F1 | La Mercedes si nasconde e “spia” i suoi avversari

Lo conferma Allison: "Guardiamo le foto, analizziamo i dettagli delle altre macchine, valutiamo i tempi cronometrati e ascoltiamo le voci che circolano in pitlane"

F1 | La Mercedes si nasconde e “spia” i suoi avversari

Come tutte le squadre in preseason, per evitare che gli avversari possano capire il loro reale potenziale e conoscere i punti di forza e debolezza prima dell’inizio vero e proprio del campionato, la Mercedes finge di non avere ben chiare alcune situazioni tecniche e non solo. Tuttavia James Allison ha voluto affrontare la realtà, dicendo di essere solo politicamente corretti perché sanno che i fan non credono davvero alle loro parole: “Forse fingiamo di concentrarci solo su noi stessi, ma penso che non inganniamo nessuno, guardiamo i dettagli di ciò che fanno gli altri”, ha rivelato Allison. “I nostri strateghi cercano di analizzare l’ordine della griglia seguendo il GPS nei giri cronometrati, i nostri progettisti e ingegneri esaminano un enorme archivio di fotografie, cercando di trovare innovazioni e punti da poter sviluppare in futuro“, ha aggiunto.

Ovviamente, tutti i team cercano di “spiare” gli altri per vedere cosa possano aver portato di nuovo, su cosa hanno lavorato e migliorato le loro performance, ma ascoltano anche le voci che girano nel paddock tra rumors e indiscrezioni: “Ascoltiamo le voci in pitlane e cerchiamo di far sapere la verità su di loro, alcuni di noi leggono i comunicati stampa ogni giorno per vedere se leggiamo qualcosa tra le righe o analizziamo gli atteggiamenti delle squadre, lo facciamo perché siamo ossessionati e amiamo il nostro sport”, ha detto l’ingegnere britannico.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Mercedes: Allison sul podio, una stoccata alla Ferrari

Tra Ferrari e Mercedes è guerra anche psicologica, con Stoccarda che ha tirato un colpo basso al Cavallino...
Mentre il popolo del web discuteva animosamente della penalità comminata a Verstappen, in Texas si consumava l’ennesimo dispettuccio della Mercedes