Ferrari: finalmente sospensione anteriore push-rod nel 2016

Dall'anno prossimo si cambia, ma adesso l'obiettivo è tornare ad essere la seconda forza

Ferrari: finalmente sospensione anteriore push-rod nel 2016

Il giorno dopo è stato quello più difficile, quello in cui – nonostante un podio insperato – la Ferrari è tornata a Maranello e si è dovuta confrontare con se stessa, guardandosi allo specchio, per capire le ragioni dell’evidente passo indietro prestazionale.

UN RETAGGIO CHE PESA Per quanto possa sembrare ingeneroso, va osservato come questa monoposto paghi ancora colpe progettuali del recente passato, un’eredità pesante lasciata da chi c’era prima, frutto di scelte che nel tempo si sono rivelate errate. La Ferrari, non è una novità, soffre terribilmente a mandare in temperatura le mescole, e la colpa sembra attribuibile allo schema pull-rod adottato per le sospensioni anteriori. James Allison, nei suoi interventi d’urgenza sul progetto 666, ha raddrizzato un po’ le cose, senza però avere il tempo materiale per rifare la sospensione.

L’ANNO PROSSIMO SI CAMBIA Ecco perché da Maranello filtra una notizia che è quasi certezza. Il progetto 667, già in cantiere, avrà la sospensione push-rod all’anteriore, dopo quattro anni di mezzo calvario con lo schema attuale. Ma lo sviluppo dell’attuale monoposto non si fermerà comunque: troppo importante il secondo posto in classifia Costruttori.

FERRARI A LAVORO La Rossa è già impegnata al simulatore per capire come fare a scaldare prima le gomme hard. A Budapest Pirelli eviterà di portare la mescola più dura, quella indigesta al Cavallino, ma poi ci saranno gare come Spa e Suzuka dove Vettel e soci rischiano di soffrire oltremodo. E non possono più permetterselo.

Antonino Rendina

Ferrari: finalmente sospensione anteriore push-rod nel 2016
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti
  1. lion

    7 luglio 2015 at 14:53

    il problema della Ferrari (e delle scuderie Renault) è la power unit non sufficientemente potente. Alla potenza va poi abbinata una efficiente erogazione della stessa. Il resto è secondario…

  2. cpJack

    7 luglio 2015 at 15:46

    sta storia di non riuscire a scaldare bene legomme va avanti da molto piu tempo , fors enon e’ solo colpa della pull road

  3. stefanoabbadia

    7 luglio 2015 at 15:50

    Certo che…lo stile…è colpa dei oredecessori non cambia mai eh? Allison era in ferrari da inizio 2013..è nata orima la vettura 2013..poi la 2014…e ora la 2015… colpa di Forghieri licenziato nel 1983…gia…secondo me lui ha aizzato il socio matteacci ad allontanare Marmorini…che poi scrisse su parecchia stampa le sue verita…e forse innesco il risultato verificatosi in seguito..via il pres…via tombaz…via fry..e matteacci pure…ally rimase ma solo perche le trattative con newey si bloccarono…altro che mago…mia opinione neh..magari mi sbaglio

  4. Umano

    7 luglio 2015 at 16:32

    Caspita ci sono voluti ben 4 anni per capire che la sospensione push-rod non dava benefici…
    Se i tempi di reazione all’interno di un top team, sono questi, allora non mi sento di criticare Lauda dopo la sua ultima esternazione riguardo la Ferrari…e tengo a precisare che sono un tifoso Ferrari, pero’ bisogna anche essere obiettivi e le critiche devono far riflettere…
    Mi pare che la McLaren dopo aver provato la stessa soluzione della Ferrari, ha reagito in tempi molto piu’ brevi quando si sono accorti che la push-rod all’anteriore non funziona…

  5. 12cilindri

    7 luglio 2015 at 20:41

    come ben sai le auto si progettano almeno due anni prima
    conoscendo logicamente il regolamento che cambia di anno in anno,la macchina 2015 è stata fatta in 3 mesi sulla base della vecchia 2014 correggendo alcuni difetti basilari , quindi non si può considerare un progetto totalmente nuovo, allison ha fatto soltanto le dovute correzioni ma solo ripeto in 3 mesi,speriamo che quella 2016 sia un progetto completamente nuovo ma fatta solo da allison allora si vedremo se la ferrari ha azzeccato il progetto oppure no

    • stefanoabbadia

      9 luglio 2015 at 07:47

      Concordo ma solo in parte….lo studio vettura 2015 è iniziato a Marzo 2014 ….dopo i test di Febbraio in Bahrein la Ferrari aveva già capito lo stato del progetto 2014…non crediate che lo abbiano scoperto solo al primo gp….era già tutto chiaro da prima!! hanno tentato alcuni correttivi nelle prime due gare e quindi abbandonato completamente il progetto e sviluppo concentrandosi sul 2015…mi pare inopinabile. Cmq concordo nel rimandare ogni giudizio (per quanto consentito) su Allyson dopo il primo gp 2016…lui è in Ferrari da primavera 2013…

  6. lucaraikkonen

    6 dicembre 2015 at 11:16

    Per fortuna Tomb è fuori dai cancelli e nn può piu far danni.
    Evviva James Allison e la push-rod! 🙂

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | La Mercedes si nasconde e “spia” i suoi avversari

Lo conferma Allison: "Guardiamo le foto, analizziamo i dettagli delle altre macchine, valutiamo i tempi cronometrati e ascoltiamo le voci che circolano in pitlane"
Come tutte le squadre in preseason, per evitare che gli avversari possano capire il loro reale potenziale e conoscere i
News F1

Mercedes: Allison sul podio, una stoccata alla Ferrari

Tra Ferrari e Mercedes è guerra anche psicologica, con Stoccarda che ha tirato un colpo basso al Cavallino...
Mentre il popolo del web discuteva animosamente della penalità comminata a Verstappen, in Texas si consumava l’ennesimo dispettuccio della Mercedes