F1 | Mercedes, Shovlin: “In Cina volevamo vincere dimostrando di essere i più veloci”

"Questo era il nostro obiettivo dopo le fortune del Bahrain", ha aggiunto

F1 | Mercedes, Shovlin: “In Cina volevamo vincere dimostrando di essere i più veloci”

Con tre doppiette in altrettante gare, la Mercedes è partita a razzo quest’anno. Dopo le difficoltà del Bahrain, con il team anglo/tedesco bravo e molto fortunato a massimizzare il risultato visto il guaio tecnico riscontrato sulla Ferrari di Leclerc, in Cina le frecce d’argento avevano come unico obiettivo quello di vincere, ma dimostrato al contempo di essere anche i migliori.

“Ovviamente quello della Cina è stato un grande risultato – ha ammesso Andrew Shovlin, capo ingegnere di gara della Mercedes. In Bahrain un mix di fortuna e affidabilità ci ha permesso di fare doppietta, quindi il nostro obiettivo a Shanghai era quello di vincere la gara da team più veloce. I due piloti hanno fatto un ottimo lavoro, Lewis ha guidato magistralmente gestendo bene la macchina e le gomme e speravamo di essere in grado di fare un vuoto dietro di noi così da poter evitare le strategie degli avversari. Tutti nelle fabbriche stanno lavorando duramente per ottimizzare la vettura su ogni tracciato e portare gli sviluppi necessari sulla macchina, è fantastico che tutto questo lavoro sia stato premiato da un inizio di stagione del genere”.

F1 | Mercedes, Shovlin: “In Cina volevamo vincere dimostrando di essere i più veloci”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti
  1. .. non è normale

    19 aprile 2019 at 21:24

    ridicoli!! incominciate a non piagnucolare o a chiedere aiuti alla fia quando qualcuno vi batte e poi vediamo se fate ancora gli sborroni crucchi

  2. Susan

    19 aprile 2019 at 22:04

    ENZO FERRARiiiiiii dove seiiiiiiii solo tu saresti stato in grado di mettere in riga questi 4 Krukki da 2 soldi

  3. Magu

    20 aprile 2019 at 11:08

    Ottima la strategia del doppio pit-stop e ben eseguito…Vittoria stra-meritata e mai messa in discussione…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati