GP Brasile: Rosberg non molla e vince a Interlagos

Il tedesco concentrato dall'inizio alla fine tiene dietro Hamilton. Terzo Massa

GP Brasile: Rosberg non molla e vince a Interlagos

Nella gara decisiva non ha commesso errori Nico Rosberg, andando a vincere il GP Brasile 2014 davanti al compagno di squadra e nemico pubblico numero uno Lewis Hamilton.
Il distacco tra i due ora è di soli 17 punti, e con l’assegnazione del doppio punteggio ad Abu Dhabi, siamo pronti ad aspettarci una battaglia epica per l’assegnazione del titolo.
Completa il podio il brasiliano Felipe Massa, per la gioia dei suoi tifosi, che è riuscito a intascarsi la terza piazza nonostante qualche gaffe, come fermarsi al box sbagliato durante il pit stop.
Ritiro per Ricciardo e Grosjean. La tanto attesa pioggia alla fine non è mai arrivata e chi pensava di poterla sfruttare a proprio vantaggio si è dovuto accontentare di solo qualche punto.

Cronaca – Si spengono le luci a Interlagos e Rosberg non sbaglia la partenza dalla pole, tenendosi dietro Hamilton, Massa e Bottas. Vettel esce alla Curva 4 e perde due posizioni su Magnussen e Alonso, ora è ottavo. Gutierrez sale decimo. Oltre le prime dieci posizioni ci sono Hulkenberg seguito da Raikkonen, Kvyat, Grosjean, Perez, Vergne, Maldonado e Sutil.
Rosberg è al comando ma Hamilton comincia subito a farsi “sentire” mettendo a segno diversi giri veloci, mentre dietro lo rincorrono Massa, Bottas, Button, Magnussen, Alonso, Vettel, Ricciardo, Gutierrez, Raikkonen e Hulkenberg.
Al quarto giro Maldonado è il primo a entrare ai box seguito poco dopo da Massa e Perez. Al Giro 7 Bottas, Button e Vettel rientrano a loro volta. Medium per tuttti. Bottas torna in pista davanti a Button, quindicesimo. L’inglese è preceduto da Vettel. Il giro successivo tocca a Rosberg rientrare ai box, e così fanno anche Alonso, Magnussen e Ricciardo, mentre Massa si becca 5sec di stop&go per non aver rispettato la velocità in pit lane. Anche Hamilton va ai box e torna in pista sesto, dietro a Rosberg.

Dopo i primi dieci giri Hulkenberg è al comando. Il pilota della Force India era partito con le Medium. Rosberg comincia a risalire con Hamilton alle calcagna. I due passano in seconda e terza piazza scansando Kvyat. Al giro 14 il tedesco si porta nuovamente al comando della gara. Al Giro 16 anche Hamilton passa Hulkenberg e riconquista la seconda piazza, lamentandosi però prima per alcune vibrazioni alle gomme anteriori. Intanto risale la top ten il gruppetto formato da Alonso, Vettel e Ricciardo, con lo spagnolo che è risalito fino all’ottava posizione.
Dopo i primi 20 giri Rosberg è il leader davanti a Hamilton, Massa, Bottas, Button, Grosjean, Magnussen, Alonso, Vettel e Ricciardo. Magnussen passa Grosjean mentre dietro si avvicinano Alonso e Vettel. Grosjean e Vettel rientrano ai box, mentre le Mercedes sono già volate via dal resto del gruppo.

Al Giro 26 Massa entra ai box per scontare la sua penalità e rientra tredicesimo. Poco dopo si ferma anche Rosberg, seguito poi da Bottas, Magnussen, Button, Ricciardo e Vergne. La sosta sulla Williams del finlandese è più lunga del previsto. Rosberg rientra al comando, quando anche Hamilton si ferma – dopo un testacoda alla Curva 4 – seguito a sua volta da Alonso. Perez sotto investigazione anche lui per la velocità in pit lane si prende 5sec di stop&go. Dopo la seconda sosta ai box, Rosberg è sempre il leader davanti a Hamilton, Raikkonen, Hulkenberg (i due devono ancora fermarsi), Massa, Kvyat, Button, Vettel, Magnussen e Alonso. Tutti montano le Medium ora. Button passa Kvyat e sale sesto. Al Giro 36 Kimi si ferma ma l’auto cade dal cavalletto e perde tempo. Rientra tredicesimo. Hulkenberg rientra ai box e lascia il terzo posto a Massa, mentre Vettel scansa Kvyat e sale quinto.

AL Giro 39 la Red Bull di Ricciardo rallenta e scivola sul fondo della classifica, prima di rientrare ai box e ritirarsi per una sospetta rottura della sospensione anteriore. Intanto Hamilton ha ridotto il gap da Rosberg e si trova a 3s dal tedesco. Dietro di lui Massa, Button, Vettel, Magnussen, Alonso, Hulkenberg, Raikkonen e Bottas. Il finlandese si ferma ai box e lascia spazio a Gutierrez.

Al Giro 43 Alonso si prende la sesta piazza su Magnussen e al Giro 48 Kvyat si prende l’undicesima piazza su Perez mente Hamilton è salito a 1s8 da Rosberg. Vettel, Perez e Gutierrez rientrano ai box. AL Giro 50 arriva il terzo pit stop anche per il leader Rosberg che monta le Medium. Lo stesso per Massa, Button e Hamilton al giro successivo. Il britannico rientra dietro a Rosberg, mentre Alonso va ai box. La battaglia tra le due Mercedes ora ha ufficialmente inizio. Massa riesce a passare Hulkenberg e torna così terzo, mentre dietro Kimi e Button sono in lotta per il sesto posto. I due della Mercedes, vicinissimi, devono ora fare i conti con il traffico dei piloti davanti a loro. I doppiati si fanno gentilmente da parte. Il distacco tra Rosberg e Hamilton è di soli 7 decimi ora. Dietro al terzetto di testa Button si porta in quarta piazza superando Kimi e ne approfitta anche Vettel che sale quinto.

A dieci giri dalla fine le due Mercedes di Rosberg e Hamilton sono davanti a Massa, Button, Vettel, Raikkonen, Alonso, Magnussen, Hulkenberg e Bottas.
Al Giro 66 il secondo ritiro della giornata è per la Lotus di Grosjean, che parcheggia a bordo pista. Intanto le due Ferrari sono in lotta tra loro per la sesta piazza. A quattro giri dalla fine lo spagnolo riesce ad avere la meglio sul finlandese compagno di squadra.

La bandiera a scacchi è vicina e Rosberg stringe i denti per difendersi da Hamilton, mentre dietro lo stesso fa Kimi con Hulkenberg; il finlandese ha ormai le gomme finite.
Ultimo giro, Rosberg non molla e va a vincere il GP Brasile davanti ad Hamilton e al “padrone di casa” Felipe Massa.
Seguono Button, Vettel, Alonso, Raikkonen, Hulkenberg, Magnussen e Bottas.

F1 GP Brasile 2014 – Tempi e Risultati Gara

Pos. Naz. Pilota Team Distacco
1. GER N.Rosberg Mercedes Mercedes 1:30:02.555
2. GBR L.Hamilton Mercedes Mercedes +1.457
3. BRA F.Massa Williams Mercedes +41.031
4. GBR J.Button McLaren Mercedes +48.658
5. GER S.Vettel Red Bull Renault +51.420
6. SPA F.Alonso Ferrari Ferrari +51.906
7. FIN K.Raikkonen Ferrari Ferrari +63.730
8. GER N.Hulkenberg Force India Mercedes +63.934
9. DEN K.Magnussen McLaren Mercedes +70.085
10. FIN V.Bottas Williams Mercedes +1 giro
11. RUS D.Kvyat Toro Rosso Renault +1 giro
12. VEN P.Maldonado Lotus Renault +1 giro
13. FRA J.Vergne Toro Rosso Renault +1 giro
14. MEX E.Gutierrez Sauber Ferrari +1 giro
15. MEX S.Perez Force India Mercedes +1 giro
16. GER A.Sutil Sauber Ferrari +1 giro
17. FRA R.Grosjean Lotus Renault +8 Giri
-. AUS D.Ricciardo Red Bull Renault Ritirato

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati