F1 | La Red Bull si affida al congelamento dei motori

Marko: "Siamo in attesa della decisione della FIA, dovrebbe arrivare la prossima settimana"

F1 | La Red Bull si affida al congelamento dei motori

Tiene banco in questi giorni la decisione della FIA, che dovrebbe arrivare entro fine mese in merito al congelamento dei motori in Formula 1 per cercare di contenere i costi nei prossimi anni. Una nuova modifica del regolamento, approvato anche dalla Ferrari e che di fatto dovrebbe permettere alla Red Bull di poter andare avanti coi motori Honda anche dopo questa stagione, quando la casa giapponese abbandonerà ufficialmente il Circus. L’intenzione della squadra austriaca è quella di acquisire la proprietà intellettuale delle Power Unit nipponiche e continuare quindi con questo motore anche in futuro, così da evitare un passaggio ad un altro fornitore, molto probabilmente Renault e con il quale non c’è stato un divorzio amichevole nel 2018, così da scongiurare anche un eventuale ritiro della Red Bull dalla Formula 1, possibilità comunque molto remota.

“Siamo in attesa della decisione della FIA – ha detto Marko ad Auto Motor und Sport. Dovremmo saperne di più la prossima settimana. Tra noi e la Honda è tutto risolto: aspettiamo solo l’ok della Federazione in merito al congelamento dei motori, e quando arriverà lavoreremo di conseguenza. Il blocco dello sviluppo delle Power Unit è una decisione chiara e di buon senso. Non abbiamo un piano in B nel caso non dovessimo continuare con i propulsori Honda, ed il congelamento sarà importantissimo, l’intero progetto sarebbe più facile da gestire, oltre che l’unica soluzione possibile per vari motivi, tra i quali i costi, elevati per questi motori così sfortunati”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Si va verso il congelamento dei motori

Sulla sprint race invece i team hanno chiesto ancora tempo, ma hanno aperto a questa idea
Alla fine è passata la linea Red Bull. Quest’oggi, con la riunione della F1 Commission, il Circus si giocava buona