F1 | Kvyat spiega perché non si è inginocchiato prima della gara in Austria

"Va contro la mia mentalità russa: noi ci inginocchiamo per la patria, la bandiera e Dio", ha detto Daniil

"Tutti i piloti sono uniti nella lotta al razzismo", ha aggiunto Kvyat
F1 | Kvyat spiega perché non si è inginocchiato prima della gara in Austria

La Formula 1 si sta impegnando in prima linea nella lotta contro al razzismo. Lo sta facendo in tutti i modi possibili così da poter educare, provandoci quantomeno, il vasto pubblico del Circus. Prima della gara di domenica scorsa in Austria, alcuni piloti, tra i quali Lewis Hamilton e Sebastian Vettel si sono inginocchiati, come ormai da “tradizione” nelle ultime settimane, mentre altri come Leclerc e Verstappen hanno scelto liberamente di non farlo. Giustamente, ognuno ha pensato di mostrare il proprio sostegno a modo suo, e per questo non vanno assolutamente giudicati. Anche Daniil Kvyat, pilota dell’AlphaTauri è stato tra i piloti a rimanere in piedi, e all’emittente russa 1TV ha spiegato il perché.

“Quando hanno suggerito di inginocchiarsi, come gesto di lotta contro al razzismo, per me è stato un po’ incomprensibile – ha ammesso Kvyat. Il perché è semplice: va contro la mia mentalità russa, noi ci inginocchiamo per la patria, la bandiera e Dio. Tutti i piloti sono uniti in questa battaglia contro la discriminazione razziale, abbiamo mostrato la nostra posizione indossando la maglietta con la scritta “End Racism” prima della partenza della gara domenica scorsa”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati