F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “Spero di avere più fortuna nel prossimo weekend”

Due forature e troppa difficoltà nei sorpassi: il pilota Mercedes è solo ottavo

F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “Spero di avere più fortuna nel prossimo weekend”

Dalla prima fila all’ottava posizione: non è la prima volta che Valtteri Bottas subisce downgrade del genere quest’anno. Il finlandese sempre essere velocissimo sul giro secco, riuscendo sempre a giocarsela con il compagno di squadra durante le qualifiche, ma in gara Valtteri sbaglia sempre qualcosa. Per prima cosa, Bottas sbaglia la partenza, dove perde diverse posizioni, ritrovandosi sesto. Alla ripartenza, dopo la bandiera rossa causata dallo spaventoso incidente di Romain Grosjean, Bottas è quinto, ma subisce una foratura e da li la sua gara è totalmente compromessa. Fatica a recuperare posizioni e a sorpassare in pista e, alla fine, subisce una ulteriore foratura, durante la safety car causata dalla vettura in fiamme di Sergio Perez. Bottas si ferma per un pit-stop sospetto, sembra infatti che la squadra abbia sostituito solo tre gomme, ma non l’anteriore destra. Bottas è solo ottavo, in un’altra gara purtroppo anonima.

Sono grato che Romain stia bene, è la cosa più importante oggi e sono sollevato che sia scampato ad un incidente così assurdo – ha esordito Valtteri, che ha poi raccontato la sua gara – ho subito una foratura durante la ripartenza; non credo fosse dovuta ad un contatto e non ho nemmeno visto alcun detrito, per cui non sono sicuro della causa. Ho cercato di risalire in classifica, ma avevamo più carico sulle ali rispetto agli altri, non era facile sorpassare. Alla fine c’è stata un’altra foratura, ma fortunatamente c’era regime di safety car e non ho perso altre posizioni. Ho bisogno di capire cosa posso migliorare per la prossima settimana; il tracciato sarà diverso, ma molte caratteristiche saranno le stesse, possiamo sfruttare tutte le informazioni raccolte in questo weekend. Speriamo di avere più fortuna“.

 


Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati