Ricciardo: “Più competitivi a Sakhir”

La Toro Rosso, dopo il disastro in Cina, vuole fare bene in Bahrein

Se a Shanghai gli aggiornamenti non hanno funzionato, nella quarta gara della stagione la scuderia basata a Faenza spera di poter far fruttare i dati accumulati durante la gara
Ricciardo: “Più competitivi a Sakhir”

Dopo un weekend frustrante a Shanghai, la Toro Rosso punta su Daniel Ricciardo per il riscatto al GP del Bahrein.

L’australiano dopo aver fatto vedere belle cose nei primi due GP della stagione ha chiuso al 17° posto in Estremo Oriente. “Il Gran Premio di Cina che non è andato come avremmo voluto. Non abbiamo avuto il ritmo giusto ma credo che il positivo è che sia Jean-Eric Vergne che me abbiamo chiuso senza essere doppiati, portando a casa dati utili”, ha spiegato Ricciardo. “Eravamo andati a Shanghai con alcuni aggiornamenti per la macchina e ho trascorso gran parte del venerdì a provarli. Non siamo stati molto veloci in qualifica e il team ha deciso di andare in gara con una tattica simile a quella che abbiamo avuto in Malesia. Ma non è servito e le cose sono andate in corsa sostanzialmente come in prova. Abbiamo girato lontano dalla zona punti e con un passo utile a raccogliere informazioni, penso che quello che abbiamo imparato servirà questa settimana in Bahrein, dove speriamo di essere più competitivi”.

La scuderia faentina quest’anno corre con un esordiente assoluto, Vergne, e appunto Ricciardo che ha iniziato proprio come terzo pilota del venerdì alla Toro Rosso, prima di andare a maturare nella seconda metà della stagione alla HRT come pilota ufficiale. Ma lo scorso anno qui a Sakhir non si corse e per Daniel la pista è una quasi assoluta novità. “Non ho fatto la FP1 in Bahrein lo scorso anno perchè la gara non si disputò e il mio unico approccio a Sakhir è stato per una borsa di studio in Formula BMW nel 2006, sulla versione corta del circuito. Ad essere sincero non mi ricordo molto su di esso ma visto che vinsi la borsa di studio devo essere stato abbastanza veloce. Forse è un buon auspicio, chissà, potrei finire il Gran Premio sul podio”, ha chiuso ridendo il driver di origini italiane.

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

9 commenti
  1. un meccanico della Dacia Logan

    18 Aprile 2012 at 13:23

    Buemi, Alguesari …….
    li sento ridere da qui

    • Maria

      18 Aprile 2012 at 13:31

      ahahahahaha
      dovevi scrivere prima Alguersuari e poi Buemi, così facevi anche rima!!!

      • un meccanico della Dacia Logan

        18 Aprile 2012 at 14:44

        hoops, poesia…..é vero é più bello

    • Mattia

      18 Aprile 2012 at 13:51

      Tenendo conto che preferivo Buemi e Alguersuari, mi sembra che Ricciardo e Vergne si siano comportati abbastanza bene nelle prime due gare.
      In Cina, invece, la Toro Rosso era molto lenta e Vergne ha fatto una buona gara (al contrario di Ricciardo) partendo dalla pit lane e arrivando davanti al compagno di squadra.

      • Maria

        18 Aprile 2012 at 14:02

        Vergne non é così male considerato che é alle prime armi…
        Ricciardo mi ha un po’ delusa finora, però considerato che l’anno scorso guidava (???) una HRT, insomma, in pratica é un esordiente anche lui XD

  2. enzo

    18 Aprile 2012 at 13:51

    per il momento le prestazioni di Ricciardo e Vergne sono stae superiori a quelle dei loro predecessori…quindi hanno poco da ridere…vediamo cosa succede nelle prossime gare

    • Maria

      18 Aprile 2012 at 14:04

      Superiori non direi, visto che Vergne é già rimasto fuori 2 volte dalla Q2!
      Poi in gara ha recuperato ed ha la scusante di non conoscere le piste, però dire che vada meglio di Buemi ed Alguersuari mi pare eccessivo…

  3. Gianluca RB

    18 Aprile 2012 at 14:11

    speriamo sia competitiva, affinché il talento di ricciardo possa fiorire

    l’anno scorso la vettura era più competitiva soprattutto verso metà stagione raggiunse il picco

  4. marco

    18 Aprile 2012 at 15:55

    allora veidamo di capirci: i signori ingegneri della Toro Rosso primo fra tutti il direttore tecnico ing. Giorgio Ascanelli come i loro colleghi/concorrenti NON possono fare i miracoli.In linea di principio, avendo la toro rosso come la sauber gruppo motore/cambio ferrari, quando la ferrari va male vanno male anche loro, quindi per ora quest’anno non possono andare molto forte!ma non e’ detto che fra qualche gara vadano meglio,sono una piccola scuderia dategli tempo soldi permettendo. la sauber e’ un caso a parte!han molti piu’ soldi loro.i piloti toro rosso per me son meglio di buemi e alguesari perche’ e’ meglio cambiare nella vita e dare possibilita’ a tutti di esprimersi e quei due li’ ultimamamente si lamentavano quasi a livello di massa

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati