GP Germania: Nostalgia Hockenheim

GP Germania: Nostalgia Hockenheim

Domenica prossima, sul circuito di Hockenheim, si corre il GP di Germania, undicesima prova del Mondiale 2010. Per chi si è avvicinato al mondo della Formula 1 in questi ultimi anni, la pista tedesca rappresenta probabilmente un circuito “comune”, uno dei tanti che caratterizzano la Stagione.

Gli appassionati con qualche anno in più sulle spalle, però, ricordano sicuramente e con un pizzico di nostalgia, la “vecchia” (o forse la vera?) Hockenheim, quella che fino al 2001 ha regalato medie sul giro prossime ai 250 km orari e duelli mozzafiato sul filo dei 340 all’ora.

I piloti si tuffavano ogni giro in rettilinei lunghissimi immersi nella foresta, in una sorta di “ritorno al passato” che rendeva questo Gran Premio assolutamente unico al mondo.

Insieme a quelli di Spa e Monza, questo tracciato completava il trio delle piste più affascinanti, pericolose e veloci dell’intero Mondiale. Tracciati che premiavano i piloti più coraggiosi, tracciati che forse oggi mancano a questa Formula 1.

Oltre che per i suoi rettilinei, Hockenheim è ricordata anche per episodi particolari occorsi durante i Gran Premi disputati sul suo tracciato.

Nel 1994, la Benetton di Jos Verstappen prese fuoco durante il rifornimento di benzina (reintrodotto proprio in quella stagione)

Nel 2000, anno in cui Rubens Barrichello ottenne la sua prima vittoria in F1, un manifestante superò le protezioni e si lanciò in una folle corsa al centro della pista a gara in pieno svolgimento.

Nel 2001, ultimo anno in cui si corse sul vecchio tracciato, al primo via la Prost di Burti decollò sulla Ferrari di Michel Schumacher per fortuna senza conseguenze per i piloti.

La configurazione aerodinamica delle monoposto per il vecchio tracciato era simile a quella di Monza. Ali completamente scariche e acceleratore premuto per 3/4 di giro.

Dal 2002 in poi, il circuito è stato stravolto.

I lunghi rettilinei (in grigio) che caratterizzavano la pista sono scomparsi per lasciare il posto ad una configurazione più lenta e forse più “televisiva”, con nuove tribune e più punti di ripresa delle monoposto.

Il fascino di Hockenheim è così svanito tutto d’un tratto, ma rimane senza dubbio nel cuore di chi ha vissuto gare storiche.

In questi anni, alcuni appassionati nostalgici come noi, hanno fotografato quello che è rimasto del vecchio tracciato, ormai abbandonato a sè stesso.



Curva OST





Curva Brems



Curva Jim Clark



Sono immagini malinconiche che lasciano un po’ di amaro in bocca, e con un tuffo ad occhi chiusi si può immaginare come, solo 10 anni fa, dove ora scorrono queste distese d’erba il rombo dei motori vibrava nell’aria.

Con le modifiche apportate a partire dal 2002, la pista ha visto ridurre la sua lunghezza da 6825 metri a 4574, con un tempo sul giro che è passato da un minuto e 40 secondi circa a 1 minuto e 13 secondi (record attuale)

Per rendere meglio l’idea di quanto le modifiche siano state drastiche, ecco qualche video.

Jean Alesì a bordo della sua Prost nel 2001

Michael Schumacher a bordo della sua Ferrari nel 2004

Per i più nostalgici, un duello a velocità altissime tra Barrichello e Coulthard nel 2001

http://www.youtube.com/watch?v=rBOo5Ine7zw

Come ogni anno, il GP di Germania allungherà la sua lista di presenze nel Mondiale di F1. Certo è, però, che leggendo “Hockenheim” gli appassionati di F1 non potranno fare altro che ricordarsi una pista. Quella che non c’è più, ma che è forse più viva di quella in cui le monoposto sfileranno domenica prossima.

Alessandro Secchi

GP Germania: Nostalgia Hockenheim
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

30 commenti
  1. Aanto

    17 luglio 2010 at 23:20

    Chi ricorda Alesi sulla Ferrari con il suo urlo rabbioso del 12 cilindri a Hockenheim, Spa e Monza ?

    Aspettavo con grande ansia quei gran premi, valevano un campionato. Con le inquadrature delle camera car a quelle velocità, anche stando seduti a casa l’adrenalina scorreva a tutta forza. I duelli tra Senna, Mansell, Prost, Alesi, Schumacher, Hakkinen sono ormai mitologia.
    Ora solo gare soporifere su circuiti anonimi e senza storia.
    Sono stati mutilati tanti circuiti e altri sono stati eliminati dal calendario con la scusa della sicurezza.
    Ma i circuiti di Valencia, di Monaco, di Budapest sono più sicuri dei vecchi Hockenheim, Imola ecc..?
    Nei circuiti del deserto sono presenti spettatori come in quelli europei?

    Facciamoci sentire almeno con FB

  2. Motore Asincrono Trifase

    17 luglio 2010 at 23:24

    evidentemente la f1 non sta morendo abbastanza in fretta,ed hanno assunto tilke per darle il colpo di grazia.Alla fine la f1 non sono solo sorpassi,per quelli c’e’ la gp2 e gli ovali.La f1 per me e’ soprattutto innovazione e guida al limite

  3. Chosa

    19 luglio 2010 at 19:34

    …che scempio…meno male non hanno piantato deglia alberi dove hanno disasfaltato, magari un girono un magnate appassionato di corse potrebbe ricomprare e restaurare…

    cmq cavolo se era + ostica per la guida…dovevi farti tutto il motodromo scarico…

  4. frank64

    19 luglio 2010 at 23:42

    Sono un tifoso nostalgico e di quel maledetto e bellissimo circuito ricordo la morte dei Depallier durante i test Alfa Romeo, e l’incidente a Pironi; ma anche tante bellissime emozioni e per chi segue da sempre la Williams come faccio io come non ricordarsi il primo GP vinto da Alan Jones nel 1979 ( secona vittoria Williams ) e il sorpasso che sempre A.Jones fece ai danni delle due Renault ( Arnoux doppiato e Jabouille in testa al GP ) nel mothodrome. Altri Tempi , altri GP altre emozioni!!!!!!

  5. ANGELO

    24 luglio 2010 at 13:21

    ….straordinario vecchio circuito velocissimo…..ora solo piste play mobil….peccato

  6. ANGELO

    24 luglio 2010 at 13:24

    …rivogliamo il vecchio circuito!!!!!!

  7. Andrea

    19 novembre 2010 at 14:49

    Proprio come Abu Dhabi… 🙁
    Come si fa a farlo rivivere?
    Todt aiutaci tu!!!

  8. pastaker

    19 novembre 2010 at 15:39

    sundance76 .

    Negli anni ’80 l’estate era sinonimo di piste iperveloci: Castellet, Silverstone vecchia, Hockenheim vecchia, Zeltweg vecchia, Monza vecchia…. Ben 5 Gran Premi con medie orarie altissime..

    Sigh! Non farmici ripensare! Quasi dimenticavo Le Castellet e la vecchia Silverstone…:-(

  9. francesco

    25 aprile 2011 at 02:39

    Che dire?…Questa è nostalgia allo stato puro. Vedere la vecchia pista mangiata dalle erbacce mi ha fatto male al cuore. ma che volete,questa è la F1 di oggi.Piste piatte,motori e aerodinamica uguale per tutti. Ci manca solo il logo della falce e martello sui cofani motore poi siamo a posto. Se penso che ci vogliono togliere anche il suono dei motori.Ci toccherà rimpiangere questi spompiu V8 2.4 di oggi,visto che ormai pare fatta per 1.6 turbo dal 2013. Mi ricordo quando scendevo dal treno ad Imola e già dalla stazione si distinguevano i V8,i V10 e V12 che giravano a km di distanza. Colpa di Mosley(al quale qualche frustata dev’essere arrivata in testa) e di Todt,cui pare interessare solo l’ambiente.Che schifo. Ditemi che è un sogno. Rivoglio i V10 3000cc e le vecchie piste.

  10. francesco

    25 aprile 2011 at 02:53

    In più,se volete rivedervi un bel duello a Hockenheim rivedetevi quello Berger-Blundell del ’93 oppure quello Senna-Patrese del ’92…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati