Team Radio: i tecnici Ferrari stanno analizzando i possibili scenari

Restano ancora alcuni dubbi....

Team Radio: i tecnici Ferrari stanno analizzando i possibili scenari

La settimana di pausa tra il Gran Premio d’Italia e quello di Singapore ha portato con sé la decisione della Federazione Internazionale dell’Automobile di ridurre significativamente le indicazioni che i team possono fornire ai piloti attraverso la radio. La FIA ha, infatti, deciso di interpretare in modo più restrittivo l’articolo 20.1 del Regolamento Sportivo che sancisce come il pilota debba guidare la vettura “da solo e senza aiuti esterni”.

Certe comunicazioni radio, a partire da Singapore, saranno dunque considerate “aiuti esterni”. Da quanto la FIA ha lasciato intendere, ma ancora in assenza di linee guida precise, saranno vietate tutte le informazioni sul consumo di carburante così come i messaggi a proposito di settaggi e regolazioni che possano migliorare le prestazioni della vettura. Attualmente i piloti compiono dalle due alle tre regolazioni al giro, su indicazioni che per lo più arrivano dagli ingegneri che monitorano la situazione attraverso la telemetria. Allo stesso modo non si potranno più comunicare in quali curve o settori migliorare, né sarà consentito dare indicazioni al pilota sullo stato delle gomme o sulle azioni da compiere durante il giro di formazione. Il pilota avrà comunque alcune di queste informazioni attraverso il display LCD sul volante (di cui peraltro tre team non dispongono) mentre la FIA ascolterà e registrerà tutte le comunicazioni, vigilando anche sui messaggi in codice. È stata promessa tolleranza zero, con possibili penalità da cinque secondi pronte a fioccare.

Tra le comunicazioni che la FIA tollererà, il richiamo al pilota a rientrare al box per il cambio gomme, gli ordini di squadra relativi allo scambio di posizioni tra compagni, gli avvisi di potenziali pericoli presenti in pista e le informazioni sul traffico.

Gli uomini della Scuderia Ferrari stanno studiando l’impatto di questa nuova Direttiva Tecnica in materia di radiocomunicazioni e stanno analizzando i possibili scenari che si potrebbero materializzare in pista. Restano ancora alcuni dubbi soprattutto per questioni relative alla sicurezza: alcune indicazioni, ad esempio legate allo stato di freni e delle gomme, sono tra quelle proibite ma che in certi casi potrebbero evitare pericolosi incidenti.

Come comportarsi allora? In attesa di ulteriori chiarimenti dalla FIA, solamente la pista dirà quanto questa nuova regola condizionerà l’andamento delle gare…

Team Radio: i tecnici Ferrari stanno analizzando i possibili scenari
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

10 commenti
  1. Federico Barone

    12 settembre 2014 at 21:45

    La direzione è giusta, il metodo è sbagliato. Il caos non diminuirà, secondo me.

    Bisogna semplificare invece che complicare.

    • stefanoabbadia

      13 settembre 2014 at 09:02

      la direzione è giusta?
      hai presente quando chiedi a un manager di un’azienda di rifondare la stessa perché sta andando verso il fallimento? beh..che provvedimenti t’aspetti che possa prendere?…è lui che la sta portando al fallimento anno dopo anno…vuoi che da un giorno con l’altro possa diventare i salvatore?…parlo al singolare ma ovviamente il discorso andrebbe rivolto apiu personaggi..anche a qualche altro che ora è ala porta ma che ha sempre banchettato e portato avanti sta situazione neh…che quando andava bene e vinceva okay…ora che capiva di essere ormai alla porta perché non vinceva più e per altri motivi..beh..pure lui ha reclamato…

      • Federico Barone

        13 settembre 2014 at 09:30

        Ripeto: la direzione è giusta. È giusto togliere importanza alle comunicazioni radio (che a molti teleutenti piacciono, in particolare quelle di Kimi), ma si dovrebbe eliminarle completamente, in entrambe le direzioni.

        Si dovrebbe eliminare anche tante altre cose inutili allo sport motoristico, in questa categoria (ma non solo).

        Questo è il senso del mio post precedente.

        Ora continua pure a scrivere fiumi di parole…

        Una piccola nota sull’articolo (ma non importante, è che mi piace la precisione, quando sono in grado di esserlo): LCD significa “Liquid Crystal Display”, quindi il termine “display” non va preposto a “LCD”, è inutile. 😉

      • Federico Barone

        13 settembre 2014 at 09:39

        Dimenticavo: Williams, Red Bull e Lotus sono i 3 teams che non posseggono il grande LCD (come tutti gli altri). Essi potrebbero quindi comunicare ai piloti meno informazioni, perchè il loro display non lo consente.

        Sembra che avessero deciso di non utilizzare il più moderno (e più grande) LCD, in quanto ritenevano che attraverso le comunicazioni fra pilota ed ingegnere, in corsa, non si avesse alcuno svantaggio.

  2. walterc

    12 settembre 2014 at 23:38

    Appoggio in pieno.Che prendano spunto dalla moto GP….. non hanno neppure gli specchietti retrovisori…

  3. Raphael

    13 settembre 2014 at 02:00

    Idiozia alle stelle, roba da incubo.
    Prossimo passo? Cartelli ai box esposti da giudici FIA e non dal team e microfoni durante il cambio gomme.
    Maledetti idioti.

  4. pippo

    13 settembre 2014 at 08:45

    Immaginiate informazioni sul display durante un giro a montecarlo

  5. Radioattivo

    13 settembre 2014 at 15:23

    Gli uomini della Scuderia Ferrari se davvero hanno detto questa cosa ci stanno predendo per i FONDELLI.

    Mi dovrebbero spiegare allora come facevano i piloti del passato per decenni..?

    Un pilota di F1 sa perfettamente se i freni stanno finendo o le gomme sono esaurite.
    Chi arriva in F1 si è fatto una gavetta in tutte le formule minori e guida da tantissimi anni.

    No.. da Ferrarista queste dichiarazioni sono inaccettabili. Vorrei sapere chi le ha dette. In Ferrari parlano troppe persone.

  6. lucaraikkonen

    13 settembre 2014 at 20:56

    i possibili scenari?? che il pilota guiderà senza che gli dicano : guarda che dovresti premere il pedale del freno del 28% in più alla curva 12..

  7. Capitan red

    14 settembre 2014 at 23:41

    novità della federazione totalmente inutile…non sanno far ripettare il regolamento quando si custruisce una macchina figurarsi sui messaggi.

    ma dopotutto se si perde il 40% di fans qualcosa per far parlare bisogna trovarlo…altrimenti si rischia che anche il restante 60% capisca quanto finta sia una F1 così.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati