Alonso: “Non siamo soddisfatti del bilanciamento della vettura”

Alonso: “Non siamo soddisfatti del bilanciamento della vettura”

Fernando Alonso è realista al termine delle qualifiche del GP Brasile che l’hanno visto conquistare ancora una volta la quinta posizione in griglia.

“Il mio abbonamento al quinto posto è stato allungato di un altro sabato! Stavolta però raggiungere la mia classica posizione sulla griglia di partenza è stato po’ più faticoso del solito. Non siamo molto soddisfatti del bilanciamento della vettura e ci aspettavamo una Mercedes molto competitiva” ha commentato il pilota della Ferrari.

“Invece in Q3 siamo arrivati molto più vicini alle McLaren di quanto ci potessimo attendere mentre la prima Mercedes è rimasta staccata di diversi decimi. Tutto ciò significa che siamo riusciti ad ottenere qualcosina in più del nostro potenziale. Non posso certo dire che questa qualifica mi abbia particolarmente sorpreso. Se domani dovesse davvero piovere sarà una corsa molto emozionante ed aperta: nessuno sa esattamente quanto potrà essere competitivo sul bagnato e poi basta poco o nulla – un giro in più o in meno in pista in caso di cambiamento delle condizioni – per rivoltare una situazione apparentemente consolidata. E’ vero che per noi i problemi nel mandare in temperatura le gomme si acuiscono sul bagnato ma è altrettanto vero che poi, quando la pista si asciuga, andiamo più veloce dei nostri avversari: le varie fasi della gara di Silverstone ne sono una conferma. Se invece dovessimo correre sull’asciutto allora forse ci saranno tante soste perché gli pneumatici oggi sembravano degradarsi di più rispetto a ieri. Il menù perfetto per l’ultima gara dell’anno? Le prime quattro davanti a noi ferme ed io e Felipe davanti a tutti!”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

9 commenti
  1. frederick

    26 Novembre 2011 at 21:02

    E’ una caratteristica della Ferrari quella di chiudere l’ultima gara dell’anno con drammi sportivi in termini di risultati dal 2009 a oggi a quanto pare 😛

    • Slauzy

      27 Novembre 2011 at 00:41

      non solo della Ferrari, ci sono molte squadre che dal 2009 non vincono un’emerita ClPPA -> McLaren, Renault, Force India, Sauber, Williams, Toro Rosso. Però c’è una buona possibilità che il prossimo anno ci sarà il duello ad armi pari McLaren/RB. La Ferrari non riuscirà a recuperare il gap, e nemmeno la Mercedes.

      • maxfunkel

        27 Novembre 2011 at 07:48

        Vediamo, cosa succederà il 4 agosto del 2012 alle 15,30 siccome prevedi il futuro puoi dircelo…. MA VA…..

      • Vincenzo

        27 Novembre 2011 at 10:26

        Ma rispondi pure in privato ? Avrei delle cosette in previsione futuro da chiederti.

    • Federico Barone

      27 Novembre 2011 at 09:20

      Dove sarebbe il dramma sportivo conclusivo? A me sembra che tutta la stagione sia andata come queste qualifiche.

      Se gli altri sono più bravi, stanno davanti. È inutile che Alonso speri che gli altri si fermino (i ritiri non esistono quasi più) e – per quanto riguarda un’eventuale corsa bagnata – forse il nano dimentica che Vettel se la cava molto bene anche in quelle condizioni, forse più che “molto bene”…

      Il 2012 sarà molto simile al 2011, secondo me.

  2. TIFOSO ALONSO E RAIKKONEN

    27 Novembre 2011 at 12:05

    vabbè aspettiamo l’ennesimo miracolo

  3. Giovanni

    27 Novembre 2011 at 13:15

    Si ma l’anno scorso ci sono stati un bel pò di ritiri, e non credo che in un’anno si annulino del tutto.

  4. Simone

    27 Novembre 2011 at 14:24

    Vabbè dai, oggi si chiude un’annata no per la Ferrari ma è stata una stagione strepitosa di Alonso: è stato incredibile, perfetto, portando 10 volte sul podio una macchina da 5° battendo vetture superiori.
    Speriamo che l’anno prossimo la Ferrari sarà in grado di dargli una macchina competitiva che al resto ci penserà lui

    • Beppe (tifoso Redbull)

      27 Novembre 2011 at 15:44

      Sono d’accordo l’unica nota positiva del team è avere in forza un pilota straordinario come Alonso, nulla da dire.

      Beppe

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati