F1 | Williams: “Due anni negativi non definiscono una squadra”

"Ho visto la volontà di impegnarsi a fondo per cambiare le cose"

F1 | Williams: “Due anni negativi non definiscono una squadra”

Le recenti stagioni sono state un vero disastro per la scuderia britannica e il prossimo anno dovrà compiere un miracolo se vorrà avere un ruolo competitivo almeno nelle retrovie. Recentemente la Williams ha festeggiato i 40 anni come costruttore indipendente e in Formula 1 ha ottenuto sette mondiali piloti e nove campionati costruttori tra il 1980 e il 1997. L’ultimo pilota ad ottenere il titolo è stato Jacques Villeneuve. Nel 2017, la scuderia britannica ha concluso in quinta posizione nella classifica dei team e da quel momento in poi, c’è stato il crollo.

“Due anni difficili non definiscono una squadra”, ha commentato Claire Williams a Racer.

Secondo il vice team principal, il prossimo anno la Williams riuscirà a recuperare:

“Quest’anno ho visto nel team un livello straordinario di resilienza e tenacia, nonché la volontà di impegnarsi a fondo per cambiare le cose. Ho sempre detto che ci vorrà del tempo ma negli ultimi 14 mesi abbiamo subito una notevole trasformazione nella squadra e stiamo vedendo che i risultati di quel lavoro stanno dando i frutti”.

Sicuramente, una nota positiva per il team è stato il debutto di George Russell e anche se non ha terminato in top 10, ha comunque dimostrato determinazione e costanza. Il giovane britannico sarà affiancato dal rookie Nicholas Latifi, dopo la partenza di Robert Kubica.

Questa pausa invernale sarà decisiva per il team che dovrà sviluppare un’auto competitiva in vista della prossima stagione che inizierà il 15 marzo.

“Dobbiamo assicurarci di dare a George e Nicholas un’auto con la quale possano mostrare le loro capacità. Questo è ciò su cui tutti stiamo lavorando in fabbrica. Abbiamo degli obiettivi per il prossimo anno, così come gli altri team del paddock. Siamo contenti e a nostro agio con quegli obiettivi e dove siamo al momento. E’ sempre una sfida per qualsiasi squadra raggiungere gli obiettivi che si prefigge. È una sfida preparare le macchine ai test e credo che il nuovo telaio del prossimo anno sarà un miglioramento”.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati