Caterham, Kobayashi: “Bianchi doveva essere punito”

Lo scontro al giro 26 gli avrebbe causato danni a fondo e fiancate

Caterham, Kobayashi: “Bianchi doveva essere punito”

Corsa discreta ma non abbastanza da tornare a casa soddisfatta per la Caterham che si è fatta scippare la top ten dalla diretta rivale nonostante questa abbia avuto una domenica travagliata.

“La partenza è stata buona e sono riuscito ad evitare i detriti lasciati dlla Force India – ha dichiarato Kamui Kobayashi, 13° – Purtroppo al giro 26 dopo essere rientrato dalla sosta alla chicane dopo il tunnel Bianchi mi ha colpito. Non capisco perché la direzione non sia intervenuta considerati i danni provocati a fondo e fiancate che tra l’altro mi hanno impedito di entrare nei punti. Ad ogni modo tengo il morale alto e che l’esperienza mi torni utile in futuro”.

“Nonostante il risultato sono contento di aver visto il traguardo del mio primo Gp di Monaco – ha affermato Marcus Ericsson, 11° – Dopo essere partito dalla pit lane mi sono presto accodato alla seconda Marussia, il bilanciamento era buono e anche il ritmo. Entrambi gli stint con le supersoft mi hanno permesso di spingere e nel finale ho tenuto dietro Raikkonen”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

4 commenti
  1. un meccanico della dacia Logan e Duster

    25 Maggio 2014 at 21:02

    Una grandissima occasione persa,da mangiarsi il cappello 3 volte
    Per Koba e sopratutto per Catheram. Complimenti a Bianchi, ma kobayashi non demeritava

  2. frosco

    25 Maggio 2014 at 21:15

    Si puniamo pure quei contatti… Ok Bianchi ha forzato ma tanto tempo fa i piloti facevano di peggio, si urtavano ruota contro ruota ma non venivano penalizzati! Erano vere lotte. Ora, proprio a causa di questi piccoli contatti i piloti non osano più di tanto perché sanno che poi vengono penalizzati. Smettiamola di pianucolare e diamo più libertà ai piloti, Cristo Santo!! Markus, impara da Jules che cmq è un pilota che ci sa fare… 😉

    • proctolyn

      26 Maggio 2014 at 12:10

      Un conto è un sorpasso al limite con contatto, un conto è usare l’altro pilota come sponda manco fossa un videogioco. Questo contatto era simile al sorpasso di Hamilton ai danni di Massa sempre qui a MC nel 2011, che ha visto Hamilton subire un drive trough.

      Comunque penso che la vera buffonata sia la troppo leggera penalizzazione nei confronti di Chilton che ha mandato a puttane la gara di Raikonnen dietro la SC.

  3. caterham

    26 Maggio 2014 at 08:55

    sta di fatto che la caterham nn ha sfruttato un occasione impertibile

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati