F1 | Marko spara a zero su Mercedes: “Hanno chiesto loro di cambiare le gomme”

"0,4 millimetri cambiano il comportamento di una monoposto, ma non ci vuole un genio per capire un discorso di questo tipo", ha aggiunto

F1 | Marko spara a zero su Mercedes: “Hanno chiesto loro di cambiare le gomme”

Pesante critica di Helmut Marko nei confronti della Pirelli per quello che riguarda la scelta di modificare le mescole per l’ultimo Gran Premio di Spagna. In un’intervista rilasciata alla Bild, infatti, l’austriaco ha rivelato di come Mercedes abbia pressato la Casa italiana per una modifica del battistrada, così da ridurre il fenomeno del blistering.

Una scelta che ha portato non solo al tracollo della Ferrari in gara, ma anche ad una Red Bull non performante durante l’ultimo GP a Barcellona. Secondo Marko, infatti, 0.4 millimetri cambiano il comportamento di una vettura in pista, fattore che la stessa Casa austriaca ha fatto notare durante le discussioni su un possibile cambio. La potenza politica della Scuderia campione del Mondo, però, non ha permesso al team di Dietrich Mateshcitz di impedire una modifica di questo tipo, spingendo Pirelli verso una scelta che ha condizionato le prestazioni in Catalogna.

Ecco le parole di Helmut Marko: “Non bisogna essere dei geni per capire che se togli 0,4 millimetri da una gomma esse cambiano comportamento, diventando più difficili da gestire. Ecco perchè altri team sono riusciti ad andare più forti di noi. Le mescole sono state cambiate su richiesta di Mercedes e non mi stupisco neanche tanto di questo. Parliamo di un costruttore di automobili, mentre noi produciamo bibite energetiche, come potremmo mai contrastare decisioni di questo tipo?”.

“Sono pressioni che puoi permetterti di fare solo quando sei allo stesso tempo squadra e produttore”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. kevin8

    15 Maggio 2018 at 13:28

    Ma non erano 0,4 mm? Ma Marko oltre alle bibite energetiche non dovrebbe bere qualcosa per la memoria?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati