La FIA sul caso Mercedes: tutti i team dovevano avere la possibilità di provare con Pirelli

Primo chiarimento della Federazione sulla polemica esplosa a Monaco

La FIA sul caso Mercedes: tutti i team dovevano avere la possibilità di provare con Pirelli

In attesa di una relazione completa che sarà preparata dai commissari di gara sul caso Mercedes e probabilmente discussa dal tribunale internazionale della FIA, la Federazione ha diramato un comunicato in cui afferma che la situazione non è così chiara come la Mercedes aveva invece fatto intendere. Sebbene il team ha dichiarato di aver ricevuto una conferma della FIA sulla questione, la Federazione ha dichiarato che in realtà c’erano delle condizioni allegate alla sua approvazione.

La FIA ha rivelato che all’inizio di maggio la Pirelli ha chiesto se sarebbe stato possibile per un team eseguire un test con una vettura attuale (2013).

“Nel contratto che Pirelli ha con la FIA come fornitore unico, c’è un’opzione per loro per coprire fino a 1000 Km di test con qualsiasi team, dopo aver fornito ad ogni team l’opportunità di partecipare” ha dichiarato la FIA nel comunicato. “Pirelli e Mercedes-AMG sono state avvisate che questo test di sviluppo sarebbe stato possibile se svolto dalla Pirelli, e non dal team che avrebbe fornito la vettura e il pilota, e questi test sarebbero stati subordinati alla possibilità per tutti i team di provare per assicurare la piena equità sportiva”.

La FIA ha aggiunto che in seguito alle comunicazioni iniziali con il team e il fornitore non ha ricevuto altre informazioni sul test e nemmeno una conferma che a tutti i team sia stata data la stessa opportunità di prendervi parte.

Il direttore di Pirelli Motorsport, Paul Hembery, ha dichiarato stamani che anche ad altri team è stato chiesto di svolgere dei test ma che la Mercedes è stato il primo team ad accettare: “L’abbiamo fatto prima con un altro team e abbiamo chiesto ad un altro team di fare altrettanto”.

Ross Brawn, team principal della Mercedes, ha dichiarato che la Pirelli ha chiesto agli altri team di dare una mano ma nessuna squadra avrebbe risposto: “Pirelli ha chiesto ai team di aiutarli per 12 mesi ma nessuno li ha supportati. Ci sono stati molto colloqui tra Pirelli e i team chiedendo di fare 1000 Km per loro, e ovviamente abbiamo avuto un problema in Bahrain con Lewis Hamilton che era molto preoccupato a riguardo, e abbiamo fatto lo sforzo di aiutarli. Nessun’altro sembra aver fatto altrettanto”.

La FIA sul caso Mercedes: tutti i team dovevano avere la possibilità di provare con Pirelli
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

43 commenti
  1. aollari

    26 maggio 2013 at 22:04

    Ross Brawn non si smentisce…..
    Secondo me è una cosa irregolare, stop!
    Ma anche la Fia ha voglia di una Mercedes al top.

    • MSC Crociere

      27 maggio 2013 at 13:51

      Io darei una pena severissima che serva alla Mercedes come lezione con i fiocchi e a chiunque voglia barare in futuro da monito:

      Innanzitutto con grande dispiacere per i piloti squalificherei la squadra dal gran premio di monaco, farei saltare al team la gara successiva, e per pareggiare le cose anche sul piano tecnico darei alle rimanenti squadre la possibilita’ di effettuare 1000 km di test per ogni team il tutto gentilmente pagato dall’AMG Mercedes F1 Team (o in parte dalla Pirelli a seconda di come si spartiranno le colpe).

      Lo so sarebbe una pena severissima ma il loro gesto e’ qualcosa di molto piu che intollerabile.

      • maddalena

        27 maggio 2013 at 18:37

        Bisogna conoscere le cose prima di parlare e anche in modo così aggressivo.

        Se la Pirelli ha fatto quello che ha fatto, lo poteva fare.

        Almeno un altro team, di colore Rosso, ha fatto in passato test con la Pirelli, anzi ha fatto molto peggio ….

        Ma loro sono molto furbi …

      • MSC Crociere

        27 maggio 2013 at 21:07

        Non credo la pirelli lo potesse fare, il comunicato della Fia lascia proprio intendere che non aveva rilasciato alcuna autorizzazione ne’ era stata informata.
        Il mio commento non e’ aggressivo, e’ quello che secondo me sarebbe giusto fare se la verita’ fosse proprio quella emersa in questi giorni, e’ del tutto oggettivo e prescinde dal nome del team coinvolto.

      • Cris

        28 maggio 2013 at 16:31

        @maddalena, la Ferrari ha fatto il test con Pirelli con una vettura del 2010, la Mercedes con quella di quest’anno. Come la mettiamo? Io sono d’accordo con MSC Crociere, e aggiungo che la Fia in questa occasione dovrebbe mostrare polso, perchè già di credibilità ne ha poca, poi se lasciano passare questa cosa e invece si mettono a fare i pignoli per le stupidaggini (tipo un normalissimo contatto di gara), allora la loro credibilità toccherà proprio il fondo.

  2. shakas82

    26 maggio 2013 at 22:06

    mi sembra strano che tutti i tema abbiano rifiutato di testare gomme di cui nessuno ci ha ancora capito una mazza…e 1000 km non sono sicuramente pochi.

    se anche nelle prossime gare le mercedes non consumeranno le gomme vorrà dire che hanno fatto anche test sulla vettura

    • -Leon-

      26 maggio 2013 at 22:17

      bhè è ovvio che hanno fatto anche test sulla vettura, e i risultati si sono già visti.

      io dubito che squadre come ferrari, lotus e rb habbiano rifiutato un test sulle gomme con la vettura 2013.

      e poi una cosa è chiedere una vettura 2013 da usare loro, e un altra è mandare la macchina + i 2 piloti titolari + l’intera squadra corse.

      cmq questo sta a dimostrare anche la grande differenza che ci sarebbe se tornassero i test liberi, son bastati 1000 km x risolvere i problemi di gomme che avevano, e sicuramente non sarà un caso isolato ma anche nei prossimi gp la mercedes non avrà + il problema gomme.

      • Luke-ferrarista ma sempre oggettivo

        27 maggio 2013 at 00:45

        è assurdo come si possa dare un vantaggio simile ad una sola squadra, questi sono i risultati (lasciando stare il fatto che qui il consumo gomme effettivamente è stato minore che in altre piste): la fia (con la minuscola in questo caso) deve rendersi conto di quanto sia inutile e ridicolo questo divieto dei test, mentre alla mercedes andrebbero annullati i punti fatti segnare oggi per il mondiale costruttori

      • Ric

        27 maggio 2013 at 06:53

        Prima di prendere decisioni avventate, come può essere quella di sanzioni alla Mercedes, aspettiamo di capire bene che cosa è successo.
        Se la Pirelli, che comunque è quella che fornisce gli pneumatici e per cui si sarebbero dovuti fare dei test, ha asserito di aver chiesto anche ad altri avrà sicuramente della documentazione comprovante l’affermazione.
        Inoltre dal blog di Turrini si capisce perfettamente che in passato anche la Ferrari ha goduto di trattamenti “particolari”.
        In quei casi i tifosi del cavallino erano tutti contenti; ora saranno contenti altri.

      • -Leon-

        27 maggio 2013 at 09:53

        @ Ric

        è vero che l’anno scorso anche la ferrari ha fatto un test simile, però è altrettando vero che lo ha svolto, mandando un pilota colladuatore e non i titolari, che non ha mandato nessun ingegnere a fare il test, e cosa fondamentale lo ha svolto con la vettura 2010 e non con la vettura che stava facendo il mondiale.

        io non discuto sul fatto che hanno fatto questo test, ma su come lo hanno fatto.

        1) una flotta di ingegneri mercedes
        2) con rosberg e hamilton
        3) con la vettura 2013
        4) la ferrari doveva testare mescole sprimentali da usare forse l’anno dopo, qui invece hanno testato le gomme che useranno in questo campionato a partire dalla prossima gara.

      • Ric

        27 maggio 2013 at 14:04

        @ -Leon-
        Posso essere in parte d’accordo con te ma riporto quanto scritto da Turrini: 8) Tornando all’ambaradan Mercedes-Pirelli, non c’è niente da fare. Ross Brawn è un Genio. Del male. E’ un Arsenio Lupin applicato alla tecnologia. Usava gli stessi sistemi quando vinceva per la Benetton e per la Ferrari, dunque non mi meraviglio. E avendo memoria, non mi lamento.
        Questo per dire che, indipendentemente dal fatto specifico, la Ferrari in precedenza ha anche lei fatto i suoi “magheggi” alla faccia di tutto e di tutti e, magari, con la compiacenza/connivenza della FIA.
        Non sarebbe più elegante evitare uno stupore sbalordito ogni volta che succede qualcosa?
        Che poi, vai a sapere come sono andate veramente le cose.

      • maddalena

        27 maggio 2013 at 18:43

        Ma Leon, ma secondo te la Mercedes con 1000 km di test può avere risolto un problema che dura da tre anni? Secondo te hanno avuto una fulminazione durante questi 1000 km e neanche un suggerimento durante i GP che hanno già corso?

        Ma lo sai che i pezzi di ogni GP vengono progettati con mesi di anticipo?

        Tutti già da tempo dicevano che Bracellona per la Mercedes sarebbe stato un disastro per il tipo di asfalto e che Montecarlo sarebbe stata un’altra Malesia per loro.

        Ha poi fatto anche un pò freddino … e il gioco si è compiuto.

        E’ che ormai siamo tutti alla ricerca dello scandalo, ma non bisogna partire per la tangente … dai ….

  3. mauroo

    26 maggio 2013 at 22:24

    questo è il commento pirelli“Nel contratto in essere con la FIA e le squadre c’è scritto chiaramente che la Pirelli ha diritto di sviluppare le gomme se ce n’è il bisogno, per cui per quanto ci riguarda non abbiamo fatto niente di illegale. Nei nostri piani di sviluppo c’era l’esigenza di effettuare una sessione di collaudo con delle gomme sperimentali e l’abbiamo svolto con la collaborazione della Mercedes”.
    Negli accordi non ci sono vincoli sull’uso di quali gomme sperimentali si possono usare. Il problema riguarda le altre due parti del triangolo: le squadre e la FIA. E qui si torna al succo della questione: se avessimo avuto la disponibilità anche solo di una Marussia per il lavoro di sviluppo non sarebbe successo niente di tutto ciò. Le squadre, invece, non sono mai state collaborative da questo punto di vista, temendo che la loro tecnologia potesse diventare pubblica”
    chiedo una cosa , come mai pirelli non ha mai fatto una cosa del genere 8(test) negli anni precedenti ???
    complimenti al fornitore italiano …..anche se in italia non si fà più niente

  4. Raphael

    27 maggio 2013 at 00:13

    F1? No grazie, preferisco lo Sport.

    • carlopower

      27 maggio 2013 at 01:18

      La fia con questo test privato approvato,ha sicuramente favorito la merdcedes.

      • Gigetto

        27 maggio 2013 at 12:42

        carlopover

  5. carlopower

    27 maggio 2013 at 01:17

    Prima favori alla redbull e adesso anche alla mercedes,quando finirà tutto questo schifo di formula 1.

  6. Agisette

    27 maggio 2013 at 08:30

    Fia = Federazione Internazionale Antisportiva!!!

  7. faber

    27 maggio 2013 at 09:41

    certo che leggere della red bull che si lamenta di presunti favoritismi ad un altra squadra rasenta il ridicolo

  8. f1erally

    27 maggio 2013 at 10:06

    C’ è da morire c’ è….

    Non riesco a credere alle mie orecchie, ecco il perchè del risveglio Mercedes!!

    Ora anche a tutti gli altri tocca fare 1000 KM e loro fermi…

    Ma ci rendiamo conto??

    Questi in questo “test illegale” non si sono provati solo le gomme, ma hanno anche sviluppato la loro macchina sia meccanicamente che aerodinamicamente!! Giustamente non coglievano l’ occasione??

    Ora una cosa soltanto ci sarebbe da fare: uguale test per gli altri e non modificare più le gomme per come vogliono fare, mi pare equo no??

    • faber

      27 maggio 2013 at 10:33

      abbiamo fatto lo sforzo di aiutarli.
      hahahahahahahahahaha

  9. Gianca

    27 maggio 2013 at 12:03

    Incredibile, anzi no, in questi ultimi anni la fia ci ha abituato a tutto!

  10. Marco Livio

    27 maggio 2013 at 12:09

    Penso che l’unica sanzione seria a questo punto sia la squalifica della squadra Mercedes per quest’anno o come minimo l’azzeramento dei punti fino a questo momento, che però non sarebbe proprio giusto visto che con quel test la Mercedes ha ormai acquisito dei dati importanti che gli altri non hanno…
    Per la Pirelli non sono in grado di capire che vantaggi abbia potuto avere nello svolgere questo test in modo irregolare.

    • Ric

      27 maggio 2013 at 14:16

      Visto che i test erano della Pirelli sarebbe il caso forse di estrometterli dalla fornitura e scegliere qualcun altro.
      Riporto una dichiarazione Pirelli a questo proposito da un post di mauroo “Nel contratto in essere con la FIA e le squadre c’è scritto chiaramente che la Pirelli ha diritto di sviluppare le gomme se ce n’è il bisogno, per cui per quanto ci riguarda non abbiamo fatto niente di illegale. Nei nostri piani di sviluppo c’era l’esigenza di effettuare una sessione di collaudo con delle gomme sperimentali e l’abbiamo svolto con la collaborazione della Mercedes”.
      Negli accordi non ci sono vincoli sull’uso di quali gomme sperimentali si possono usare. Il problema riguarda le altre due parti del triangolo: le squadre e la FIA. E qui si torna al succo della questione: se avessimo avuto la disponibilità anche solo di una Marussia per il lavoro di sviluppo non sarebbe successo niente di tutto ciò. Le squadre, invece, non sono mai state collaborative da questo punto di vista, temendo che la loro tecnologia potesse diventare pubblica”
      La Mercedes che c’entra?

  11. Ele (mclaren)

    27 maggio 2013 at 12:15

    ..ma gli altri team cosa dicono?..non ci sono dichiarazioni a proposito…?

  12. bosco

    27 maggio 2013 at 12:39

    E voilà sono arrivati gli Italiani, evviva evviva E ADDIO CHIAREZZA.

  13. MC-Nicky69

    27 maggio 2013 at 13:15

    Mi sembra strano che se ci fosse stata realmente questa possibilità tutti i team a parte la Mercedes abbiano rifiutato la possibilità di svolgere questa sessione di test!
    1000 km non sono sicuramente pochi, sarebbero stati importanti oltre che per capire queste gomme che molti team faticano ancora a capire e anche per provare novità tecniche per le prossime gare!
    La Mercedes da questi test ha sicuramente tratto un vantaggio non necessariamente per il gran premio di ieri di Monaco che probabilmente sarebbe finito nello stesso modo anche senza questa scorrettezza, vedremo a Montreal se le freccia d’argento riusciranno a ripetere queste prestazioni!

  14. pgm

    27 maggio 2013 at 13:23

    Ma qualcuno riesce a rendersi conto che la Mercedes era già competitiva, ma con piste e asfalti diversi, in gara, andava, e andrà, in crisi per un problema congenito della vettura (lo stesso da 4 anni…). A Monaco il degrado è stato molto ridotto, ergo la competitività Mercedes si è prolungata per l’intera gara. Test o non test. MA qui siamo in Italia, e quando non vince la Ferrari ai tifosi brucia il deretano… Immagino siate furiosi con Perez e Sutil, vero?

    • Maxfunkel

      27 maggio 2013 at 13:38

      pgm leggi il commento sotto… e non fare il solito commento imbecille sugli italiani…

  15. Maxfunkel

    27 maggio 2013 at 13:37

    Allora adesso la FIA si prenda le sue responsabilità e ritorni a fare l’ente giudicante e decida finalmente cosa fare:
    -lasciar correre come ha sempre fatto con Red Bull e falsare ancora una volta l’esito della stagione ( non ci meravigliamo se da ieri in poi Mercedes inizierà a non distruggere le gomme…) dopo il “furbo sacrificio” di Mercedes, visto che con 1.000km fatti con la vettura 2013 con ingegneri pronti a raccogliere dati preziosi e modificare così la vettura con dati reali ( non gli sarà parso vero tanta manna dal cielo…), tanto le proteste servono a poco, soprattutto se fatte da chi è stato fin’ora graziato, vero LATTINARI?
    – andar giù duro e INTERVENIRE pesantemente contro la PALESE VIOLAZIONE del regolamento, che ha portato un enorme beneficio in pista e lo si è visto…, QUESTA VIOLAZIONE E’ GRAVISSIMA ED HA GENERATO UNA SITUAZIONE DI SOSPETTO CHE NON PUO’ ESSERE COLMATA SOLO CON UN TURNO DI SQUALIFICA O UN’AMMENDA PECUNIARIA.
    qualcuno suggerisce l’azzeramento dei punti conquistati fin’ora, ma il problema è sui punti che d’ora in poi conquisteranno grazie a questi test “privilegiati”, quindi sarebbe più giusto toglierli d’ora in poi, o addirittura intervenire con una squalifica del team per la stagione in corso.

    mi spiace molto dire questo, mi stanno simpatici sia Hamilton che Rosberg, ma quella fatta dalla Mercedes è una GRAVISSIMA violazione del regolamento sportivo, con la complicità della Pirelli, rea di non essersi fatta scrupoli nel far girare un team con una vettura in uso attuale con tanto di piloti titolari e tutto l’entourage di ingegneri presente, per raccogliere dati da entrambe le parti sullo sviluppo di gomme per la stagione in corso…e sfido chiunque a dire che i vantaggi non ci sono stati anche per Mercedes…

  16. Maxfunkel

    27 maggio 2013 at 13:39

    …l’avesse fatto la Ferrari o la McLaren sto test APRITI CIELO tutti a stracciarsi le vesti e a chidere SQUALIFICHE IMMEDIATE vero? mi immagino la Mercedes stessa o la Red Bull che casino avrebbero piantato in piedi…

    • Ric

      27 maggio 2013 at 14:24

      Riporto la dichiarazione Pirelli tratta dal post di @ mauroo “Nel contratto in essere con la FIA e le squadre c’è scritto chiaramente che la Pirelli ha diritto di sviluppare le gomme se ce n’è il bisogno, per cui per quanto ci riguarda non abbiamo fatto niente di illegale. Nei nostri piani di sviluppo c’era l’esigenza di effettuare una sessione di collaudo con delle gomme sperimentali e l’abbiamo svolto con la collaborazione della Mercedes”.
      Negli accordi non ci sono vincoli sull’uso di quali gomme sperimentali si possono usare. Il problema riguarda le altre due parti del triangolo: le squadre e la FIA. E qui si torna al succo della questione: se avessimo avuto la disponibilità anche solo di una Marussia per il lavoro di sviluppo non sarebbe successo niente di tutto ciò. Le squadre, invece, non sono mai state collaborative da questo punto di vista, temendo che la loro tecnologia potesse diventare pubblica”
      Se è così, e non c’è motivo di dubitare, io toglierei tutti i punti alla Ferrari per aver indotto a credere che un altro team ha commesso una scorrettezza, imprigionerei i suoi piloti e raderei al suolo la factory.
      Facciamo a chi vince il premio “forcaiolo dell’anno”?

      • faber

        27 maggio 2013 at 15:13

        heeeee?????????

    • maddalena

      27 maggio 2013 at 18:51

      La Ferrari li ha fatti i test, li ha fatti eccome.

      E ha fatto anche peggio.

      • Francesco

        28 maggio 2013 at 00:31

        se non vado errato la questione è se hanno fatto i test con la vettura 2013, come sembra, quando sono ammesse solo vetture di almeno due anni precedenti, COME HA SEMPRE FATTO LA FERRARI!!!

        se hai qualche notizia differente potresti postare il link???

      • faber

        28 maggio 2013 at 15:31

        @maddalena
        ecco, se prima di parlare bisogna sapere le cose, illuminaci. cosa avrebbe fatto la ferrari? che test avrebbe fatto? sai che li ha fatti con la vettura vecchia?
        e scusa la domanda, per chi tifi tu?

  17. Controaltare

    27 maggio 2013 at 14:06

    Mi sembra che ci sia un buco regolamentare in materia, nel quale la Mercedes si è inserita abilmente, o comunque la questione non è stata sufficientemente chiarita a livello regolamentare.
    Ma al di là di sanzioni o squalifiche per la Mercedes, il problema è facilmente risolvibile se si consente anche agli altri team di effettuare gli stessi test svolti dalla Mercedes, così queste gomme potrebbero creare meno problemi a tutti, anche dal punto di vista della sicurezza.

    • Maxfunkel

      27 maggio 2013 at 14:17

      Le soluzioni percorribili sono due:
      -Sessione di 1.000km per tutti gli altri team così da colmare il “gap”.
      -Azzeramento per tutta la stagione dei punti di Mercedes o squalifica in toto del team per la stagione corrente per “abuso di posizione dominante” a seguito di scorretta posizione di vantaggio.

      più percorribile la prima, più giusta ma impossibile la seconda.

  18. Maxfunkel

    27 maggio 2013 at 14:21

    La FIA di qualche anno fa avrebbe PESANTEMENTE sanzionato sia la Mercedes che la Pirelli…

    ma mi domando, possibile che nessun delegato FIA fosse presente per convalidare il test, o la segretezza tanto sbandierata fosse anche verso la Federazione stessa?…se SI allora la FIA è altrettanto colpevole e CONNIVENTE, se NO allora Mercedes e Pirelli non sanno o non vogliono leggere i comunicati con i dettami FIA e per questo vanno PUNITI.

  19. drivelisa

    27 maggio 2013 at 14:55

    doverosa la protesta ferrari.. ma finirà tutto a taralluci e vino.. la mercedes dirà che ha provato le nuove coperture per la Safety Car e che siamo tutti su scherzi a parte..

  20. calb

    27 maggio 2013 at 18:58

    Io faccio una domanda molto semplice alla Fia, dopo aver letto il comunicato, che riporto:

    Nel contratto che Pirelli ha con la FIA come fornitore unico, c’è un’opzione per loro per coprire fino a 1000 Km di test con qualsiasi team, dopo aver fornito ad ogni team l’opportunità di partecipare” ha dichiarato la FIA nel comunicato. “Pirelli e Mercedes-AMG sono state avvisate che questo test di sviluppo sarebbe stato possibile se svolto dalla Pirelli, e non dal team che avrebbe fornito la vettura e il pilota, e questi test sarebbero stati subordinati alla possibilità per tutti i team di provare per assicurare la piena equità sportiva”.
    La FIA ha aggiunto che in seguito alle comunicazioni iniziali con il team e il fornitore non ha ricevuto altre informazioni sul test e nemmeno una conferma che a tutti i team sia stata data la stessa opportunità di prendervi parte.

    Domanda:
    -Quindi?-

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati