F1 | Ferrari ottiene con Leclerc la seconda fila nel Gran Premio di Turchia

Sainz scatterà dall'ultima posizione

Ferrari, l'analisi del sabato di qualifiche in Turchia
F1 | Ferrari ottiene con Leclerc la seconda fila nel Gran Premio di Turchia

Un buon risultato quello colto dalla Scuderia Ferrari nelle qualifiche del Gran Premio di Turchia. Charles Leclerc ha conquistato un posto in seconda fila grazie ad un ottimo ultimo giro in Q3, quando è riuscito ad issarsi fino alla quarta posizione assoluta con un tempo – 1’23”265 – che lo ha messo davanti a tutti gli avversari diretti nella classifica Costruttori.

Condizioni difficili. Sono stati sessanta minuti tiratissimi, caratterizzati dalle condizioni della pista che non sono mai state ottimali a causa della pioggia caduta per buona parte del Q1. Tutta la squadra – piloti, muretto, box – ha lavorato in maniera impeccabile, sfruttando al meglio ogni opportunità. Importantissimo il contributo di Carlos Sainz che, pur sapendo che il suo piazzamento in griglia era già stato determinato nei giorni scorsi dalla decisione di cambiare la power unit, ha fatto di tutto per mettersi al servizio della squadra: prima è riuscito a qualificarsi per la Q2 eliminando uno dei principali avversari nella classifica Costruttori e poi ha dato la scia a Charles nel suo ultimo tentativo della seconda fase. Per entrambi però resta l’incognita legata al comportamento delle gomme sulla lunga distanza, un’area su cui resta ancora molto da lavorare.

Speranza e rimonta. Domani si preannuncia una corsa molto intensa. Charles partirà dalla terza posizione con la possibilità concreta di giocarsi un posto nelle zone alte della classifica. Per Carlos si prospetta un pomeriggio in salita, visto che scatterà dal fondo dello schieramento, ma la voglia di rimonta gli darà sicuramente ancor più motivazione.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati