Prost: “Non sarà facile gestire la nuova Ferrari”

Per il quattro volte iridato Domenicali potrebbe non essere all'altezza del compito

Prost: “Non sarà facile gestire la nuova Ferrari”

Davanti alla notizia dei due galletti Räikkönen- Alonso nello stesso pollaio non poteva che intervenire lui, Alain Prost, che una situazione del tutto analoga l’aveva vissuta in un’altra epoca, quella a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, in un’altra Formula Uno, quella di chi ha fatto la storia dello sport a motore.

“Parlando da tifoso potrei dire che è un bene avere due numeri uno assieme e per di più alla Ferrari, da addetto ai lavori invece che sarà una bella gatta da pelare per i vertici – ha affermato durante una trasmissione sportiva francese – Credo sia una scelta nata da una certa tensione tra Fernando e la Scuderia ampiamente palesata durante l’anno e dai numerosi contatti che lo spagnolo e il suo management hanno avuto con le altre squadre. Ora dovrà accettare di non essere più il numero uno incontrastato, almeno all’inizio. E’ certamente una mossa rischiosa. Non penso inoltre che Stefano Domenicali abbia il polso di un Jean Todt o di un Ross Brawn per gestire una situazione del genere, non dimentichiamoci che entrambi hanno grande esperienza e sono campioni del mondo… Tutto sommato però va riconosciuto che in un ambiente come la F1 le rivalità possono anche far bene. Con Senna nel 1988 è stata a tratti esasperata, ma alla fine ci si capiva. In questo caso invece la vedo dura. In Italia la stampa fa molta pressione, per cui mi immagino che prima o poi ci saranno delle difficoltà”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

27 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati