F1 | Red Bull, Albon contro le vie di fuga in asfalto: “Non infrangi i limiti se un ostacolo te lo impedisce”

Cancellato al thailandese l'ultimo giro in qualifica: "Avrei fatto un buon tempo"

F1 | Red Bull, Albon contro le vie di fuga in asfalto: “Non infrangi i limiti se un ostacolo te lo impedisce”

Alexander Albon partirà dalla sesta posizione in griglia di partenza nel Gran Premio degli Stati Uniti. Il thailandese si è preso mezzo secondo dal pole man Bottas, e sarà l’unico dei top a iniziare la gara con le gomme Soft, mentre tutti i piloti davanti a lui scatteranno con le Medium. Potrebbe essere un vantaggio nelle prime fasi della corsa, ma per riuscire a concretizzare questa scelta dovrebbe fare una super partenza e piazzarsi quantomeno in quarta posizione, se non addirittura in terza, impresa obiettivamente complicata leggendo i nomi dei colleghi davanti a lui.

“Alla fine sono abbastanza contento e penso che abbiamo fatto un buon lavoro in qualifica, se non fosse stato per il mio errore all’ultimo giro – ha ammesso Albon. FP2 ed FP3 sono state due sessioni difficili, ma sono riuscito a trovare nuovamente il mio ritmo da qualifica ed ero a tre decimi prima di vedere il mio tempo cancellato alla curva 19. Penso che i piloti preferiscano i circuiti che non ti permettono di infrangere i limiti della pista, perché se c’è qualcosa a fermarti, tu allora ti fermi. Stavo spingendo nel mio ultimo tentativo ed è capitato di violare i limiti, penso di aver fatto 1:32.2, che non è lo stesso dei ragazzi là davanti, ma è comunque buono. Domani sarò il primo a partire con le Soft, spero mi dia un vantaggio all’inizio della gara per superare qualcuno in curva 1. Dobbiamo evitare contatti e incidenti, e penso che il nostro ritmo di gara sia buono, ma se dovesse fare più caldo le gomme si consumeranno più velocemente e si rischia un doppio pit stop, vedremo”.

F1 | Red Bull, Albon contro le vie di fuga in asfalto: “Non infrangi i limiti se un ostacolo te lo impedisce”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati