F1 | Red Bull, Verstappen: “Sapevamo che avremmo dovuto scontare ulteriori penalità per il motore”

Il pilota olandese ha chiarito il motivo del ritorno alla seconda specifica della Power Unit Renault

F1 | Red Bull, Verstappen: “Sapevamo che avremmo dovuto scontare ulteriori penalità per il motore”

Nel corso degli ultimi mesi Renault ha lavorato duramente per migliorare le prestazioni della propria Power Unit per cercare di chiudere il gap dai rivali Ferrari e Mercedes. Per questo il costruttore francese ha introdotto due nuove versioni della propria unità durante la stagione, ovvero la “spec-B” e la “spec-C”: quest’ultima, in particolare, sembrava essere un buon passo in avanti in termini di cavalli, fornendo un boost di potenza per avvicinarsi alle squadre di testa soprattutto in qualifica nonostante, come aveva specificato la stessa Renault, non fosse ancora completamente affidabile sul lngo periodo.

Nonostante i dubbi, Red Bull non aveva esitato a cogliere l’opportunità di sfruttare questa nuova versione della unità motrice francese, sperando che potesse tornare utile a Monza e a Singapore, quest’ultimo un appuntamento che la squadra anglo-austriaca sentiva di poter vincere con un adeguato surplus di potenza. Problemi di affidabilità che poi si sono effetivamente verificati durante la scorsa gara a Marina Bay, dove Verstappen aveva sofferto di alcune noie tecniche che avevano messo a rischio il suo secondo posto finale. Come rivelato proprio dall’olandese, però, Red Bull sapeva già dal Gran Premio d’Italia che nel corso di questa parte finale di stagione, la squadra austriaca sarebbe dovuta andare nuovamente in penalità per tornare alla versione B della Power Unit Renault: “La specifica-C della Renault non funziona bene alle alte altitudini come in Messico o in Brasile, quindi sapevamo fin dall’inizio che saremmo dovuti tornare ad usare la specifica-B ad un certo punto” – ha detto Verstappen -. “Penso che il Gran Premio di Russia sia il luogo migliore dove scontare questa penalità ed in questo modo avremo anche ulteriori pezzi di ricambio nel caso poi qualcosa si rompa”.

Il giovane pilota olandese ne ha poi approfittato per fare il punto su quale siano le differenze tra le due versioni: “La specifica-C ha più potenza in qualifica, ma è sullo stesso livello, o forse anche più lenta, in qualifica. Ma l’obiettivo era migliorare la qualifica. Abbiamo sempre voluto avere un miglioramento di un decimo o di un decimo e mezzo in questa fase. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di provare la specifica-C” ha poi concluso il pilota della Red Bull.

F1 | Red Bull, Verstappen: “Sapevamo che avremmo dovuto scontare ulteriori penalità per il motore”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Articoli correlati