F1 | Ferrari e Red Bull favorevoli alla riduzione del budget cap

Il Cavallino e Milton Keynes disponibili a passare da 175 a 150 milioni, i piccoli team chiedono invece un taglio di 100 milioni

Per un nuovo abbattimento dei costi Ferrari e Red Bull avrebbe chiesto il congelamento dello sviluppo di alcune componenti
F1 | Ferrari e Red Bull favorevoli alla riduzione del budget cap

L’emergenza coronavirus sta mettendo in ginocchio anche il mondo della Formula Uno, con il Circus che finora ha dovuto rinviare diversi appuntamenti in calendario. Un’autentica piaga che avrà ripercussioni sul piano economico. A tal proposito il sito F1-insider.com riferisce che Ferrari e Red Bull sarebbero disposte a ridurre il budget cap, passando dai 175 milioni di dollari previsti dal prossimo anno a 150.

Al tempo stesso però il Cavallino e la scuderia di Milton Keynes vorrebbero il congelamento dello sviluppo di alcune componenti tra le quali figurerebbe anche il motore. I team più piccoli, che sono quelli più esposti da un punto di vista economico, chiedono invece una riduzione del tetto di spesa (dal quale ricordiamo sono esclusi gli stipendi piloti, il marketing e spese di viaggi per i vari membri delle scuderie) addirittura di cento milioni. Una tematica che sarà oggetto di discussone nella videoconferenza che si terrà lunedì prossimo.

F1-insider suggerisce inoltre che Toto Wolff, team principal Mercedes, avrebbe chiesto agli sponsor di pagare gli stipendi dei piloti. Tra i quali figura la Monster, con la nota azienda di bevande energetiche che starebbe pensando a un suo impiego più massiccio in Formula Uno prendendosi così carico dell’oneroso salario di Lewis Hamilton.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati