Ferrari in corsia di sorpasso

Ferrari in corsia di sorpasso

Formula 1 – Archiviate le prime sette gare in calendario, il Mondiale 2013 sta iniziando ad assumere una fisionomia più definita. La mole di dati raccolta a partire dalla tappa inaugurale di Melbourne fino al recente Gran Premio del Canada, consente di poter dar corpo alle prime valutazioni sulla stagione suffragandole coi numeri. La Scuderia Ferrari è in piena corsa per i titoli Piloti e Costruttori, occupando la seconda posizione in entrambe le graduatorie, ma chi ama le statistiche si può facilmente appassionare anche ad altre classifiche.

Una di queste riguarda i sorpassi e, su questo fronte, il campionato 2013 sta andando avanti a ritmi da primato assoluto: mai prima d’ora se n’era registrato un numero (308) così elevato dopo sette Gran Premi. Effetto gomme? DRS? KERS? Qualunque sia la causa scatenante – più facile che sia la combinazione di tutti questi elementi – di questa vera e propria epidemia, certi numeri offrono interessanti spunti di discussione.

La Scuderia occupa il secondo posto nella graduatoria dei sorpassi effettuati (45), solo uno in meno della Lotus. La Ferrari svetta invece nella classifica riservata alle posizioni guadagnate in gara, ovvero la differenza tra i sorpassi effettuati e quelli subiti: il +34 messo insieme da Alonso e Massa supera di una lunghezza il risultato della coppia Raikkonen-Grosjean.

Questi dati sono indice di una condotta di gara aggressiva, che ha saputo compensare – anzi migliorare – delle qualifiche a volte non brillanti. Sia Felipe che Fernando sono sempre riusciti a recuperare posizioni, ad eccezione della gara di Monte Carlo e, nel caso dello spagnolo, di quella in Malesia, conclusasi purtroppo all’inizio del secondo giro. A giocare a favore di Massa e Alonso sono state anche le strategie di gara, la buona velocità di punta della F138 e la gestione degli pneumatici. Ovviamente un grande contributo è arrivato anche dagli stessi piloti. Massa è secondo nella classifica riservata ai piloti che hanno realizzato il maggior numero di sorpassi, avendone all’attivo ben venticinque, uno in meno di Kimi Raikkonen. Dietro il brasiliano, che nella gara di Montreal ha guadagnato ben otto posizioni, c’è Alonso a quota venti.

Dati significativi, ottenuti non solo grazie al dispositivo DRS: lo si evince analizzando nel dettaglio lo svolgimento del primo giro di gara, quando è vietato l’utilizzo dell’ala posteriore mobile. In questa classifica si registra un altro primato delle Rosse, con dodici posizioni guadagnate fra l’uscita della curva 1 e il primo passaggio sul traguardo, due in più di McLaren e Caterham. Molto redditizio il rendimento di Fernando (+7, solo Perez ha fatto meglio con una posizione in più guadagnata), che non ha mai completato la prima tornata in una posizione inferiore a quella da cui era partito, nemmeno quando, come a Sepang, ha fatto quasi mezzo giro con l’ala anteriore gravemente danneggiata.

Passando ai sorpassi subiti, sia Massa che Alonso sono nelle ultime posizioni della speciale graduatoria, con Fernando a quota cinque, uno in meno di Felipe. Solo Vettel, sorpassato appena quattro volte, ha fatto meglio dei ferraristi. Complessivamente la Ferrari è il team che ha subito meno sorpassi: solo undici, ex-aequo con la Red Bull. In Canada, Australia e Malesia, le due F138 hanno concluso il weekend senza perdere alcuna posizione, mentre Alonso è stato l’unico pilota a non subire alcun sorpasso nelle prime tre gare della stagione.

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

28 commenti
  1. albo94

    18 Giugno 2013 at 22:52

    Io credo che siano le gomme a creare i presupposti per i sorpassi , il drs li facilitano (o li rendono possibili[ricordo che in alcune piste qualche anno fa non si sorpassava ]) , il kers serve a poco.

    • Ronnie

      22 Giugno 2013 at 12:12

      Anche il Kers ha la sua funzione, nel senso che il pilota che segue fa di tutto per far usare il Kers a quello davanti, facendo “finte minacce di sorpasso”, il pilota che segue grazie al DRS in una o 2 zone recupera quel poco che perde, quando quello davanti a lui usa il Kers.

      Poco prima della fine del giro, chi è davanti ha poco Kers o lo ha già esaurito, mentre il pilota che segue ne conserva una parte e così, usando DRS e Kers e può sferrare l’attacco.

      E’ altrettanto vero che come dici tu gli pneumatici giocano un ruolo fondamentale, se non hai una buona trazione e un’ottima frenata, data dal grip, il sorpasso diventa difficile, e praticamente impossibile se le monoposto si equivalgono e chi ti precede ha pneumatici in condizioni di molto migliori.

      Il fatto che Alonso e Massa abbiano la media migliore di sorpassi non è un fatto sorprendente, inquanto, siccome in qualifica la monoposto non è competitiva, si trovano piloti notevolmente più lenti davanti a loro sul passo gara.
      La Ferrari è tra le migliori sul passo gara, se non la migliore, ed è in grado di conservare bene gli pneuamtici, quindi in gara è normale che se i piloti ci sanno fare, recuperano un sacco di posizioni.

  2. jack74

    19 Giugno 2013 at 00:05

    e ora venite a lamaentarvi che ci sono troppi sorpassi eh…..

  3. ing. Cosimo

    19 Giugno 2013 at 00:06

    statistiche prive di significato, ciò che importa è la classifica piloti con il mezzo a disposizione, tutto il resto lo lasciamo a mazzoni, l’uomo che ha fatto delle statistiche puro virtuosismo

    • Max Bassanet

      19 Giugno 2013 at 13:17

      è vero quello che conta è la classifica piloti ,ma esistono anche altre classifiche

  4. Pennywise

    19 Giugno 2013 at 07:12

    Non sono sorpassi.

    • Max Bassanet

      19 Giugno 2013 at 13:25

      e’ vero una auto passa un’altra non è sorpasso hahahahahahaha ma va tò di ratt ahahahahaha

  5. frency

    19 Giugno 2013 at 08:08

    sono belle statistiche! ma red bull e vettel sono sempre davanti!

    • Max Bassanet

      19 Giugno 2013 at 13:23

      certo sono davanti (onestamente ?) ma il campionato non è ancora finito

  6. Emanuele

    19 Giugno 2013 at 08:21

    L’unica cosa che ci confermano queste statistiche è che la ferrari in qualifica è costantemente sotto al suo potenziale e si piazza sempre male per questo recupera in gara, credo che chi parta primo e arrivi primo sia più contento di chi parte sesto e arrivi secondo.
    E poi tutti questi sorpassi io non ne ho visti, ci sono stati moltissimi scambi di posizione senza duelli dettati dalle strategie different, solo a montecarlo e canada ci sono stati duelli interessanti ma per il resto erano scambi di posizione non sorpassi

    • Max Bassanet

      19 Giugno 2013 at 13:22

      guarda se eviti di dire certe scemenze fai piu bella figura ma d’altronde ti conoscono già nel forum per le cagate che dici hahahahaha 😉

      • Emanuele

        19 Giugno 2013 at 17:30

        Illuminami di grazia, spiegami quali sono le scemenze?
        La ferrari non va forse male in qualifica per poi riscattarsi in gara e quindi avendo il potenziale da vittoria e partendo sempre almeno sesto è normale faccia molti sorpassi?
        Che ci sono mille milioni di sorpassi grazie a queste gomme?
        Scusa ma io quelli non li chiamo sorpassi ma scambi di posizioni, nel sorpasso ci deve essere la lotta non macchine lente che lasciano la strada a macchine con gomme nuove per poi ripetersi a parti invertite dopo qualche giro.
        Io di sorpassi belli quest’anno ne ricordo una decina, tra gli ultimi quello di alonso su hamilton, oppure sempre di alonso all’esterno in canada e pochi altri.
        Forse contesti il fatto che ho detto che queste statistiche sono totalmente inutili?
        Poi altra cosa tu mi conosci ma io non ho idea di chi tu sia, probabilmente neanche leggo il nome quando vedo i commenti soprattutto quelli idioti, probabilmente sarai tra questi visto come rispondi senza argomentare solo per cercare la lite, quindi se non sei d’accordo spiegami pure il perchè e discutiamo, se vuoi solo fare il troll e insultare fallo pure ma non intendo rispondere più

      • Max Bassanet

        19 Giugno 2013 at 20:46

        bello vedere un idiota che da dell’idiota agli altri hahahaahahha

      • Ronnie

        22 Giugno 2013 at 12:16

        Emanuele, sei sicuro che i bei sorpassi di cui parli non siano stati pesantemente influenzati dal rendimento degli penuamatici, dal DRS e dal Kers?

        In teoria oggi credo sia davvero difficile dire quale sia un sorpasso ad armi pari e quale uno artificiale, o meglio favorito dalla differenza di velocità data dall’accopiata vincente di DRS Kers e trazione.

    • ThePolo

      19 Giugno 2013 at 16:24

      Evidentemente quel numero di sorpassi comprende tutto: “scambi di posizione” dovuti alle gomme, doppiaggi ecc…

      • Emanuele

        19 Giugno 2013 at 17:33

        Si ovvio che comprenda tutto ma messo così l’articolo sembra che grazie a questi numeroni stiamo assistendo ad un campionato memorabile fatto di innumerevoli sorpassi, invece è una statistica vuota che non porta a nulla se non a capire che la farrari avrebbe dovuto e potuto fare di meglio in prova 🙂

  7. AndreaBS

    19 Giugno 2013 at 09:37

    Ma se uno parte in pole è quindi una schiappa?

  8. bosco

    19 Giugno 2013 at 10:05

    Inseguire inseguire Inseguire inseguire
    Inseguire inseguire Inseguire inseguire
    Inseguire inseguire Inseguire inseguire
    ecco cosa riesce a fare la Ferrari,
    in fondo i loro tifosi poveracci ci sono abituati se non hanno vinto per 20 anni, e ora sono solo
    5 anni che non vincono NADA, ci faranno l’abitudine!!!!!!

    • Maxfunkel

      19 Giugno 2013 at 10:35

      Fesserie Fesserie Fesserie
      Fesserie Fesserie Fesserie
      Fesserie Fesserie Fesserie
      Fesserie Fesserie Fesserie
      ecco cosa riesci a dire tu.
      in fondo tu poveraccio sei abituato a tifare contro e questo è l’unico modo per esorcizzare il fatto che non SARETE MAI come la Ferrari… i miti si costruiscono con l’onestà e voi non sapete nemmeno dove sia di casa….

    • sam

      19 Giugno 2013 at 11:03

      Poverino… Mi fai tenerezza, sai? Puoi contare decenni o forse secoli, potrai anche vincere per il resto dell’eternità, ma ricorda bene che Ferrari è IL mito. Le tue provocazioni faranno anche sorridere i/le bimbi(e)minchia di turno, ma i Veri appassionati di F1 (compresi i nobili avversari) sanno bene cosa vuol dire Ferrari, per quello che ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà. O davvero sei ancora illuso che basta essere i migliori dell’ultimo quinquennio per scrivere una storia pari alla Ferrari? Vai bello, vai… Vai a giocare a carte ed evita di intrometterti in argomenti dove, per l’insifficiente competenza, rischi di fare una bruttissima figura come questa…

    • Max Bassanet

      19 Giugno 2013 at 13:19

      certe persone hanno solo la
      ignoranza ignoranza ignoranza
      ignoranza ignoranza ignoranza
      ignoranza ignoranza ignoranza
      ignoranza ignoranza ignoranza
      ignoranza ignoranza ignoranza
      ignoranza ignoranza ignoranza
      e non sto parlando di maxfunkel hahahahahaha

  9. Max Bassanet

    19 Giugno 2013 at 13:27

    ci scommetto le palle che se il primo in classifica sorpassi c’era vittello i soliti mentecatti non direbbero le fesserie che stanno dicendo ora hahahahahhahahahahaha

    • Alessio_7

      20 Giugno 2013 at 02:29

      se primo di questa classifica fosse stato Vettel, di mentecatti a scrivere ce ne sarebbero molti di più…

      • Max Bassanet

        20 Giugno 2013 at 11:22

        non penso proprio

  10. Gigetto

    19 Giugno 2013 at 13:34

    A Montecarlo se ne son visti di belli.

    • Emanuele

      19 Giugno 2013 at 23:33

      A me è piaciuto perez a montecarlo, un leone, mi ha fatto divertire 🙂

  11. Controaltare

    20 Giugno 2013 at 13:36

    E’ lapalissiano che i sorpassi piacciano a tutti, ma ci sono sorpassi e sorpassi…
    I sorpassi di oggi sono assai facilitati dal DRS, a tal punto che sono diventati sorpassi annunciati: il pilota che insegue, una volta raggiunto chi gli sta davanti, apre l’ala mobile e lo sorpassa in maniera irrisoria in pieno rettilineo, viene da pensare: questo sorpasso l’avrei fatto anch’io..!!
    I sorpassi più emozionanti non avvengono in pieno rettilineo, ma in staccata, in fondo al rettilineo, quando nessuno se li aspetta!
    Quindi bisogna fare delle distinzioni fra sorpassi annunciati, facilissimi, e sorpassi inventati, difficili!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati