Formula 1 | Ferrari, Binotto ammette: “Il nostro progetto si adatta male alle gomme di quest’anno”

"Se le gomme non si riscaldano, manca grip meccanico e aumenta il sottosterzo", ha aggiunto

Binotto ha inoltre parlato delle possibile modifiche aerodinamiche, sottolineando come l'argomento sia estremamente delicato
Formula 1 | Ferrari, Binotto ammette: “Il nostro progetto si adatta male alle gomme di quest’anno”

In un’intervista apparsa questa mattina sul Corriere dello Sport, Mattia Binotto ha parlato dei problemi accusati dalla SF90 in questa prima parte di stagione 2019, sottolineando come la gestione delle gomme sia uno dei punti più critici del progetto di quest’anno.

L’adozione delle mescola ribassate da 0.4 millimetri (utilizzate in quattro appuntamenti del 2018.ndr), infatti, ha creato un grosso problema alla Scuderia, la quale non è riuscita ad adattare il disegno della vettura di quest’anno alle caratteristiche della nuove mescole Pirelli. Un problema importante, lamentato più volte dai tecnici, che sta costringendo Charles Leclerc e Sebastian Vettel a una stagione di inseguimento nei confronti della Mercedes.

“Il nostro progetto si adatta male alle gomme di quest’anno, visto che sono cambiate parecchio”, ha dichiarato Mattia Binotto. “Nel 2018 bisognava evitare di surriscaldarle, adesso la difficoltà è mandarle in temperatura. A Monaco, con le mescole più morbide, si faceva un buon tempo anche dopo 10 giri. Mentre di solito le prestazioni duravano un giro”.

Sulle differenze tra le mescole 2018 e quelle 2019 ha aggiunto: “Queste gomme sono diverse anche nella costruzione, non solo nel battistrada, ma è vero che l’anno scorso non abbiamo colto tutte le esigenze legate agli pneumatici 2019. Negli ultimi test di dicembre ad Abu Dhabi erano quasi definitivi, ma a quel punto la SF90 era già stata deliberata. In ogni caso non voglio giudicare se abbiano favorito i nostri rivali”.

Capitolo modifiche aerodinamiche: “L’aerodinamica è sempre una coperta corta. Progetti un’auto che abbia carico a basse o ad alte velocità, poi compensi con la parte meccanica. Noi ci troviamo bene su piste con una sola tipologia di curve e assetto. Baku è un esempio: tutte le curve si affrontano più o meno alla stessa velocità. Il Montmelò invece è l’opposto”.

“Se le gomme non si riscaldano, manca grip meccanico e aumenta il sottosterzo”, ha concluso. “L’auto scivola, le gomme si usurano di più sul battistrada e si raffreddano, amplificando il problema. Un circolo vizioso. Ecco perché su alcune piste i distacchi possono essere ampi”.

Formula 1 | Ferrari, Binotto ammette: “Il nostro progetto si adatta male alle gomme di quest’anno”
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti
  1. Zac

    6 giugno 2019 at 17:17

    Quante altre volte sentiremo ripetere lo stesso pistolotto da Binotto?
    In sei mesi, da dicembre a giugno, non sono stati capaci di modificare un’ala, figuriamoci tutta la macchina.

  2. Victor61

    6 giugno 2019 at 17:40

    oh mamma mia adesso salirà il raglio del popolino rossoitaliota contro la Pirelli che lavora solo per quei cattivoni della Merc :-))

  3. Zac

    7 giugno 2019 at 09:57

    “Le gomme si usurano di più sul battistrada… e… con le mescole più morbide si fa un buon tempo anche dopo 10 giri, mentre di solito le prestazioni duravano un giro”.
    Un conto è dire che le gomme non si riscaldano, un altro è toccare con mano che le gomme non si surriscaldano. Per quanto riguarda l’usura maggiore… è un’affermazione destituita di ogni fondamento, visto che con un battistrada più sottile si percorrono più giri. Non si può criticare la Pirelli se le scarpe quest’anno sono migliori.
    In realtà la si potrebbe criticare per la ragione opposta: sono ancora troppi i detriti di gomma che si spargono fuori traiettoria, e questo riduce le possibilità di sorpasso.

  4. Dario

    7 giugno 2019 at 15:31

    In poche parole non ci avete capito una mazza…come da un po’ di anni a questa parte.. Una volta e’ la Red Bull una volta e’ la Mercedes ed arrivate sempre secondi..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Lando Norris votato come miglior rookie del 2019

Il britannico ha ricevuto il 76% delle preferenze, precedendo Albon e Russell nel sondaggio promosso da Formula1.com
Lando Norris è stato votato come miglior debuttante della stagione 2019 nel sondaggio indetto da Formula1.com. Alla guida della McLaren