F1 | Haas, Grosjean: “Dalla Germania sono tornato in forma, grazie al team per la pazienza”

"Non è facile tenere il posto, alcuni piloti guiderebbero anche senza stipendio", ha aggiunto

F1 | Haas, Grosjean: “Dalla Germania sono tornato in forma, grazie al team per la pazienza”

E’ stato per molto tempo in discussione quest’anno per i risultati non soddisfacenti, e ha rischiato di rimanere seriamente fuori dalla Formula 1 nella prossima stagione. Parliamo di Romain Grosjean, che a Baku ha probabilmente toccato il punto più basso della sua carriera dopo Spa 2012, quando con quell’incidente bruttissimo si beccò una gara di squalifica. Il francese però, grazie agli ultimi risultati è riuscito a mantenere il posto con la Haas anche per il 2019 al fianco di Kevin Magnussen. Romain ha creduto nel progetto del team americano già nel settembre del 2015, quando firmò con il team di Formula 1 ancora in fase di costruzione.

“La chiave di tutto è stata la Germania, lo sapevo – ha detto Grosjean. Prima di quella gara ho capito quali fossero le problematiche e ho lavorato per risolverle. A Hockenheim sono tornato in forma. Le cose prima o poi dovevano girare, la stagione sembrava peggiore di quanto non lo fosse nella realtà a causa della sfortuna. In Bahrein ero nei punti, poi però ho avuto problemi sulla macchina, mentre in Canada avrei potuto fare un bel weekend, ma si è rotto il motore nelle qualifiche. A Silverstone ho pensato: “Ok, ho bisogno di capire cosa fare e in che modo per far sì che tutto vada bene”. A quel punto sapevo di essere nuovamente in corsa a Hockenheim e Budapest. Ho risolto alcune questioni, la squadra sa cosa ho fatto per loro e sono stati pazienti, questo è grandioso. Non è mai facile mantenere il posto, ci sono piloti disposti a guidare anche senza stipendio pur di essere in Formula 1. Ma l’esperienza è qualcosa che non puoi comprare e credo che un team come la Haas abbia bisogno di un pilota esperto per lo sviluppo e la crescita”.

 

 

 

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati