa materia”, ha affermato l’80enne, che in precedenza aveva negato ogni coinvolgimento.
Ecclestone è stato più disponibile a parlare della nuova stagione di F1 ma contrariamente all’anno scorso, quando predisse che Sebastian Vettel avrebbe vinto il titolo, questa volta non ha voluto fare nomi.
“Lo spagnolo nella macchina rossa quest’anno non accetterà così facilmente un’altra sconfitta. Sebastian certo sarà forte, e ho fiducia anche nelle possibilità della Mercedes e di Michael Schumacher. Prima di dire altro voglio aspettare la conclusione dei primi test.”
Ecclestone raramente non suscita discussioni con le sue interviste, così ha continuato la polemica con le autorità di Melbourne: “20 gare sono abbastanza. Se avremo nuovi Gp, altri dovranno uscire di scena. Ad esempio, non abbiamo bisogno dell’Australia.”

Filippo Ronchetti

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati