Si spera una lotta aperta e leale alla Brawn

Si spera una lotta aperta e leale alla Brawn

Entrambi i piloti della Brawn si sono detti fiduciosi in una lotta aperta e leale per il titolo del 2009.
Il duo della Red Bull e' ancora matematicamente in lizza per il mondiale, ma la doppietta della Brawn a Monza ha dimostrato che Jenson Button e Rubens Barrichello sono i principali contendenti al titolo iridato di quest’anno.

Nonostante la coppia di rivali si trovi sullo stesso tetto nel box bianco e giallo, il loro capo Ross Brawn ha gia' promesso che gli ordini di scuderia non verranno impartiti finché il fair play prevarra' tra i due piloti.

“Tutto quello che chiedo ai miei piloti ora e' di competere in modo aperto e leale, di lavorare onestamente insieme, ma hanno l’esperienza giusta per gestire la situazione,” ha detto il britannico dopo il Gran Premio d’Italia.

Comunque vada, sia Barrichello che Button hanno gia' affermato che nulla cambiera' d’ora in poi, nonostante il fatto che dopo le ultime quattro gare soltanto uno di loro potra' realizzare il sogno di una vita e diventare campione del mondo.

Accanto al pilota brasiliano nella conferenza stampa dopo la gara di Monza, Button ha detto scherzando di “odiare questo ragazzo”, riferendosi al suo compagno di squadra, per poi aggiungere seriamente: “Credo continueremo a condividere le informazioni ma quando arriviamo sul circuito siamo ovviamente rivali,” ha chiarito il leader del campionato, con 14 lunghezze di vantaggio sul veterano pilota brasiliano. “Rubens sara' sicuramente un duro rivale.”

Barrichello, che all’eta' di 37 anni e' il pilota piu' vecchio della griglia di partenza, s’e' detto d’accordo sul fatto che nonostante l’alta posta in gioco il fair play tra i due non finira'.

“C’e' il vecchio detto che afferma che solamente i duri vincono in F1. Ma siamo entrambi bravi ragazzi, quindi sara' la fine di questa vecchia storia,” ha detto il brasiliano ai giornalisti presenti a Monza.

Per quanto riguarda lo scambio di informazioni, Barrichello ha affermato: “Li' tutto e' un libro aperto. Abbiamo le nostre riunioni e andiamo alla check list allo stesso tempo, quindi possiamo sentire tutto.”

Andre' Cotta

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati