Domenicali: Guardare avanti

Domenicali: Guardare avanti

Stefano Domenicali, il team principal della Ferrari, uno dei maggiori indiziati per la debacle di Maranello ad Abu Dhabi, è tornato a parlare dell’ultima gara del mondiale durante la trasmissione “E se domani” condotta da Alessandro Zanardi.
Domenicali ha parlato del dolore per la sconfitta ma ha tenuto a sottolineare la determinazione del team nel risollevare un campionato in parte compromesso prima di metà stagione e la necessità di imparare dagli errori per guardare positivamente al futuro.
“E’ stata una domenica particolare quella di Abu Dhabi: il dolore fisico che chi vive di sport prova in quei momenti è molto forte, ma dalla sconfitta raccoglieremo le cose positive per guardare avanti perché è inutile piangerci su. Non buttiamo questo anno: sapevamo che la nostra monoposto non era la migliore, eppure abbiamo vinto cinque gare, siamo saliti varie volte sul podio e abbiamo lottato fino all’ultimo perché abbiamo lavorato duro e migliorato la macchina. Non ci siamo mai fermati e ci abbiamo creduto fino all’ultimo”.

Roberto Ferrari

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

16 commenti
  1. Jighen

    6 Dicembre 2010 at 09:10

    E fino all’ultimo credo tu debba dare le dimissioni. È da quando hai preso il posto di Todt che sento girare sempre lo stesso disco….. Bastaaaaaaa

  2. zio_jonny

    6 Dicembre 2010 at 11:10

    Essere primi all’ultima gara del mondiale con una macchina nettamente inferiore alla Red Bull è la dimostrazione ke la squadra è forse la migliore quindi x me nn va cambiata.
    Ritengo assurdo ke un mondiale si perda o si vinca con una decisione al muretto, è il mondiale piloti nn il mondiale muretti, quindi si deve vincere con i sorpassi in pista.
    È stato straziante vedere uno dei migliori piloti al mondo rischiare d andare a sbattere a 200 all’ora x provare a superare Petrov.
    Ciò ke deve cambiare sono i circuiti!

  3. Beppe

    6 Dicembre 2010 at 11:19

    Domenicali ha le sue responsabilità fino ad un certo punto; domanda, alzi la mano chi ha urlato alle dimissioni di un certo Jean Todt alla fine del mondiale 1997?
    Il ragazzo è giovane, deve farsi le ossa, e come scrive AUTOSPRINT trovatemi Direttori Sportivi migliori di lui in giro (oltre a pagarli profumatamente).
    Domenicali è frutto del “vivaio” tecnici della Ferrari, è normale che commetta errori per crescere.
    Il problema è progettazione, in Ferrari Alonso con il suo talento non può sempre colmare i gap progettuali della vettura.
    Penso che siate d’accordo con me!!!

    Beppe
    Redbull

  4. Federico Barone

    6 Dicembre 2010 at 12:13

    Beppe, hai ragione. È proprio così. E se Alonso progettasse la vettura? 😀

  5. an

    6 Dicembre 2010 at 13:56

    Sono d’accordo con Beppe, quoto in pieno quello che dice. Il problema è alla fonte, in fab dove si progetta.. Se di problema si può parlare dato che comunque Ferrari ha lottato fino alla fine.

    Il mondiale l’anno perso durante l’anno quando sono arrivati a prendere anche 8 decimi dai primi.

  6. babba

    6 Dicembre 2010 at 15:57

    fate stare zitto domenicali… tanto non dice nulla … solo banalita’

  7. lele83

    6 Dicembre 2010 at 16:22

    BEPPE

    BEPPE ERA IL 2007…….CMQ HAI RAGIONE.STEFANO E’ UN BRAV’UOMO E SOPRATTUTTO è UMILE E AMMETTE SEMPRE I PROPRI SBAGLI…

  8. Beppe

    6 Dicembre 2010 at 17:30

    lele83

    no era il 1997 quando Schumacher perse il mondiale contro Jacques Villeneuve.

    Beppe
    Redbull

  9. fabrizio

    6 Dicembre 2010 at 23:03

    Finalmente leggo cose sensate, bravo Beppe e bravo zio jonny. Gli errori li commettono tutti, da Dyer a Calderoli, dai piloti ai critici, quindi è inutile cercare un colpevole ad ogni costo. Meglio cercare di imparare dai propri errori e cercare di non ricommetterli.

  10. fabrizio

    6 Dicembre 2010 at 23:27

    sarebbe una gran bella cosa poter cambiare circuiti…. ma presumo putroppo sia solo utopia finchè ci sara gente come Ecclestone.

  11. Alex

    7 Dicembre 2010 at 18:26

    soldi, soldi, soldi… è solo per questo che non si cambiano i circuiti, ma penso lo sappiate meglio di me. E spero che non si farà mai e poi mai un circuito a roma: sarebbe come correre in casa con una bici da corsa!

    d’accordissimo con Beppe: Domenicali è giovane e tutto sommato non mi sembra che abbia dato solo impressioni negative.

  12. giacomo

    7 Dicembre 2010 at 19:36

    avrebbe fatto bene a guardare “dietro”….

  13. osj

    8 Dicembre 2010 at 02:57

    Domenicali è meglio se guardi avanti…perchè se guardi indietro cosa hai combinato in questi anni alla guida della Ferrari ti dovresti mettere le mani tra i capelli (pochi)che ti ritovi.
    Domenicali vattene xchè con te non si vince più un…tubo!!!

  14. osj

    8 Dicembre 2010 at 03:02

    Direttori sportivi migliori di lui??? Horner…ed è molto più giovane del”giovane” Domenicali che…si deve fare le…ossa (sich!) ma quanto ci mette…???
    Domenicali trovati qualche altra cosa da fare altrimenti in Ferrari arriveranno di nuovo anni bui…

  15. Francesco

    8 Dicembre 2010 at 11:44

    Certo che Domenicali a me non è mai piaciuto e mai mi piacerà,con quell’aria di sapere tutto,e che alla fine parla parla e parla,tante parole e fatti zero su zero,il mio dubbio rimane quello che il titolo è stato venduto….non riesco a farmene una ragione razionale poichè mi rieccheggiano le parole di Bernie Ecclestone nel cervello e mi rimbalzano: “Mi piacerebbe che Vettel vincesse il titolo Piloti,almeno per il 2011 abbiamo un campione del mondo in più nei Gp”,così disse per Hamilton nel 2008,mi rode dentro poichè una parte di me non vuole credere che in Formula 1 c’è corruzione e combine tipo Calciopoli,ma d’altronde dove girano miliardi e scomesse ci sono forse inciuci e combine e non vorrei che Bernie fosse il burattinaio della F1 colui che muove e combina lo spettacolo della F1. Perchè mi tormentano questi dubbi,la F1 è sport velocistico estremo ove Piloti rischiano la pelle a velocità che in strade normali non si possono raggiungere,perchè dopo quel pit stop ad Abi Dabhi i miei valori ed il rispetto per la Formula 1 hanno perso consistenza nel credere che non ci sia del marcio in questo Circus,che amo dal 1992 quando il Leone Nigel Mansell vinse il titolo Piloti. PERCHE’ ???????????????

  16. Matteo

    8 Dicembre 2010 at 13:36

    Domenicali: Guardare avanti, ma dove, era meglio intitolarlo;
    Domenicali: Guardare dietro i fanali delle altre vetture……

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati