F1 | Ferrari, Vettel sul prossimo GP del Bahrain: “Ogni errore si paga caro in termini di tempo”

"La pista di Sakhir a livello di difficoltà si può configurare come normale, ma attenzione alla sporcizia", ha aggiunto il tedesco

Il tedesco arriva in Bahrain voglioso di riscatto, vista la cocente sconfitta accusata nei confronti della Mercedes in Australia
F1 | Ferrari, Vettel sul prossimo GP del Bahrain: “Ogni errore si paga caro in termini di tempo”

Intervistato dal sito ufficiale della Ferrari, Sebastian Vettel ha parlato del prossimo Gran Premio del Bahrain, secondo appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1, sottolineando i tanti punti critici che i piloi dovranno affrontare durante il fine settimana al Sakhir International Circuit.

La sabbia e la sporcizia in pista, infatti, giocheranno un ruolo chiave nella preparazione della gara, soprattutto per quello che riguarda il lavoro del venerdì. Il cambiamento di condizioni derivante dall’orario, inoltre, renderà più difficile il processo di messa a punto della SF90, visto che squadra e piloti avranno la sola sessione pomeridiana del venerdì per testare la monoposto nella reale configurazione gara (temperature più basse e luce artificiale.ndr).

“La pista del Bahrain a livello di difficoltà si può configurare come normale”, ha detto il tedesco della Ferrari, vincitore della scorsa edizione davanti alle due Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton. “Non è sempre facile prendere il ritmo giusto nelle prove perché la pista è sporca di sabbia e spesso tira un forte vento. Quindi in molti casi ogni giro di pista è diverso dal precedente e questo può fare la differenza specie in qualifica. Basta essere fuori dalla traiettoria ideale anche di pochi centimetri che le ruote iniziano a pattinare e si perdono irrimediabilmente dei decimi”.

Sulle difficoltà di guida e sui tanti punti di sorpasso del Sakhir ha aggiunto: “Qui ogni errore si paga caro in termini di tempo. Per la stessa ragione bisogna essere molto cauti nei sorpassi, aspettando un piccolo errore del pilota davanti per provare a passargli davanti. Per quanto riguarda i sorpassi, invece, andranno seguite con attenzione le curve 1 e 14, ovvero le staccate dopo i due lunghi rettilinei”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati