Formula 1 | Pirelli, Isola: “Il programma iniziale non prevede l’utilizzo della mescola super dura”

"Utilizzo? Solo in caso di aumento repentino del livelli di grip" ha aggiunto

Formula 1 | Pirelli, Isola: “Il programma iniziale non prevede l’utilizzo della mescola super dura”

Mario Isola è tornato a parlare della gammma pneumatici che Pirelli porterà in pista nella prossima stagione, sottolineando come la gomma “super hard” sia esclusivamente un compaund da “beckup”. La Casa milanese, infatti, promuoverà la mescola super dura solo in caso di aumento repentino dei livelli di grip durante l’arco della prossima stagione.

Ecco le parole di Mario Isola: “Quest’anno non prevediamo di utilizzare le gomme super hard. Vediamo questo pneumatico come una ruota di scorta. E’ difficile prevedere con certezza il livello di grip che sarà generato dalle nuove Formula 1 di quest’anno. Questa durezza è stata sviluppata nel caso servisse. Non sappiamo se verranno portate in pista, ma il programma iniziale non prevede il loro utilizzo”.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Caribe

    22 Gennaio 2018 at 13:24

    Quindi quasi sicuramente non la vedremo.

    Comunque avete scritto «un compaund da “beckup”»…

  2. Pingback: Formula 1 | Pirelli, Isola: “Il programma iniziale non prevede l'utilizzo ... - Arcobaleno Sport

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Renault, Ricciardo e Hulkenberg in top 10

Il Team Renault ha chiuso il GP di Silverstone con il settimo posto di Daniel Ricciardo e la decima piazza di Nico Hülkenberg
Il Team Renault ha chiuso il GP di Silverstone con il settimo posto di Daniel Ricciardo e la decima piazza
News F1

Formula 1 | Ricciardo: “Sono davvero contento di oggi”

"Avere entrambe le vetture in Q3 è stato il nostro obiettivo, l'abbiamo raggiunto, e il settimo posto è probabilmente il migliore che potessimo ottenere oggi"
Daniel Ricciardo si è qualificato in settima posizione a Silverstone, diventando difatti “il primo degli altri” dopo Mercedes, Ferrari e