F1 | Pagelle GP Portogallo – Hamilton e Norris sugli scudi, che bravo Mick!

Verstappen ci prova, Leclerc fa il suo, Sainz crolla

F1 | Pagelle GP Portogallo – Hamilton e Norris sugli scudi, che bravo Mick!

Lewis Hamilton 9,5 Non perfetto come al suo solito, ma letale quando serve. Nella risposta di (pre)potenza al rivale Verstappen, nell’umiliazione inflitta all’inerme Bottas. E sono 97 in carriera, per lui che ha ripreso a volare e sembra esaltarsi nella sfida con la Red Bull.

Max Verstappen 8,5 Fa davvero quel che può e il suo GP è tutto nel sorpasso di cattiveria su Bottas, aggrappato con le unghie ad una sfida iridata che ha già i contorni di una battaglia impari, contro un avversario nel complesso più forte.

Valtteri Bottas 6 Bravo in qualifica, in gara si scioglie come neve al sole, passeggero comodo che viaggia in prima classe, ma umiliato senza appello dai primi due. Ha perso consistenza in gara, e non da questo GP.

Sergio Perez 6,5 Quarto in qualifica, quarto al traguardo, un po’ quella che dovrebbe essere la sua posizione naturale come seconda guida della Red Bull nei fab four. In mezzo una partenza bruttina e il duello con Norris. Il suo lo fa, ma non incanta.

Lando Norris 9 Brillante, cattivo, veloce, e per di più bravo a gestire le gomme (soprattutto le medie con cui chiude brillantemente il GP). Un quinto posto d’autore, che lo conferma tra i protagonisti di questo mondiale, a testimonianza di una crescita ormai evidente.

Charles Leclerc 6,5 Il “numero” lo fa in Q2, quando passa il taglio con le medie. Illusione di una Ferrari (voto 5,5) ben più forte di quella invero totalmente anonima vista domenica tra i saliscendi lusitani. Il suo lo fa, ma non brilla in qualifica e può davvero inventarsi poco in gara per invertire la rotta. La McLaren è ancora davanti.

Esteban Ocon 7 Più brillante in prova (6° sulla griglia di partenza) che in gara, dove comunque chiude con un ottimo settimo posto, confermando il buono stato di forma già visto a Imola.

Fernando Alonso 7,5 Da tredicesimo a ottavo in scia di Ocon. Ancora dietro al compagno, ma è tornato a ruggire, a lottare, a dare spettacolo, dimostrando di essere il solito animale da gara e da garra.

Daniel Ricciardo 6 Disastroso in qualifica, sfrutta il potenziale della McLaren per risalire in gara fino al nono posto, ma per ora il confronto con Norris è impietoso.

Pierre Gasly 6 Un punticino per una AlphaTauri competitiva più a parole che nei fatti.

Carlos Sainz 5 Il gambero rosso, che non è una guida enogastronomica, ma la sua gara dalle stelle alle stalle, dalla buona partenza al pessimo traguardo, passando per quella ripartenza dove si addormenta pure. Poi è vittima di una strategia “rivedibile”, con quelle gomme medie che si degradano e lo costringono a subire sorpassi a destra e manca. Una domenica brutta finita fuori dai punti.

Antonio Giovinazzi 7 Con una Alfa Romeo che tutto sembra fuorché una macchina da guerra fa bella figura in qualifica e sul passo gara, tenendosi dietro le tanto decantate Aston Martin. Bravo davvero l’Antonio nazionale.

Sebastian Vettel 6 Sprazzi di Seb, quantomeno in qualifica. Ma questa Aston Martin (voto 4) lascia interdetti, nel suo tentativo di riproporre i concetti Mercedes senza farli funzionare. Per ora una delusione.

Lance Stroll 5 Stavolta il figlio del capo proprio non brilla, ma così come per Vettel il problema è la monoposto.

 Yuki Tsunoda 5 Il rookie giapponese stavolta non spara fuochi d’artificio, ma per fortuna del team neanche botti…

George Russell 6 Pazzesco in qualifica (11°),remissivo in gara. Rischia di perdersi nella frustrazione per non avere tra le mani la vettura che meriterebbe.

Mick Schumacher 7 Asfalta il russo, si toglie lo sfizio di infilare Latifi e di precedere così una Williams sul traguardo. Il ragazzo impara in fretta il mestiere.

Kimi Raikkonen 3 Tamponare in pieno rettilineo il team mate proprio sulla pista dove l’anno scorso fece un primo giro consegnato agli annali è degno del suo personaggio. Mai banale il nostro Iceman.

Nikita Mazepin 3 Un minuto di distacco da Mick. Tragico.

Nicholas Latifi 4 Il canadese becca mezzo secondo in qualifica da Russell e chiude in gara dietro alla Haas. What else?

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati