F1 | McLaren, Andreas Seidl: “Il podio in Brasile ci ha reso più affamati”

"Dobbiamo continuare a spingere fino alla fine se vogliamo ripetere il risultato conquistato ad Interlagos"

F1 | McLaren, Andreas Seidl: “Il podio in Brasile ci ha reso più affamati”

L’adrenalina è ancora alta in quel di Woking, ma dopo una settimana di festeggiamenti è tempo di tornare in pista.

Il trofeo conquistato da Carlos Sainz ad Interlagos ha sicuramente riportato gioia ed aria fresca ad un team in astinenza da podi da ormai troppo tempo.

Ma la McLaren non ha nessuna intenzione di accontentarsi, come confermato dalle parole di Andreas Seidl.

Dopo il grande risultato di Interlagos, è tempo di tornare a correre. Abbiamo festeggiato il podio di Carlos e il nostro quarto posto nel campionato costruttori per tutta la settimana con l’intero team a Woking. Ma ora, abbiamo di nuovo la testa bassa e siamo concentrati sul nostro compito. Sappiamo che dobbiamo continuare a spingere in ogni occasione se vogliamo guadagnare più podi e il Gran Premio del Brasile ha fornito tutta la motivazione di cui abbiamo bisogno per raggiungere questo obiettivo“.

Se il campionato costruttori è un affare concluso, per la McLaren, lo stesso non si può dire per il campionato piloti: Carlos Sainz e Lando Norris dovranno darsi da fare per terminare al meglio la loro stagione.

Ora rivolgiamo tutta la nostra attenzione all’ultima gara della stagione, dove mireremo a concludere l’anno al massimo. Abbiamo fatto buoni progressi durante l’anno e vogliamo dimostrarlo nella gara finale – ha continuato Seidl – con la conferma della posizione nel campionato costruttori, ora stiamo prendendo di mira le migliori posizioni possibili nel campionato piloti. Carlos è in ottima posizione per lottare per il sesto posto e Lando può anche scalare posizioni questo fine settimana. La nostra passione e motivazione rimangono forti e non vediamo l’ora di combattere fino all’ultimo giro della stagione”.

F1 | McLaren, Andreas Seidl: “Il podio in Brasile ci ha reso più affamati”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati