F1 | Ocon sulla stagione in Renault: “Il processo di adattamento non è stato semplice”

"Siamo riusciti a mettere insieme tutti i pezzi solo a Sakhir", ha affermato il francese

"Nella mia parte del garage abbiamo passato diverso tempo a sperimentare col set-up", ha dichiarato il francese
F1 | Ocon sulla stagione in Renault: “Il processo di adattamento non è stato semplice”

Intervistato dai media durante la prima giornata del Rally di Monte Carlo, manifestazione a cui sta prendendo parte come testimonial di Alpine, Esteban Ocon ha raccontato alcuni retroscena della sua prima stagione in Renault, evidenziando come il processo di adattamento alla RS20 non sia stato affatto semplice e lineare.

Secondo quanto dichiarato dal pilota francese, la Renault di quest’anno offriva delle sensazioni totalmente differenti rispetto alla Force India del 2018 e alla Mercedes del 2019, vettura con cui ha effettuato dei test, aspetto che ha costretto la squadra ad un lungo lavoro di adattamento al suo stile di guida.

“Nella mia parte del garage abbiamo passato diverso tempo a sperimentare col set-up”, ha dichiarato Esteban Ocon. “Ho cercato di adattare il mio stile di guida alla monoposto, ma in Formula 1 si migliora solo quanto stai a stretto contatto con gli ingeneri. Questo ti da fiducia e forza nei propri mezzi. Purtroppo, però, l’auto non si comportava con la Mercedes o la Force India, dato che le caratteristiche erano diverse. Non prende le curve allo stesso modo e le sensazioni sono diverse, ragion per cui il processo di adattamento non è stato semplice”.

“Pensavo che sarei salito in vettura e avrei trovato lo stesso comportamento della Force India, ma non è andata così”, ha aggiunto. “Capivo questo concetto ogni volta che salivo in vettura e apportavo una modifica alla posizione di guida o al set-up. Finalmente, in Bahrain, siamo riusciti a mettere tutti i pezzi al loro posto. La strada imboccata si è rivelata quella giusta e vogliamo continuare su questo percorso anche nel 2021”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati