La Red Bull rompe il “coprifuoco” in Ungheria per migliorare le prestazioni

La Red Bull rompe il “coprifuoco” in Ungheria per migliorare le prestazioni

Red Bull Racing ha deciso di violare il “coprifuoco” per la prima volta in vista del Gran Premio d’Ungheria con il team che ha lavorato ieri notte per fare modifiche al set up della vettura.

Dopo una prima giornata che ha lasciato Sebastian Vettel fermamente convinto che la squadra debba necessariamente fare un passo avanti, la squadra ha scelto di non smettere di lavorare durante la notte nel tentativo di migliorare le proprie prestazioni prima delle libere 3 e la sessione di qualificazione.

Alle squadre sono ammesse quattro eccezioni per lavorare di notte durante la stagione, le eccezioni sono state inserite nei regolamenti nel caso che i team siano costretti a lavorare fino a tardi per riparazioni inaspettate a seguito di incidenti o problemi di affidabilità. Ogni squadra che viola il “coprifuoco” per la quinta volta viene sanzionata.

La decisione della Red Bull Racing di rompere il coprifuoco semplicemente per migliorare la vettura potrebbe essere considerata come una prova che la squadra sia in difficoltà contro la McLaren e la Ferrari.

Vettel, che ha concluso le seconde prove libere al quinto posto, ha detto: “McLaren e Ferrari sono molto veloci quindi credo che dobbiamo migliorare le nostre prestazioni per essere sicuri di poter lottare per la vittoria.”

La Red Bull rompe il “coprifuoco” in Ungheria per migliorare le prestazioni
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

11 commenti
  1. Federico Barone

    30 luglio 2011 at 11:25

    Io non voglio polemizzare, ma non mi sembra che si tratti di “problemi di affidabilità o riparazioni inaspettate in seguito ad incidenti” nel caso della Red Bull…

    Non mi sembra che vi siano gli estremi per permettere di sfruttare questo accordo sulla “rottura del coprifuoco”.

  2. strige

    30 luglio 2011 at 11:40

    è spiegato male nell’articolo, ma il coprifuoco vale per ogni cosa. Infatti l’hrt a inizio anno ne usò due solo per il setup e montaggio della vettura. Almeno io così sapevo.

  3. Francesco w schumy

    30 luglio 2011 at 12:02

    Si e fanno bene !

  4. J. J. Thunder.

    30 luglio 2011 at 13:32

    e la tensione sale in casa RB

  5. Marco

    30 luglio 2011 at 14:18

    Mi sembra abbastanza comprensibile che anche una monoposto nata piuttosto bene possa avere qualche problema su alcuni tipi di circuito. Sempre che le prestazioni di Red Bull negli ultimi GP possano considerarsi scarse.

  6. giacomo

    30 luglio 2011 at 17:35

    il termine usato nell’articolo “violare”, implica una mancanza a qualche regola, cosa che nella realtà non è avvenuta….
    allora prima di scrivere….fandonie , meglio riflettere

  7. D-Lord

    30 luglio 2011 at 18:14

    gli avranno riparato la voragine alla mano di stamattina

  8. MrSchumi71

    31 luglio 2011 at 12:16

    schumi al posto di alonso !!!!!!!!!!!!!!!!!!!così si vince ancora!!!!!!!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Mercato

F1 | Raikkonen: ritorno alla Sauber?

Secondo quotidiano svizzero, il finlandese potrebbe ritornare nella scuderia italo-elvetica dopo 17 anni
Si fanno sempre più insistenti le voci sulla probabile partenza di Kimi Raikkonen da Maranello a fine stagione.