Le 10 Pillole del Gp di Spagna 2011

Le 10 Pillole del Gp di Spagna 2011

Eccoci tornati con il nostro consueto appuntamento delle Pillole, versione 2011, capitolo Spagna, casa del torero Ferrarista.

E dal torero Ferrarista, si parte.

Foto di copertina dedicata alla ‘Grande Illusione’.

1- Fernando Alonso: Matado
Non abbiamo idea di quanto sia incazzato dopo una domenica del genere. L’aria di casa l’ha ringalluzzito talmente da farci vedere una qualifica quasi commovente e una partenza come da tempo immemore non se ne vedevano in zona Maranello. Ma tant’è, la F150, come da buona macchina da anniversario, pare la F60, e finire doppiato in casa è una mazzata paurosa. Da Matador a Matado.

2 – Sebastian Vettel – Lo chiamavano ‘il Fortunello’
Dicono vinca esclusivamente grazie all’F16 sul quale le sue terga sono poggiate. Eppure, i 50 secondi rifilati oggi a Webber e i 6 decimi con i quali ha tenuto a distanza Hamilton negli ultimi 15 giri dovrebbero dimostrare che questo pischello non ha solo terga. Per chi dice che non sorpassa, oggi ha dato dimostrazione di saper fare anche quello. Ma d’altronde, chi può permettersi di vincere un Mondiale di F1 con una vettura da centro schieramento? Se vogliamo farne una colpa, revochiamo il 95% dei Mondiali.

3 – Lewis Hamilton – l’unica speranza
La tutina mostrata ieri in qualifica è da squalifica per almeno quattro gare. Mai vista un’oscenità simile. Passando agli aspetti tecnici: la Mclaren, la stessa derisa per bruttezza e prestazioni anche quasi dall’HRT durante i test invernali, è improvvisamente diventata bellissima. E’ l’unica squadra potenzialmente in grado di battere la Red Bull. Luigino fa del suo meglio, lancia una corda con la quale si attacca al diffusore di Vettel e gli arriva vicinissimo. 1 a 1, tra Cina e Spagna, per gli scontri ravvicinati.

4 – Felipe Massa – disperso
Non sappiamo più cosa dire. L’anno scorso il problema erano le Bridgestone, per tutto l’inverno Felipino girava trotterellando contento delle Pirelli, ora a nominargliele pare di aprire una finestra in faccia a Dracula. Certo, la Ferrari non è propriamente un fulmine, ma lui pare non capirci proprio ma proprio niente. Speriamo sia solo il punto più basso della stagione. Per lui, ovviamente. La rottura del cambio, forse, è stata un sospiro di sollievo..

5 – Mark Webber – da Canguro a Gambero
Spiace dirlo ma il canguro dopo Abu Dhabi non è più lui. O forse il 2010 è stato il suo anno di grazia. Non siamo sicuri che avrebbe mantenuto la pole se il Baby ci avesse provato ancora, e tra l’altro non so voi ma a noi è parso spaesato/indifferente ai fotografi nonostante la pole. Oggi parte davvero male, a sua discolpa c’è da dire che sbagliano strategia facendolo rientrare assieme ad Alonso, ma gli rimane dietro davvero troppo. Forse gli conviene fare gare di rimonta..

6 – Michael Schumacher – alla ricerca della felicità
Il Grande Vecchio, dopo essere rimasto senza Kers (e non è una notizia) in qualifica, decide di tenersi un treno di burro soffice per oggi, partendo decimo. Come gli capita da quando è tornato in F1, azzecca una partenza coi fiocchi e si tiene dietro Rosberg tutta la gara. Magari sarà l’unica occasione dell’anno, ma Nico cosa proverà ad essere finito dietro ad uno che potrebbe essere suo padre? E’ vero che ci vuole rispetto per gli anziani, ma questo rimane un Grande anziano, e merita il rispetto che da quando è tornato in pochissimi gli riservano.

7 – Kamui Kobayashi – Nippo Style
E’ lui l’autore della Remuntada odierna, in condivisione con Heidfeld. Da ultimo al primo giro causa gomma spappolata, a decimo al traguardo. Siamo curiosi di sapere cosa farebbe, questo nippo simpatico come pochi, con una vettura di vertice. Promettentissimo, si spera che ai piani alti qualcuno se ne accorga e gli dia una possibilità. Uno su mille ce la fa.

8 – Nick Heidfeld – ‘Hot’ weekend
La soluzione degli scarichi anteriori è sicuramente innovativa, ma forse Nick the Quick avrebbe preferito averli dietro quando la Renault è andata arrosto nelle libere del sabato. Nonostante il ‘caldo’ inconveniente, il sostituto di Kubica sorpassa e risorpassa, a completare una Remuntada che per poco non lo porta attaccato alle Mercedes.

9 – ‘Finalmente abbiamo visto una Ferrari in testa’
In una giornata del genere, con un risultato del genere, una constatazione del genere durante il commento è semplicemente da scomunica. Soprattutto se la perla viene detta poco prima del doppiaggio di Alonso da parte di Seb e Luigino. Siamo arrivati alle magre consolazioni.

10 – Le Pirelli formato formaggio svizzero
Gli slow-motion della regia sulla condizione delle gomme in pista sono stati eloquenti. Dopo 10 giri non si erano mai visti dei crateri sulla superficie delle coperture. Anche oggi, tra l’altro, il mistero delle dure che reggono più delle morbide si infittisce. Che qualcuno scambi i colori veramente?

Fuori Concorso: Bernd Maylander
Visto che in F1 di punti, quest’anno, non vogliono fargliene fare, lui si diletta in GP2, dove questa mattina ha ottenuto altri punti importanti per proseguire la corsa al campionato cadetto. Piuttosto che niente..

MENZIONI SPECIALI
– Il braccino corto in qualifica, atto secondo
Anche a questo giro abbiamo assistito a più piloti che, per risparmiare gomme per la gara, hanno deciso di abortire i propri giri di qualifica. Ovviamente non se ne parla di fornire qualche treno di pneumatici in più, visto che questi durano 1/3 rispetto al 2010. L’anno prossimo, per ovviare a questa situazione, le Pirelli utilizzate saranno stradali e potranno essere acquistate direttamente dai rivenditori di zona. Così, per abbattere i costi.

– SETTANTASETTE soste ai box
Ormai l’abbiamo capito, quest’anno va così. Non si fa in tempo a rilassarsi che subito si inizia con il secondo giro di pit. E tutti a tessere le lodi di chi adesso vede finalmente spettacolo! Che spettacolo, sì. Mamma mia.

Arrivederci tra una settimana, dopo la Roulette Monegasca.

Alessandro Secchi
F1Grandprix.it

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

54 commenti
  1. cesco

    23 Maggio 2011 at 17:38

    l’articolo è molto bello, i commenti per la maggior parte non sono sportivi, i guai della Ferrari sono evidenti ma non si può darci addosso così, è un momento che prima o poi capita a tutte le “grandi” squadre, purtroppo concordo con chi ha detto che il denaro sta facendo da “manager” a questo stupendo sport, in ogni gran premio io cerco lo spirito della F1 e in Spagna c’è stata solo la grande partenza di Alonso per il resto fotocopia, 1° Vettel e il resto s’ammazza!!!!

  2. alberto

    23 Maggio 2011 at 18:44

    Schumacher quando arrivò in formula 1 diede subito la biada a piloti come De cesaris e portò in alto la passabile Jordan, l’anno dopo e in quelli successivi fece crescere la Benetton che vinse due titoli, pur disponendo di una macchina inferiore alla williams stellare di allora, andò alla Ferrari e la Benetton scomparì, fece crescere la Ferrari a tal punto da diventare imbattibile, questo era lo Schumacher pre ritiro, fece fare la figura dei pivelli a tutti i suoi compagni di squadra, non me ne ricordo uno che si sia salvato e non tutti erano dei fermi.
    E’ tornato in formula uno ed è un pilota normale, la lamentela non ho la macchina di solito la tiravano fuori quelli che le buscavano di santa ragione dal Kaiser, ora la fa sempre lui, se non fosse tornato in formula uno la sua reputazione non sarebbe scesa come sta succedendo.

    Detto questo mi domando che ritorno pubblicitario può avere la Pirelli se i suoi pneumatici sono così fragile, d’accordo che la federazione ha chiesto che non durassero che per pochi giri, ma io acquirente di pneumatici sono invitato ad acquistare gomme da una marca del genere? ho qualche dubbio

  3. severo

    23 Maggio 2011 at 19:55

    Vorrei dire una cosa sulla ferrari
    Montezemolo vuoi la ferrari al top ecco le cose da fare

    1 signor massa quanto guadagni? esempio 100 milioni. Ok da oggi ne guadagnerai 25 fino a quando non vincerai una gara.

    2 signor costa quanto guadagni? esempio 200 milioni. Fino a che non vedrò la macchina competitiva ne guadagnerai 10 milioni.

    Ci sono molti lussi in questa scuderia, soltanto perkè c’è la storia e il mito ferrari vi credete chi cavolo siete infatti si vede che ogni gara e la fotocopia peggiore della precedente. Al posto di costruire parco giochi, fare la pubblicità con la 500 fiat andate a lavorare perkè la red bull non è una debuttante. E metteteci un pò di passione nel lavoro che fate e cmq montezemolo prego che tu vada in politica perkè in f1 non si combina niente dal 2009. E’ ora di sbrigarsi se fossi stato alonso avrei firmato non per rimanere ma per andarmene.

    Ammetto è una vergogna vedere la rossa in questo stato mi fa pena.

  4. michele

    23 Maggio 2011 at 22:40

    Niente di nuovo. Articolo più che scontato che non aggiunge nulla a quanto visto. Lo sfottò su Alonso non mi fa ne piangere ne ridere. Ha dimostrato che con una vettura inferiore ha messo dietro i migliori. Sapresti fare di meglio tu?

  5. giacomo

    23 Maggio 2011 at 22:41

    Vettel non ha fatto sorpassi….
    ah, ah
    e chi doveva sorpassare se dopo il 2° pit stop è stato sempre in testa…..
    sto vettel è proprio un brocco

  6. Frenk

    24 Maggio 2011 at 00:39

    @Luca .

    40 anni???
    Stai a cuccia,coppetto!

  7. Francesco

    24 Maggio 2011 at 00:51

    @Frenk

    coppetto??? che d’è???

  8. max

    24 Maggio 2011 at 10:09

    x Severo, ti spiego perchè Costa ha una responsabilità limitata… ad inizio progettazione, più o meno ad Giugno Agosto dell’anno precedente, ai responsabili di progettazione vengono impartite le direttive sulle quali sviluppare un progetto, tali direttive vengono raccolte da tutte le fonti possibili (concorrenza, risultati sul campo, voci di box, necessità dei motoristi, elettronici, telaisti, piloti, imposizioni Fia, sviluppo regolamentari futuri, budget)da uno staff a cui fa capo il Team Manager (T.M.), Il T.M. quindi pone i paletti entro i quali il buon Costa o chi per esso deve disegnare la vettura, se a Costa dai delle direttive conservatrici lui disegnerà una vettura che gioco forza sarà conservativa, se non poni limiti (come pare non avere Adrian) ecco che la vettura sarà avveneristica… Costa NON è l’ultimo arrivato, ai tempi della Minardi (dove l’unico suo limite era il budget) sviluppò idee che furono poi riprese da tutti, la minardi spesso era all’avanguardia ma poi non poteva sviluppare.. es? l’alettone anteriore a cucchiaio.

    Piuttosto vedete questa:
    Luca di Montezemolo pare fosse stato chiaro: “Mi aspetto una reazione in tempi molto brevi”
    ..Ora la reazione DEVE venire da lui… Team Manager A CASA!!!! dirottato alla produzione della 500!!!!! SUBITO!!!!!

  9. huineng 6 patriarca zen

    24 Maggio 2011 at 11:15

    domenicali,la conosci l’evoluzione della specie di darwin?se la ferrari vuole tornare al vertice posto che le compete,deve evolversi. motoristi francesi (vi ricordate di Jeanjaques His?)telaisti inglesi,avete troppi italiani nella squadra e ognuno e bravo alla sua maniera.dovete rinnovarvi,evolvervi.Cribbio!!!orazio bacci.

  10. Frenk

    24 Maggio 2011 at 14:32

    @Francesco .

    Al mio paese un coppetto è un ragazzino,io sono un vecchiaccio,ma mi inalbero quando mi si dà del “lei”,mi sento giovane e godo della compagnia e della confidenza dei giovani,trattato alla pari,e me la rido quando sento discorsi come “io sono grande”…

  11. Victor

    24 Maggio 2011 at 15:51

    …come ho già scritto più volte l’unica equazione certa oggi in F1 è: Hamilton=Senna…tutto il resto sono chiacchere da bar dello sport…e piantatela di “moderare” i miei commenti e i commenti legittimi di quelli che criticano (a ragione!!) la redazione di questo sito e i rossoitalioti che postano continue minchiate…siete ridicoli ed incompetenti dovete farvene una ragione…

  12. Frenk

    24 Maggio 2011 at 23:16

    @Victor .

    Quindi il tuo parere conta ma quello degli altri utenti no?
    Mavàac…

  13. Carlo

    25 Maggio 2011 at 00:19

    Quotone per Frank

    @Victor: se LH avesse avuto 1/1000 delle abilità di Ayrton: avrebbe fatto la pole ed avrebbe passato Vettel. Quindi l’unica equazione certa è che Hamilton NON è Ayrton le altre son tutte chicchere da bar. Ti va bene così…Mr “Esperto” di F1 o era Curling…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati