F1 | Williams, Russell: “Alfa Romeo molto in forma qui, ce la giochiamo con la Haas”

Latifi: "Abbiamo provato alcune cose che non hanno funzionato"

F1 | Williams, Russell: “Alfa Romeo molto in forma qui, ce la giochiamo con la Haas”

Giornata un po’ complicata per la Williams, che a Silverstone è tornata un po’ nel fondo della classifica. Russell ha concluso in diciassettesima posizione, ma considerando che Vettel si è classificato dietro di lui sarebbe anche potuto finire un po’ più giù. A dire il vero il distacco dalla prima posizione non è nemmeno così elevato, appena di un secondo e mezzo, ma il britannico conferma le difficoltà previste sulla FW43 prima del weekend del Gran Premio di Gran Bretagna. Male Latifi, ultimissimo a 1.2 secondi dal compagno di squadra.

“Oggi è stato difficile – ha ammesso Russell. Il ritmo era buono, ci aspettavamo questo, ma come team questo circuito non si adatta alle caratteristiche della nostra vettura al contrario dell’Ungheria. Le Alfa Romeo sembrano piuttosto veloci, quindi penso che saremo in competizione con la Haas in questo weekend. Stiamo cercando di trovare il giusto compromesso tra carico aerodinamico e velocità: ci sono un sacco di rettilinei qui ma molte curve ad elevata percorrenza, quindi devi provare a fare il meglio senza compromettere la serie di curve Copse-Maggots-Becketts. Non siamo ancora dove vorremmo essere, ma almeno abbiamo la possibilità di lottare”.

“Nel complesso mi sono divertito parecchio – ha detto Latifi. Silverstone è il mio circuito preferito in calendario, quindi non vedevo l’ora di guidare qui con una vettura di Formula 1. E’ molto divertente per quanto riguarda la velocità. Nelle FP1 abbiamo avuto qualche problema che ci ha rallentato nel programma, mentre nel pomeriggio sono state provate alcune cose che però non hanno funzionato. Il ritmo non era l’ideale, ho consumato anche troppo carburante, molto più del previsto. Forse siamo riusciti a capire il problema, ma abbiamo tante cose da analizzare stasera”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati